Faye Dunaway è Wallis Simpson che amò un gay

di

Il film raccontera' la relazione extraconiugale della Duchessa con un noto omosessuale.

CONDIVIDI
Facebook Twitter Google WhatsApp
2073 0

LONDRA – La controversa relazione extraconiugale tra Wallis Simpson e un playboy omosessuale americano sara’ per la prima volta raccontata in un film: a vestire i panni della Duchessa di Windsor, la divorziata statunitense per amore della quale re Edoardo VIII abdico’ al trono britannico, sara’ l’attrice Faye Dunaway.
La scandalosa liaison era stata rivelata appena tre anni fa da un libro di Christopher Wilson intitolato Dancing With The Devil: The Windsors and Jimmy Donahue. All’eta’ di 54 anni infatti la Duchessa si era perdutamente invaghita di Donahue, il milionario erede di FW Woolworth, fondatore dell’omonima catena di negozi. Il marito Edoardo, al corrente della infatuazione, non sapeva come fermare la scabrosa relazione e si disperava ogni giorno di piu’.
Donahue era piu’ giovane della Simpson di quasi 20 anni e dichiaratamente omosessuale, ma cio’ non aveva impedito alla consorte di Edoardo di imbarcarsi in una relazione clandestina durata 4 anni vissuta prevalentemente alle Bahamas. Ed e’ proprio il suggestivo arcipelago caraibico ad ispirare il titolo del film che si chiama The Bahama Triangle.
Nel cast figurano accanto a Faye Dunaway, gli attori Michael York nel ruolo del Duca di Windsor e Jason Priestley, l’ex star della serie tv Beverly Hills 90210, nella parte del dissoluto playboy.
Gli attori hanno accettato di partecipare al film, nonostante il modesto budget di 8 milioni di euro, perche’ entusiasti della sceneggiatura e le riprese cominceranno quest’estate. Appena il mese scorso documenti declassificati dall’archivio di Stato avevano rivelato che quella con Donahue non era stata l’unica liaison illegittima della Duchessa di Windsor: nel 1935 quando aveva iniziato a frequentare Edoardo, allora Principe di Galles, la Simpson si incontrava anche con un venditore di automobili di nome Guy Trundle.

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...