Moonlight, ecco chi sono le black stars del film gay più atteso dell’anno

di

Scopriamo chi sono gli attori di colore del commovente dramma queer di Barry Jenkins candidato a ben otto Oscar.

CONDIVIDI
187 Condivisioni Facebook 186 Twitter Google 1 WhatsApp
7353 0
7353 0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Esce oggi in Itala, finalmente, Moonlight di Barry Jenkins, distribuito da Lucky Red. Come già detto nella recensione, questo intenso dramma gay coprodotto da Brad Pitt – vincitore del Golden Globe come miglior film drammatico e candidato a otto premi Oscar tra cui miglior film e regia – vi commuoverà certamente col suo minimalismo poetico e dolente (indimenticabile il sofferto grido di Chiron: “A volte piango così tanto che mi sembra di diventare liquido”).

Ma chi sono i tre attori che interpretano il protagonista nelle tre diverse fasi della sua vita, durante l’infanzia, l’adolescenza e infine nell’età adulta? E la rivelazione candidata all’Oscar che incarna magistralmente lo spacciatore Juan? Per non dire delle due splendide donne, la mamma naturale e quella ‘adottiva’ di Chiron?


Alex R. Hibbert – lo scricciolino nero

Ecco il tenero Chiron detto Little che si affaccia alla (difficile) vita a Liberty City, il quartiere più pericoloso di Miami, fatiscente ricovero per tossici e spacciatori. È la prima parte del trittico, quella più sperimentale e hip-hop, con Little inseguito dai bulli e accolto nella sua ‘nuova’ famiglia dall’amorevole Juan e dalla sua compagna. Spaesato e intimidito, Little inizia lentamente a farsi le ossa, o meglio la ‘pelle di rinoceronte’, come direbbe Tim Cook.

Ashton Sanders – Chiron sta per diventare uomo

Giovane promessa ventunenne, ha già recitato in The Retrieval, quattro anni fa, e nel rappeggiante Straight Outta Compton (2015). È il capitolo centrale, quello dedicato all’educazione sentimentale rimossa, quando Chiron s’innamora dell’amico Kevin con cui avrà la prima e unica esperienza sessuale. Memorabile il piano sequenza alla Gus Van Sant dell’ingresso nella scuola, quando Chiron è pronto a mettere in pratica la sua personale vendetta.

Trevante Rhodes – Il maschio sensibile dai denti d’oro

Ex velocista nato in Louisiana ma trasferitosi a Los Angeles per fare l’attore, impersona Black, ossia Chiron una volta divenuto adulto. Inizialmente aveva fatto le prove per il ruolo di Kevin da grande. È l’ultimo capitolo del film, il più bello. Siamo alla resa dei conti, ai rimpianti per ciò che non c’è stato e poteva esserci, ai primi bilanci di un’esistenza difficile. Chiron è diventato anche lui uno spacciatore ma ora può far bella mostra di un’auto ruggente e collanone d’oro zecchino. Rincontrerà Kevin ma non vi anticipiamo altro: è il più struggente finale queer degli ultimi anni.

Mahershala Ali – lo spacciatore dallo spirito paterno

Potrebbe vincere l’ambita statuetta dorata come miglior attore non protagonista: l’unico vero rivale è il bravissimo Michael Shannon, sceriffo malato terminale in Nocturnal Animals di Tom Ford.

Californiano quarantatreenne con solide esperienze cinematografiche alle spalle (ha recitato ne Lo strano caso di Benjamin Button e in Hunger Games), interpreta lo spacciatore Juan che soccorre Little durante un inseguimento dei bulli e lo ospita amorevolmente nella sua casa. È uno dei personaggi più positivi del film.

Naomie Harris – la mamma sofferente

Altra prova da Oscar – la insidia Viola Davis per Barriere, già vincitrice del Golden Globe – per questa attrice londinese per metà giamaicana, lanciata a Hollywood dal ruolo di Moneypenny in 007 Spectre e consacrata dall’Academy grazie a questa nomination. Si è preparata studiando il comportamento delle tossicodipendenti dell’epoca: “Era evidente come la droga le trasformasse – spiega la Harrise come finissero per nascondere completamente la loro personalità. Provare empatia per Paula è stato molto più semplice per me quando ho cominciato a vederla come una persona completamente chiusa in se stessa”.

Janelle Monae – la mamma ‘adottiva’

Leggi   Xavier Dolan: un bellissimo video raccoglie tutte le inquadrature perfette dei suoi film

È la vera outsider del cast: interprete rinomata di Rhythm and Blues, spesso paragonata addirittura a James Brown, interpreta Teresa, l’amorevole moglie di Juan che si trova quasi ad ‘adottare’ il piccolo Chiron semiabbandonato dalla madre naturale.

“Mi ha sorpreso – ha dichiarato la direttrice casting Yesi Ramirez -. Aveva grande sentimento e una vasta gamma di capacità espressive. Era molto importante che Teresa apparisse materna e tranquillizzante, visto che Paula non può certo assolvere a questo ruolo nella vita di Chiron”.

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...