Addio a Messenger: presto ci sarà solo Skype

Dopo tredici anni chiude il servizio di istant messagging più famoso. Gli utenti saranno migrati tutti su Skype.

Addio a Messenger: presto ci sarà solo Skype - skype messengerBASE - Gay.it
2 min. di lettura

Addio a Messenger: presto ci sarà solo Skype - skype messengerF1 - Gay.it

La notizia è ormai ufficiale. Dopo le prime indiscrezioni circolate nei giorni scorsi, Microsoft ha confermato le indiscrezioni secondo le quali l’azienda di Redmond ha deciso di abbandonare lo storico Windows Live Messenger in favore di Skype, colosso dell’IM, ma soprattutto delle telefonate via internet acquistato l’anno scorso proprio da Microsoft per 8,5 miliardi di dollari.
Il passaggio non sarà traumatico per gli utenti perché tutti i dati personali, incluso il prorio account e i contatti, saranno importati automaticamente dentro Skype, quindi niente panico: gli utenti quasi non se ne accorgeranno. Chi, invece, ha un account per ognuna delle due piattaforme, potrà unificarli e gestire tutto da Skype.

Addio a Messenger: presto ci sarà solo Skype - skype messengerF2 - Gay.it

Messenger è, al momento, insieme a Facebook lo strumento di chat più usato del web con il 40 per cento di utenti chat pari a 330 milioni. Skype, dal canto suo, conta 170 mlioni di utenti. Ma è anche vero che Messanger sta lentamente cadendo in disuso ed è sempre meno frequente che i suoi stessi utenti facciano login e lo usino. Skype, invece, non perde popolarità e offre servizi anche sul mobile e via Facebook (per non parlare del VoIP) che Messanger non ha mai offerto.
Dopo tredici anni, dunque, dovremo dire addio ad uno strumento che ha permesso chattate notturne e videochat inconfesssabili ad almeno due generazioni. Lo strumento che ci si offre in alternativa, però, è certamente più adeguato ai tempi e più versatile.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

L'Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona? - unione europea gay it 03 - Gay.it

L’Unione Europea è la patria dei diritti LGBTQ+, ma sai davvero come funziona?

News - Lorenzo Ottanelli 8.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l'arrivo di una storia d'amore queer - BRIDGERTON 302 Unit 00627R - Gay.it

Bridgerton, la showrunner Jess Brownell annuncia l’arrivo di una storia d’amore queer

Serie Tv - Redazione 16.5.24

Hai già letto
queste storie?

chat gay gratis italiana

Chat per incontri gay: le 7 migliori app del 2024

Lifestyle - Redazione 5.1.24
Intelligenza artificiale e comunit lgbtiqa

Intelligenza artificiale e impatto su comunità LGBTQIA+ e gruppi marginalizzati

Culture - Francesca Di Feo 22.12.23