Certi Diritti: “Regione Lazio censura siti gay”

I Radicali di Certi Diritti scoprono che la Regione Lazio considera i siti con la parola gay, compresi quelli di informazione come pornografici. La Polverini? Il "Goebbels de' noantri", dicono.

Certi Diritti: "Regione Lazio censura siti gay" - censuragayitBASE - Gay.it
3 min. di lettura

Certi Diritti: "Regione Lazio censura siti gay" - valdese - Gay.it

"La pagina che si sta tentando di visualizzare è categorizzata come ‘Pornography’". E’ questo il messaggio che compare quando si tenta di accedere a siti di informazione gay dagli uffici della Regione Lazio. A rendere noto il caso, non l’unico purtroppo, è Sergio Rovasio, Segretario Associazione Radicale Certi Diritti e Capo Segreteria Lista Bonino Pannella, Federalisti Europei alla Regione Lazio.

«Quando dai pc della Regione Lazio si naviga su internet – dice Rovasio – e si richiedono indirizzi che hanno la parola "gay", scatta un’azione censoria che impedisce di aprire la pagina ed esce la frase: "Accesso non consentito. Motivazione: Le attuali policy aziendali non consentono l’accesso al sito richiesto. La pagina che si sta tentando di visualizzare è categorizzata come "Pornography"».
 

Certi Diritti: "Regione Lazio censura siti gay" - censuragayitF1 - Gay.it

Dietro alla censura ci sarebbe una strategia della governatrice Renata Polverini che a suo tempo decise di chiudere l’accesso ai social network per i dipendenti della Pisana, sede della Regione Lazio. «Dopo aver chiuso (e riaperto) nelle ultime 48 ore, l’accesso a decine di siti di informazione e social-network, ora è la volta dei siti che danno informazioni sulla comunità lgbt italiana. L’esempio più eclatante – spiega Rovasio – è dato dalla richiesta di accesso a siti di informazione che pubblicano spesso anche iniziative dei consiglieri regionali radicali del Lazio, ad esempio sulle unioni civili e per la lotta alle discriminazioni. Tra questi vi è il sito internet www.gay.it il più importante portale gay italiano».
 
«Occorrerebbe capire per quale motivo è stata attivata questa procedura che ha alcuni aspetti gravi: da una parte si considera la stessa parola gay come una parola pornografica e dall’altra si decide in modo autoritario, alla "Goebbels de noantri" di limitare l’accesso perché magari il contenuto non piace a chi sta nei piani alti».
 
«Ci auguriamo – conclude il segretario di Certi Diritti – che tutto ciò sia dovuto ad un errore e non ad una politica censoria avviata dai vertici della Regione Lazio».

Certi Diritti: "Regione Lazio censura siti gay" - censuragayitF2 - Gay.it

«Eravamo già a conoscenza – aggiunge il direttore di Gay.it Alessio De Giorgi – che diverse amministrazioni pubbliche e aziende "discriminano" il nostro sito internet, etichettandolo come pornografico e permettendo nel contempo l’accesso ai propri dipendenti a siti di vario genere che hanno contenuti spesso meno casti del nostro (sportivi, femminili e così via). Questa è una vera e propria discriminazione, che non permette di informarsi peraltro a persone – come chi lavora negli Enti Pubblici – che avrebbero proprio necessità di invece essere sensibilizzate sui temi dell’omofobia e del riconoscimento dei diritti civili alle persone lgbt».

 

Segnalaci il posto di lavoro pubblico o privato che blocca l’accesso ai siti gay

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out - Lux Pascal e Pedro - Gay.it

Lux Pascal, la sorella di Pedro Pascal nel cast di Summer War. Sarà il suo primo film dopo il coming out

News - Redazione 23.2.24
glaad-gaming-report

Il 17% dellǝ appassionatǝ di videogames è queer, ma l’industria ci rappresenta? Il rapporto di GLAAD

Culture - Francesca Di Feo 14.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Paolo Camilli

Paolo Camilli: “La mia omosessualità? L’ho negata fino alla morte con me stesso” – intervista

Culture - Luca Diana 23.2.24

Leggere fa bene

roma gay

Guida 2024 ai migliori locali gay di Roma

Viaggi - Giorgio Romano Arcuri 1.1.24