TRADIMENTI VIRTUALI

di

Incontra il suo ragazzo che fa cybersex in Netmeeting

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Ciao Leo, Sono Robi e ti scrivo per sottoporti una questione che sta causando problemi a me ed al mio compagno. Io e Rocco ci conosciamo da 10 anni e ci vogliamo molto bene; purtroppo per questioni famigliari non viviamo insieme (aah queste mamme!!!) e ci vediamo costantemente tutti i fine settimana. Abbiamo un’intesa sessuale molto buona e durante i rapporti ci sembra di toccare il cielo.

Il fatto è che da quando entrambi abbiamo internet, ogni tanto succede che ognuno di noi fa sesso virtuale usando la cam. Il fatto è che noi parlandone ci siamo imposti di non farlo più, ma una sera senza sapere che eravamo in netmeeting, ci siamo visti in cam. Puoi immaginarti l’imbarazzo!!! A questo punto siamo entrati un po’ in crisi perché pensiamo che questi incontri virtuali potrebbero essere un punto di partenza per degli eventuali tradimenti. Io ho la consapevolezza che masturbarsi in cam non comprometta il nostro bellissimo e duraturo rapporto ma Rocco dice che è meglio smettere questa "pratica". La mia domanda ora è questa: secondo Te fare una cybersega è peccato?

Ti ringrazio per la Tua attenzione. Robi

Ciao Robi,

grazie per la tua lettera. Rispetto alla tua domanda finale, preciso che non è mio compito stabilire cosa è peccato e cosa non lo è; per questo puoi contattare persone che si occupano specificatamente di questo.

Onestamente, penso che non si può classificare gli atti svolti da un membro di una coppia (su un ordine di problematicità psicologica e non su quello morale, intendo) ma occorre comprenderne il contesto entro cui si verificano ed esaminarne i significati attribuiti.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...