DDL Zan, Elena Bonetti: “Serve pragmatismo o sarà affossato. Dubbi sulla questione dell’identità di genere” – VIDEO

La Ministra per le Pari Opportunità e la Famiglia dice la sua sull'approvazione della legge: "Servono regole sociali che tutelino tutti, nella diversità di tutti".

DDL Zan, Elena Bonetti: "Serve pragmatismo o sarà affossato. Dubbi sulla questione dell'identità di genere" - VIDEO - Elena Bonetti DDL Zan - Gay.it
2 min. di lettura

Si è molto discusso nelle ultime ore della posizione di Italia Viva sulla discussione intorno all’approvazione del DDL Zan. A poche ore di distanza dalle affermazioni di Ivan Scalfarotto sulla necessità di votare il testo già passato alla Camera, senza eventuali aperture alle modifiche suggerite dalle destre, Elena Bonetti è tornata ad esporsi sul tema, confermando la spaccatura all’interno del partito.

Esponente di punta della formazione guidata da Matteo Renzi e attuale Ministra per le Pari Opportunità e per la Famiglia, Bonetti è stata intervistata da Gaia Tortora ad Omnibus, talk show della mattina di La7. “La posizione di Italia Viva al Senato è pragmatica. Portiamolo in aula con tempi certi per approvarlo”, ha affermato l’accademica, aggiungendo però dopo:

Se, come è, non ci sono i numeri perché si è di nuovo tornati a quel dibattito della politica polarizzante, gli uni contro gli altri, un po’ brandendo dell’identità e senza avere il coraggio di fare quello che questo governo sta dimostrando che è possibile fare – cioè pur nella diversità delle opinioni, confluire su un unico obiettivo –, quello che temo è che il DDL Zan possa essere affossato. E questo non è possibile. 

Quindi, per non affossare il disegno di legge, meglio tenere aperti i canali con il fronte destrorso, al costo di perdere il legittimo sostegno di chi ha realizzato e già votato alla Camera il testo. E di far ripartire l’iter, ancora una volta, mentre i casi di violenza omotransfobica ottengono sempre maggiore attenzione nel paese. I dubbi di Elena Bonetti sono tutti per la questione dell’identità di genere, “dimenticata” dal testo alternativo allo Zan proposto dalle destre:

Dopo anni di battaglie a tutela dei diritti delle donne, deve essere garantito da un lato il percorso di transizione, che è tutelato per legge, ma c’è anche una dimensione di rispetto di un’identità personale che ciascuno deve avere la libertà di poter esercitare su sé stesso. Allo stesso tempo, devono esserci delle regole sociali che tutelino i diritti di tutti, nelle diversità di tutti. Io credo che l’idea di un pluralismo su quale fondare l’universalità dei diritti sia un elemento fondamentale della nostra Costituzione, che va garantito.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Anonimo 10.6.21 - 16:20

Bugiarda! Ma chi crede di prendere in giro questa tizia?! I numeri ci sarebbero eccome anche al Senato, se solo il micropartitino di cui lei fa parte non si fosse improvvisamente sfilato, chiedendo irricevibili modifiche allo stesso ddl Zan che avevano approvato e sostenuto alla Camera! Questo recente voltafaccia di Italia Viva è frutto di un mero calcolo politico dovuto al loro ennesimo (ri)posizionamento a destra. A farne le spese ovviamente siamo noi! Comunque questa tipa è davvero indegna di avere le deleghe alle pari opportunità. Per più di un anno è stata zitta sul ddl Zan, mai una parola e ora improvvisamente parla un giorno sì e l'altro pure contro, per affossarlo. Inoltre, in quanto, ministra alle pari opportunità dovrebbe tutelare anche le persone trans, anziché escluderle dalla legge, proponendo di eliminare l'espressione identità di genere, definita alla Camere con un emendamento proprio del suo micropartitino (on. Lucia Annibali, per la precisione). Davvero la peggiore ministra alle pari opportunità di sempre!

Trending

Douglas Carolo e Michele Caglioni arrestati il 29 Febbraio

Cosa non sappiamo di Douglas Carolo e Michele Caglioni, presunti assassini di Andrea Bossi

News - Redazione Milano 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

decreto genitori

Corte d’Appello smentisce il decreto Salvini sulle carte d’identità dei minori: “Applicare la dicitura “genitori””

News - Redazione 15.2.24
famiglie-arcobaleno

Perché la stampa italiana continua ad alimentare la fake news “genitore 1 e 2”, dicitura mai esistita?

News - Federico Boni 16.2.24
montenegro-diritti-lgbt

Il Montenegro candidato all’ingresso UE tra “sterilizzazione forzata” delle persone trans e linguaggio d’odio rampante

News - Francesca Di Feo 18.1.24
pro-vita-manifesti-como-brescia

Pro Vita e Famiglia, nuovi manifesti “anti-gender” a Como e Brescia: la risposta di Arcigay

News - Francesca Di Feo 6.1.24
Olanda, vince l'estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+? - Geert Wilders - Gay.it

Olanda, vince l’estrema destra di Geert Wilders. Che ne sarà dei diritti LGBTQIA+?

News - Federico Boni 23.11.23
Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre - Gabriel Attal - Gay.it

Gabriel Attal, il nuovo premier di Francia è il primo dichiaratamente gay nonché il più giovane di sempre

News - Redazione 9.1.24
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
papa-francesco-persone-trans

Papa Francesco come Giorgia Meloni: “Teorie gender pericolosissime, GPA da proibire a livello universale”

News - Redazione 8.1.24