Galasso: «il diritto penale non è cosa per gay»

di

L'avvocato Galasso davanti a 200 allievi: "Avvocati penalisti gay non ce ne stanno. Guai al giorno in cui scoprissi che esistono penalisti gay". Presa di distanza dei colleghi.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
6537 0

Durante il corso per avvocati penalisti che si è concluso a Roma lo scorso 23 giugno, l’avvocato Mercurio Galasso, uno degli organizzatori, ha concluso i lavori con questa sortita: «Avvocati penalisti gay non ce ne stanno. Guai al giorno in cui scoprissi che esistono penalisti gay. E poi, lo dice la parola stessa, il diritto PENALE non è cosa per gay».
L’espisodio è venuto alla luce grazie a Ezio Menzione, noto avvocato penalista e difensore da molti anni in casi che vedono coinvolti omosessuali, e che in quel momento era fra la platea: «Quella che voleva essere una battuta ha scatenato l’imbarazzo del pubblico e del Presidente stesso -dice Menzione in una discussione che ha aperto sul forum del sito ufficiale delle camere penali, arrivando anche a proporre una soluzione- il capitombolo non può non essere rimarcato perché non accada di nuovo: quando si vuole formare quasi 200 giovani avvocati, si chiederebbe maggiore attenzione ai diritti e alla dignità di ognuno.
Che fare? Escluso, per ragioni di età, di “punire” il collega Galasso facendogli scrivere trecento volte alla lavagna:”Meno male che esistono i penalisti gay!”, si potrebbe invece pensare (e la proposta è seria) ad inserire nel prossimo corso una lezione sui diritti dei gay (diritti civili e diritti in sede penale, per penalisti e per gay qualunque). Io mi candido a coordinare la lezione, visto che sulla materia ho scritto un intero libro.»
Il dibattito sul sito è aperto e le risposte dei colleghi di Menzione sono di solidarietà con lui e la sua proposta. Fra queste quella di Rosanna Mura, avvocato, la quale afferma: «È il segno di una arretratezza culturale drammatica. Chi oggi si ostina a fare battute sui gay, chi cerca la risata grassa è fuori dalla storia.
Sono d’accordo con chi ha parlato di insulti. Non sono gay ma li vivo ugualmente come tali e mi fa piacere che qualcuno trovi la forza di reagire, in modo civile ma fermo, a questo fatto poco edificante.
A chi ancora ritiene tollerabili questi insulti vorrei chiedere: vi siete accorti che il mondo è cambiato? Vi siete accorti che questa professione è sempre più rosa e meno maschile, anche nel penale? pensate davvero che sia possibile e auspicabile che alle donne (ed ai gay, naturalmente) sia imposto di subire e trovare divertenti battute di questo tipo? Quasi fosse un prezzo da pagare al momento della iscrizione all’albo: se vuoi fare la penalista devi avere uno spirito di autentico cameratismo il che vuole dire, ridere di battute come quella riferita. Altrimenti? Bè non sei del gruppo.»
Clicca qui per seguire alla discussione

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...