Coming Out Day, il ministro Elena Bonetti: “dobbiamo garantire pieni diritti civili a tutti e a ciascuno”

Il Ministro per le pari opportunità ha celebrato il Coming Out Day sui social.

Dopo la senatrice Pd Monica Cirinnà, che ha ufficialmente chiesto alla Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e ai colleghi di maggioranza di calendarizzare una delle tante proposte di legge contro l’omotransfobia presenti in Parlamento, è toccato al Ministro per le pari opportunità e la famiglia e le disabilità Elena Bonetti celebrare il Coming Out Day.

La deputata, ex PD e ora Italia Viva, ha ricordato come “purtroppo moltissime persone LGBT+ nel mondo vivono in Paesi dove a causa dell’orientamento sessuale o discriminazioni di genere si può finire in carcere, essere torturati, uccisi“.

Questa giornata deve ricordarci che la strada da percorrere per garantire la libertà di essere se stessi è ancora lunga. Dobbiamo impegnarci perché le nostre comunità sappiano accogliere ogni persona nel suo valore unico e irripetibile, garantendo pieni diritti civili a tutti e a ciascuno.

Belle e importanti parole, per quanto la Bonetti non sia più all’opposizione, come pochi mesi fa, bensì membro attivo di un Governo a parole nettamente favorevole ad una legge contro l’OmoTransfobia. Movimento 5 Stelle, Pd e LEU si dicono pronte ad intervenire, se non fosse che in Senato stagnino da mesi, per non dire anni, proposte ad hoc puntualmente lasciate a marcire in pregni cassetti.

Questa giornata, cara ministra, dovrebbe ricordarci e soprattutto ricordarvi che esistono migliaia di persone, in Italia, che fuggono dal coming out proprio perché impaurite dalle eventuali conseguenze, figlie di un’omofobia da tempo insostenibile. Che proprio voi, membri del Governo Conte II, potreste finalmente rendere ufficialmente illegale. E allora cosa state aspettando?

Ti suggeriamo anche  12enne suicida a causa dell'omofobia, la mamma pubblica sui social la foto della bara aperta: 'Ecco cosa può fare il bullismo'

1 commento su “Coming Out Day, il ministro Elena Bonetti: “dobbiamo garantire pieni diritti civili a tutti e a ciascuno”

  1. Non capisco, elettoralmente parlando, perchè la sinistra dovrebbe fare qualcosa per i gay? Se la sinistra fa le unioni civili ed i gay stupidamente abboccano alle fake news dei cattofascisti e votano destra o m5s allora, fossi nella sinistra, non farei proprio un cazzo per i gay. Gay italiani che votate m5s o destra, volete una legge contro l’omofobia? allora fatevela fare dalla destra e dal m5s!! Io dico che non avete manco il coraggio di chiederla una legge contro l’omofobia a Di Maio, Salvini o Meloni! Guardatevi allo specchio, non avete il coraggio di pretendere una legge che vi protegga ai partiti che votate!

Lascia un commento