Stefania Prestigiacomo, nuovo ministro per le Pari Opportunità

di

E' la giovane parlamentare siciliana, nata nel 1966, a prendere il posto che fu prima della Balbo e poi della Katia Bellillo

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


A sorpresa, nella lista dei ministri consegnata questa mattina al Presidente della Repubblica Carlo Azelio Ciampi da Silvio Berlusconi, al dicaestero che fu di Laura Balbo e di Katia Bellillo, così importante per noi, è stata nominata una giovane parlamentare siciliana, Stefania Prestigiacomo.

La Prestigiacomo, imprenditrice siracusana, è già alla sua seconda legislatura. Il mondo imprenditoriale ha rappresentato un punto costante di riferimento nella sua attività parlamentare, nella quale naturalmente ha trovato spazio anche una particolare attenzione alle tematiche femminili.Con alcune colleghe partecipò alla protesta per la sentenza sullo stupro in jeans. Nella precedente legislatura ha ricoperto l’incarico di vicecapogruppo di Forza Italia alla Camera.

Scorrendo i testi di disegni di legge a cui lei ha aderito la scorsa legislatura, a parte quelli legati al territorio siciliano, ve ne sono alcuni che fanno sperare in bene: uno di divieto delle mutilazioni genitali femminili, uno contro la violenza sessuale, uno contro le molestie sessuali sul luogo di lavoro, uno per l’eliminazione nella nostra Costituzione della possibilità in caso di guerra di comminare la pena di morte, uno contro lo sfruttamento sessuale dei minori, uno ancora per l’istituzione del servizio volontario femminile. In molti casi, ha firmato progetti di legge cui hanno aderito deputati donne e senatrici anche del Centro-Sinistra.

All’On. Prestigiacomo i migliori auguri della redazione di gay.it, con la forte speranza che sappia mantenere, per il Dicastero da lei diretto, quel ruolo così importante per i gay e le lesbiche che Laura Balbo prima e Katia Bellillo poi gli hanno dato.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...