Fès, consigli utili e vita gay

di

Tutto quello che c'è da sapere per godersi un meraviglioso soggiorno nella città imperiale dove anche la scena gay si sta sviluppando.

6722 0

Valgono le solite accortezze. A Fès tutto è andato bene ma a Casablanca il sabato notte, nei pressi del nostro hotel (volevamo andare alla discoteca gay friendly Village, alla Corniche) sono stato derubato con il solito scherzetto ormai diffuso in tutto il mondo: un tipo ha distratto Omar e l’altro individuo prima si è avvicinato facendomi delle domande in inglese, poi un piccolo sgambetto e avendo perso l’equilibrio è riuscito a sfilarmi un po’ di dirham che avevo nella tasca dei pantaloni. Occhio anche ai furti negli appartamenti. Meglio richiedere una cassetta di sicurezza o depositare tutto alla reception. Contrattare la tariffa del taxi o sollecitare l’uso del tassametro.

Il cambio è di 1085/1090 dh per 100 euro. Non c’è bisogno del visto ma di un passaporto valido. Dall’aeroporto la tariffa è intorno ai 100-120 dh. Un buon hotel circa 500 dh (45 euro). In città si possono utilizzare i petit taxi (molte le Fiat 1) con una tariffa di 7-10 dh (meno di un euro). Per spostarsi in autobus viaggiare con la CTM (Fès-Casa in meno di 4 ore, tariffa promozionale 80 dh) ma per tratte più lunghe è preferibile il treno (Fès-Marrakech quasi otto ore, seconda classe 180 dh, prima classe supplemento di 96 dh). In prima classe Casa-Marrakech 125 dh. Una sim card telefonica 30 dh. Il Corriere della Sera 26 dh. Hotel Mounia (nella città nuova di Fès).

Vita gay Nulla da segnalare a Fès. Consiglio di utilizzare i siti internet oppure affidarsi agli incontri per strada, alle occhiate, agli sguardi, ma c’è sempre il problema di dove concludere, se non si ha un proprio appartamento in cui portare il partner (in albergo non è possibile). Ricordarsi che l’omosessualità è un reato in Marocco, quindi massima discrezione e chiedere sempre il documento di identità del partner.

Casablanca: Resto Pub Jet 7, 33 rue Med el Kori, misto, molto europeo anche nei prezzi delle bevande (si servono alcolici), pub e ristorante, in centro tra il Cafè France e il Cafe des Fleurs, altri punti d’incontro. La serata può proseguire alla discoteca Le Village sulla Corniche. Unico posto in tutto il Marocco dove la clientela è anche gay, alcuni dichiarati.

di Felix Cossolo dalla redazione di Clubbing

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...