Juana, la trans colombiana che ha conquistato il cinema

Da ‘Manuale d’Amore 2′ al video di ‘Gino e l’alfetta’, Juana Jimenez, colombiana e attrice quasi per caso, ha già recitato con alcuni dei maggiori nomi del grande schermo italiano.

La splendida Juana Jimenez è l’altra faccia del cinema. E’ la prova che anche una trans ce la può fare. Stimata ed apprezzata dagli addetti ai lavori del grande schermo, la bella colombiana, è stata protagonista di molte pellicole importanti. Tra le sue interpretazioni più recenti ‘Manuale d’Amore 2’, dove ha interpretato il ruolo di Esmeralda, nell’episodio con Antonio Albanese e Sergio Rubini, che racconta la storia sofferta dei due protagonisti, coppia gay dichiarata, costretti ad affrontare pregiudizi e cattiverie in una Sicilia ostile nei confronti dell’omosessualità. Amica dei due, la bella Esmeralda, trans imponente e giunonica, è una vera esplosione di allegria, ma anche di dolcezza.

Con grande soddisfazione Juana Jimenez commenta la sua partecipazione al film ‘Manuale d’Amore2’: "Giovanni Veronesi, quando mi ha scelta, mi ha detto che dovevo essere orgogliosa di interpretare il ruolo di Esmeralda, perché mi aveva scelta tra 450 provinanti". Juana vive in Italia da 12 anni, da quando ha lasciato la sua terra natia, la Colombia, e parte della sua famiglia.  Dal ’98, quasi per caso, ha iniziato la carriera cinematografica. "Mi hanno vista mentre ballavo in un locale, e mi hanno chiesto di andare a fare un provino. Mi hanno scelta subito per interpretare il mio primo film ‘Besame Mucho’ per la regia di Maurizio Ponzi,  con Giuliana De Sio".

Ti suggeriamo anche  Pedro Almodovar contro il Papa: "non sta facendo a sufficienza contro gli abusi dei preti pedofili"

Da allora la Jimenez non si è più fermata, ed ha iniziato a collezionare cammei in film e fiction di grande importanza. "Mi è rimasta nel cuore la partecipazione nel film ‘Un difetto di famiglia’- racconta Juana-, accanto a due mostri sacri come Lino Banfi e Nino Manfredi. Quest’ultimo mi diceva sempre che ero la sua bambina!". Un altra partecipazione importante per la bella colombiana è stata quella nel film ‘Commedia sexy’, in cui era una delle protagoniste di un triangolo amoroso, insieme ad una coppia di sposi. "E’ stato molto divertente lavorare accanto ad un grande attore come Ricky Tognazzi" racconta la Jimenez.

Una serie di pellicole, tra cui anche una esilarante presenza nel film ‘Ma l’amore..si’, accanto ad Anna Maria Barbera. Un film in cui si tocca anche il tema dell’omosessualità. Juana, nelle sue numerose partecipazioni, è sempre riuscita a sprigionare la sua dolcezza e la sua spontaneità, insieme al suo grande sex appeal. Doti innate, come la sua eleganza, frutto anche però di un profondo e sapiente uso del trucco, fondamentale per una donna così come per una trans. "Quando vado in scena non posso fare a meno del mio truccatore Gennaro Marchese. E’ bravissimo, non solo a truccare, ma anche nel farti sentire importante, una vera diva. Pensa che sul set di ‘Mogli a pezzi’ ha truccato sia me che Eva Grimaldi, che è una delle protagoniste delle fiction di Canale 5. Gennaro è in assoluto il più bravo!".

Ti suggeriamo anche  Lovers Film Festival Torino 2019: Boy Erased in anteprima gratuita il 13 marzo

Quando le chiediamo quali saranno i progetti futuri mi risponde entusiasta: "La fiction ‘Mogli a pezzi’, a Natale su Canale 5, ed una partecipazione nella versione italiana del ‘Commissario Rex’ ".

Attualmente possiamo vederla tutti i giorni sui canali musicali. Sì, perché Juana è stata scelta anche per il nuovo video di Daniele Silvestri. ‘Gino e l’alfetta’, inno del Gay Pride 2007. Il tormentone estivo dal ritornello ‘sono gay, sono gay’, tanto per intenderci, continua a stupirci anche con il suo videoclip, in rotazione sui più importanti canali di musica. Daniele Liotti e Valerio Mastandrea sono i protagonisti del video, insieme allo stesso Silvestri. Il videoclip racconta la storia di due amici, Liotti- Mastandrea, nella quale uno dei due scopre di essersi innamorato dell’altro. Juana Jimenez entra in azione nel bagno dell’autogrill quando, in una scena davvero molto divertente, prima fa pipì in piedi come un vero uomo, poi si gira verso lo specchio, davanti al quale c’è un Silvestri intento a prepararsi, e inizia a truccarsi.