Mauritania: 2 anni di reclusione per aver partecipato a un compleanno

La festa era stata "scambiata" per un matrimonio gay. Gli uomini sono stati interrogati senza un avvocato difensore.

mauritania
2 min. di lettura

A gennaio, dieci uomini erano stati arrestati in Mauritania, accusati di aver partecipato a un matrimonio gay. Il fatto è illegale nel Paese, dove vige la Sharia. In realtà, il video che ha circolato in rete e che presto è diventato virale, a cui partecipavano queste dieci persone, non era un matrimonio, bensì una semplice festa di compleanno. 

Il video è circolato come “primo matrimonio gay in Mauritania, e ha subito fatto attivare la Polizia. La notizia si è quindi subito diffusa scatenando una grande polemica, non tanto per l’arresto, bensì per l’atto innaturale che si stava verificando nel Paese. L’accusa era quella di fare “atti contrari alla moralità, di commettere atti proibiti da Allah e di far circolare una cerimonia di dissolutezza“.

L’arresto in Mauritania giustificato per “imitazione delle donne”

A spiegare come si sono svolti i fatti è lo stesso commissario di Nouakchott, città dove si sarebbe verificato il compleanno. Ha spiegato appunto che non si trattava di un matrimonio ma di una semplice festa. 

E perché dieci persone sono state arrestate quindi? Avevano commesso il crimine di “imitazione delle donne“. Cosa significhi questo non è stato spiegato. La Polizia ha comunque interrogato i dieci “criminali”, e otto di loro hanno confessato di essere omosessuali. Un interrogatorio anormale, senza un legale che li assistesse. 

Al processo, svoltosi il 30 gennaio, gli imputati avrebbero anche giurato di non essere gay, ritrattando le accuse. Ma questo non è servito: il giudice li ha condannati a due anni di reclusione. 

Graeme Reid, direttore dei diritti LGBT di Human Rights Watch, guadando il video circolato in rete ha confermato che le dieci persone stavano solo cantando e ballando, ma non c’era nessun reato. Ma la sentenza sembra essere stata emessa, nonostante gli appelli delle associazioni LGBT della Mauritania. Secondo la Sharia, gli atti omosessuali sarebbero puniti anche con la morte, ma sembra che la pena capitale non venga eseguita da decenni.

Cover: Aidspan

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
bacibaci 9.2.20 - 13:06

I fondamentalismi religiosi sono la rovina dei popoli. Nel mondo occidentale, dopo secoli e secoli, ci siamo sbarazzati del fondamentalismo cristiano, direi che è il caso di fare molta attenzione all'integrazione degli islamici da un lato ed al ritorno del fondamentalismo cristiano dall'altro.

Trending

Dino Fetscher, vacanze d'amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social - Dino Fetscher - Gay.it

Dino Fetscher, vacanze d’amore a Roma con Chris Wilson. Le foto social

Culture - Redazione 15.4.24
Angelina Mango è pronta per l'Eurovision Song Contest che si terrà a maggio in Svezia

Perché Angelina Mango può vincere Eurovision 2024

Musica - Emanuele Corbo 11.4.24
BigMama Concertone Primo Maggio 2024

BigMama inarrestabile diventa conduttrice per il Concertone del Primo Maggio

Musica - Emanuele Corbo 15.4.24
Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino - TIRE TOWN STILLS PULL 230607 002 RC - Gay.it

Challengers, recensione. Il travolgente ed eccitante triangolo omoerotico di Luca Guadagnino

Cinema - Federico Boni 12.4.24
Marco Mengoni per un noto brand di gioielli

Marco Mengoni è un gioiello, ma la verità è che tutti guardano un’altra cosa

Musica - Emanuele Corbo 10.4.24
Transgender triptorelina

Germania, approvata legge sull’autodeterminazione: “Le persone trans esistono e meritano riconoscimento”

News - Redazione 15.4.24

Leggere fa bene

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24