Non solo Canada gay-friendly: un Paese da visitare assolutamente

di

Il Paese dell’accoglienza, dei paesaggi mozzafiato, dei laghi. E di molto altro!

canada gay-friendly
CONDIVIDI
59 Condivisioni Facebook 59 Twitter Google WhatsApp
3229 0

Il Canada è una terra spettacolare, dove la natura cresce incontaminata e protetta. Una delle ultime frontiere dove proprio la natura è la protagonista, che non finisce mai di stupire con i suoi paesaggi maestosi e spazi sconfinati. E un popolo che incanta con le memorie dei suoi primi coloni e le leggende dei nativi uroni e inuit. Un territorio immenso. Simbolicamente diviso fra l’Est  – con il Niagara Falls, l’elegante Quebec e il maestoso fiume San Lorenzo – e l’Ovest, con le Montagne Rocciose, la bella Vancouver con la “sua” Isola, uno spettacolo selvaggio, dove regna una natura sterminata. Travel Out definisce il Canada come la meta perfetta per una vacanza all’insegna del verde e ci porta a scoprire il Canada gay-friendly, ma non solo.

Partiamo dal clima

Da giugno a ottobre regna l’estate. In questo periodo la natura affascina con i suoi spettacoli di foreste, di laghi, di montagne. Poi in ottobre le enormi distese di aceri si incendiano dei colori dell’autunno con il giallo e il rosso. Infine l’inverno imbianca chilometri e chilometri di piste da sci, indiscusso protagonista con le slitte fino al ritorno della primavera.

Hotel lussuosi o antiche dimore per riposarsi?

A parte i classici alberghi internazionali e i semplici motel tanto diffusi sulle lunghe statali nordamericane, in Canada non mancano gli eleganti alberghi storici. Ne sono un esempio i famosi hotel della catena Fairmont che contraddistinguono molte città, diventandone persino il simbolo, come accaduto a Quebec City.

Ma non è finita qui: ci sono i semplici gites, i b&b e i cottage di tronchi d’albero che fanno rivivere le atmosfere dei taglialegna d’altri tempi. Poi ci sono gli auberge eleganti in stile vittoriano e i piccoli boutique hotel. Fino alle guesthouse gestite da sorridenti famiglie sempre propense a dispensare consigli sulle escursioni e le attività all’aria aperta che si possono fare nella zona… perché con una natura talmente magnifica, è decisamente un delitto non viverla appieno. Difficile non trovare qualcosa di proprio gusto visto che la maggior parte delle sistemazioni hanno un loro fascino e sono inserite spesso in contesti naturali con un’atmosfera che raramente delude.

Il Canada gay-friendly

Dal 2005, il Canada non solo ha legalizzato le nozze per le coppie gay, ma riconosce tutti i diritti e i doveri del matrimonio etero, compresa l’adozione. Oltre alla mentalità aperta della politica e della società nei confronti della comunità Lgbt, la capitale Toronto ha riservato una lunga via del centro alla Gay Street, che da Isabelle Street arriva fino a Young Street, percorribile a piedi e molto frequentata soprattutto alla sera.

Il primo ministro canadese Trudeau al Gay Pride di Toronto

Montreal è invece la città della movida, sia etero che gay. Via Ste-Catherine è la strada principale del quartiere gay, dove si possono trovare negozi, locali gay e saune. Le associazioni si danno un gran da fare per organizzare eventi e campagne di sensibilizzazione, che periodicamente attirano molte persone, sia membri della comunità gay che etero. 

Com’è la cucina canadese?

È forte l’influenza americana e francofona, ma fra le specialità culinarie canadesi  il pesce e i pasticci di carne e di selvaggina sono dei piatti che si devono assolutamente provare. 

I tradizionali pancakes

Ma se volete una vera  e imperdibile esperienza gastronomica, visitate una Sucrerie. Frequenti soprattutto nella regione del Quebec, sono tipici zuccherifici dove si raccoglie la linfa ricavata dagli alberi di acero, che dopo la lavorazione diventa un delizioso sciroppo, celebre in tutto il mondo. Il maple syrup è un’istituzione in Canada, e qui non si usa solo per addolcire torte e pancakes, ma anche per insaporire carne, salsicce e zuppe. Anche il Canada insomma ha le sue prelibatezze, ma attenzione alla glicemia!

Le esperienze da non perdere

Navigare lungo l’Inside Passage, un insieme di fiordi, canali e piccoli golfi. Un’intera giornata di navigazione, per ammirare paesaggi spettacolari nella parte più incontaminata dell’Ovest del Canada, fra fiordi, insenature, isole e luoghi sperduti dove gli unici abitanti sono la tranquillità e la natura.

Il passaggio delle balene

Questo Paese non è solo immensi boschi, laghi e montagne, ma anche una fauna libera e selvaggia nel suo habitat naturale: potete ammirare lo spettacolo del passaggio delle balene, avvistare l’orso bruno nelle foreste più fitte, emozionarvi sentendo ululare un lupo o vedendo la regalità delle alci, stupirvi per le ingegnose dighe dei castori e infine sorridere per le corse degli scoiattoli e delle marmotte. È un vero e proprio paradiso per gli amanti della natura e della fotografia.

Vancouver è una fermata obbligata per ogni turista. Una città dinamica, che unisce insieme la frenesia del centro con i parchi dove rilassarsi lontano dal caos delle auto. Si passa difatti dalle vie principali, caotiche e trafficate, a vicoli tranquilli dove rilassarsi. La città sotterranea è un appuntamento da non perdere: 3 chilometri di gallerie, dove sono stati realizzati negozi e locali.

Vancouver

Il Canada è caratterizzato anche dai struggenti paesaggi della romantica Gaspesie. Fra scogliere, falesie, porticcioli e piccoli paesini che sembrano usciti da un quadro di altri tempi, si segue la cosiddetta rotta dei fari. E perché non pernottarvi una notte per un’esperienza emozionante?

Guarda una storia
d'amore Viennese.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...