Il ragazzo gay marocchino si è suicidato perché l’Italia lo ha respinto? La procura chiede l’autopsia

Davanti alla commissione di vigilanza il ragazzo si era detto gay e per questo timoroso di tornare in Marocco. Ma è stato respinto.

ascolta:
0:00
-
0:00
Marocchin gay suicidio autopsia
Marocchin gay suicidio autopsia
3 min. di lettura

Un ragazzo marocchino gay si sarebbe suicidato a seguito del respingimento deciso dallo Stato Italiano. Non sopportava l’idea di dover tornare in Marocco, dove la legge e la società lo perseguitano. La storia arriva dal Trentino Alto Adige e per motivi di privacy non forniremo altri dettagli (per fortuna c’è un quotidiano locale che sta meritoriamente raccontando la scomoda vicenda e con i giornalisti di quel giornale abbiamo parlato).

Alex, lo chiameremo così, era felice di essere finalmente in Europa e in Italia. Si stava integrando, aveva un lavoro, stava imparando la lingua. Aveva chiesto la protezione speciale e quindi il permesso di restare nel nostro paese, perché marocchino e gay.

In Marocco, secondo l’articolo 489 del codice penale “atti osceni contro natura con un individuo dello stesso sesso” sono considerati reato e punibili con pene detentive da 6 mesi a 3 anni, e sanzionati con multe pecuniarie. Il codice riflette il forte stigma verso l’omosessualità e verso la comunità LGBTIAQ+ tutta, che vive una condizione di discriminazione sociale e culturale.

Sebbene in Marocco le forze di polizia e gli organi giudiziari non applichino la legge anti-LGBTI+, l’esistenza stessa di quella legge contribuisce al mantenimento dello stigma: le persone LGBTI non sono ben viste dalla società e molte sono costrette a nascondere la propria identità per timore di discriminazioni e aggressioni verbali e fisiche. Anche sul lavoro. Anche e soprattutto in famiglia.

Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respingimento della domanda di asilo

Le indagini sulla morte di Alex avevano all’inizio classificato il tragico evento come semplice overdose. Poi la pm ha voluto indagare meglio. Ha ascoltato gli operatori del centro di accoglienza che ospitava Alex. I quali hanno parlato di una persona piena di vita ed entusiasta della sua nuova possibilità di essere sé stesso in Europa. Alex aveva parlato con gli operatori della propria omosessualità, chiedendo loro di non dirlo ai suoi coinquilini.

La commissione territoriale che doveva decidere sulla sua richiesta di asilo, al momento dell’esame della domanda di protezione speciale, aveva chiesto ad Alex se fosse sicuro di essere gay. Alex aveva risposto di sì. Ma la commissione territoriale non gli ha creduto. Ha respinto la sua richiesta. Alex sarebbe stato rispedito in Marocco. Pochi giorni dopo il respingimento da parte dell’Italia, Alex è morto per overdose.

La pm ha ora aperto un’inchiesta e richiesto l’autopsia, per stabilire come l’overdose abbia causato la morte del ragazzo e “se vi siano piste d’indagine da perseguire anche nei confronti di chi potrebbe aver venduto o consegnato la droga al richiedente asilo“. Le indagini dovranno necessariamente andare fino in fondo per capire se, come pare probabile, Alex si sia suicidato dopo il respingimento e dunque si tratti di una overdose cercata intenzionalmente.

La Procura dovrà indagare anche sulle paure che il ragazzo aveva di tornare in Marocco a causa della propria condizione di perseguitato in quanto gay. Alex infatti negli ultimi giorni prima della sua morte continuava a dirsi afflitto e spaventato alla sola idea di dover tornare in Marocco. Ne parlava con gli operatori sociali, che hanno spiegato tutto agli inquirenti. Quanto la commissione di vigilanza è responsabile della morte di Alex? Per la procura si tratta di un’inchiesta delicata.

In Italia circa un anno fa la maggioranza attualmente al governo ha avviato un progetto di legge per eliminare identità di genere ed orientamento sessuale dalle motivazioni con cui una persona LGBTI perseguitata nel paese di origine possa ottenere protezione speciale nel nostro paese. Sebbene non sia stata ancora approvata come legge, alcune commissioni territoriali che decidono sulla vita dei migranti hanno già recepito lo spirito di non accoglienza che anima l’estrema destra italiana.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
triptorelina-famiglie-incatenate-sede-aifa

Triptorelina, le famiglie si incatenano sotto la sede dell’AIFA per protestare il tavolo tecnico e la sua composizione

News - Francesca Di Feo 24.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Leggere fa bene

india-pranshu-influencer-morto-suicida

Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

News - Francesca Di Feo 27.11.23
gran-bretagna-ruanda-rifugiati-lgbtqia

Gran Bretagna, rifugiati LGBTI+ da deportare in Ruanda, approvato il piano immigrazione

News - Francesca Di Feo 24.4.24
olanda-rifugiato-lgbtqia

Olanda, rifugiato LGBTQIA+ dalla Russia si toglie la vita dopo 14 mesi di attesa per il visto

News - Francesca Di Feo 16.12.23
roccella-teoria-del-gender

Il Consiglio d’Europa all’Italia: “Gli attacchi alla comunità LGBTQIA+ sono violazioni dei diritti umani”

News - Federico Boni 19.12.23
Nex Benedict

Nex Benedict, secondo l’autopsia si è toltə la vita dopo l’aggressione transfobica

News - Redazione Milano 14.3.24
Ragazzo marocchino gay trovato morto in casa di accoglienza dopo respinta della domanda di asilo

Respinta richiesta di accoglienza per omosessualità, ragazzo marocchino trovato morto

News - Redazione Milano 4.3.24
Sacrane intervista Gay.it

Dopo una lunga battaglia contro me stesso, ora sono davvero libero: “Falling” è il nuovo singolo di Sacrane, intervista

Musica - Emanuele Corbo 17.1.24