Gaydorado, arriva su iOS e Android il gioco di ruolo a tematica gay

E’ ufficialmente sbarcato su Google Play e App Store il social RPG Gaydorado.

Un gioco a tinte LGBT è appena arrivato sui dispositivi iOS e Android. Si chiama Gaydorado ed è stato sviluppato da Cocobear.

Titolo ambizioso, quello sbarcato su Google Play e App Store, perché centrato su meccaniche di dress-up, combattimento, dating-sim e social, con una modalità single-player dotata di multiple trame narrative. Due eventi speciali durante il quale saranno distribuiti degli elementi di personalizzazione sono in arrivo, grazie a San Valentino e all’Australia Gay Carnival di Sydney, che prenderà vita il 16 febbraio, avrà Cher come star indiscussa e chiuderà i battenti il 4 marzo.

All’interno del gioco è possibile personalizzare il proprio personaggio, sia per quanto riguarda la corporatura che l’abbigliamento, chattare e interagire con gli altri utenti. Come in un app di incontri, ma con l’aggiunta del gioco ad unire i possibili profili. Protagonista un aitante omosessuale e le sue tutt’altro che semplici storie sentimentali, con sporadici combattimenti necessari per sbloccare i vari livelli. Chiunque potrà interagire con gli splendidi personaggi non giocanti, flirtare e uscire con loro. Per il futuro gli sviluppatori hanno in mente il matrimonio fra i propri avatar virtuali. Ossatura del gioco, ovviamente, le tematiche LGBT.

LEGGI ANCHE

Storie

Sardegna al voto, lettera aperta ai candidati sui diritti civili...

Le associazioni sarde chiedono un impegno concreto sui diritti civili ai candidati alla presidenza della Regione Sardegna.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Netflix, il meraviglioso corto gay per celebrare la depenalizzazione dell’omosessualità...

Una storia d'amore gay in poco più di due minuti per San Valentino. L'omaggio di Netflix India alla comunità LGBT.

di Federico Boni | 17 Febbraio 2019

Storie

Intersex, l’Italia intervenga per tutelare i bambini: l’appello di Certi...

Tra i 21 Paesi UE senza una normativa adeguata sui diritti delle persone intersessuali, ovviamente, c'è l'Italia.

di Federico Boni | 16 Febbraio 2019