Alfonso Signorini loda Salvini ma precisa: “I diritti gay non si toccano, adozioni anche per i single”

di

Da una parte loda Salvini, dall'altra chiede l'adozione anche per i single. Gay compresi. Ma si dice contrario alla GPA. E' Alfonso Signorini.

CONDIVIDI
193 Condivisioni Facebook 193 Twitter Google WhatsApp
11107 0

Alfonso Signorini, direttore del settimanale Chi nonché volto Mediaset, ha sottolineato il caos facilmente riscontrabile nel Governo in ambito diritti LGBT, nel corso di un’intervista rilasciata al Corriere della Sera.

Da una parte il ministro della famiglia Lorenzo Fontana, che non perde occasione per sparare a zero contro le famiglie arcobaleno, e dall’altra il sottosegretario con delega alle pari opportunità Spadafora, che assicura come il Governo Conte non arretrerà sul campo dei diritti

“Stiamo parlando di diritti che l’Italia ha conquistato dopo anni e anni, arrivando su questo bene ultima rispetto agli altri paesi d’Europa. E questi diritti adesso non si toccano. Anzi”.

Un Signorini improvvisamente ‘paladino’ dei diritti lgbt, due anni dopo aver esternato tutt’altro: ‘La famiglia la concepisco nel senso tradizionale del termine, con madre e padre come ha deciso la natura’. Questo diceva Alfonso nel 2016, mentre oggi, a meno di sei mesi dal 2019, Signorini vorrebbe diventare padre.

“Voglio battermi per le adozioni, ma non facendo una battaglia soltanto relativa la scelta sessuale di una persona. Voglio battermi perché le adozioni siano per tutti, anche per i single”. “Desidero un figlio. E adesso come omosessuale mi sento castrato da questo punto di vista. Perché non percorrerei mai la strada dell’utero in affitto, non è nelle mie corde, nella mia personalità. Anche se non giudico chi fa questa scelta. Vorrei vivere in uno Stato dove una coppia gay che ha il desiderio di adottare un bambino lo possa fare, semplicemente”.

Signorini, a questo punto, si appella direttamente al Ministro dell’Interno Matteo Salvini, che ha in realtà più volte ribadito, negli ultimi mesi, come la famiglia tradizionale uomo-donna sia a suo dire l’unica contemplabile.

“È un politico che ha capito come funziona la politica. Parla alla pancia degli italiani ed esprime il sentire della gente. Lo esprime davvero molto bene e devo dire che a me piace, ci eravamo disabituati ad una politica fatta così. La sua è molto efficace, non sarebbe passato in così poco tempo dal 15 al 31 per cento. Però… Salvini che ha questa grande capacità deve tenere presente che esistono altre realtà che sono certo la minoranza ma che non per questo non debbono essere tutelate”.

Leggi   Ivan Cattaneo: "Vado al GF VIP, ma non chiamatemi Malgioglio!"
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...