Messina Pride 2019 anticipato all’8 giugno in rispetto dell’anniversario di morte di due bambini

Il 15 giugno, oltre alla festa di Sant'Antonio, è anche l'anniversario della morte di due bambini in via dei Mille, a seguito di un incendio.

messina
2 min. di lettura

Il Messina Pride si farà, ma senza patrocinio e con una modifica alla data. La parata infatti è stata spostata all’8 giugno, anziché al 15, come previsto inizialmente. La decisione, annunciata dal sindaco ma presa dal circolo Arcigay, ha provocato delle dure critiche verso l’associazione, attaccata sui social. Ed è stato lo stesso Primo Cittadino, molto attivo su Facebook, a difendere Arcigay dagli attacchi. Ma anche a confermare che il Comune non darà il patrocinio. 

La decisione di spostare il Messina Pride ha un duplice motivo. Il 15 giugno ci saranno i festeggiamenti in onore di Sant’Antonio (che è il 13 giugno). Ma il motivo più importante è il ricordo della morte di due bambini, a causa di un incendio in via dei Mille. Il 15 giugno 2018, infatti, Francesco, 13 anni, e Raniero, di 10 anni, persero la vita durante un incendio, scoppiato all’interno della loro abitazione. Il più grande, Francesco, perse la vita tornando dentro casa e cercando di salvare il fratellino. 

Il messaggio del sindaco sul Messina Pride

Il 15 marzo, il presidente Arcigay “Makwan Messina” Rosario Duca, ha inviato una lettera al sindaco De Luca, notificando la variazione della data del Messina Pride. Il presidente Duca ha accolto le richieste del sindaco, e per onorare e per rispetto verso i due fratellini, ha deciso l’anticipazione della parata. Ma dopo la diffusione della notizia, si sono scatenati commenti offensivi e omofobi sui social. A evidenziare la gravità di quanto accaduto è stato proprio il sindaco De Luca, che nonostante la sua fede politica (centro-destra) ha sempre garantito il rispetto nei confronti delle diversità.

Esprimo la mia solidarietà a chi subisce insensati attacchi e gratuite minacce come è successo ieri su questa pagina nei confronti dell’associazione ARCIGAY: nei miei valori cristiani e di uomo delle istituzioni c’è anche la tolleranza ed il rispetto per le diversità altrui.

Dopo la telefonata con Rosario Duca, in cui si spiegava l’accavallamento degli eventi, il sindaco ha visto collaborazione con il circolo Arcigay, sottolinenando comunque che il sindaco non può impedire delle manifestazioni che non mettano a rischio l’ordine pubblico.

Stamattina ho telefonato a Rosario Duca, coordinatore della manifestazione, per invitarlo a spostare la data dell’evento in considerazione che il 15 giugno è’ la vigilia della festa di Sant’Antonio (padre Mario mi ha chiamato per farmelo presente) ed è’ il triste anniversario della tragica morte dei due fratellini Francesco e Raniero.  Rosario Duca ha subito accolto la mia richiesta e mi ha precisato che la manifestazione si svolgerà l’8 giugno.

Niente patrocinio (forse)

Ma c’è stata la stoccata finale da parte di De Luca. Il sindaco ha infatti confermato che l’Amministrazione non concederà il patrocinio, spiegando chiaramente la sua posizione nei confronti dei gay pride. Ma c’è uno spiraglio. 

Non ritengo di dover concedere alcun patrocinio comunale a questa manifestazione tranne che gli organizzatori decidano di concordare con me ogni dettaglio partendo dal presupposto che non condivido i profili goliardici che rasentano l’oscenità in luogo pubblico ed il fanatismo.

Odio i pregiudizi e non Condivido il fanatismo nelle diversità ! Mi auguro che si tratti di una manifestazione sobria finalizzata a richiamare l’attenzione contro ogni forma di discriminazione.

Nelle prossime settimane l’assessore alle pari opportunità Carlotta Previti si incontrerà con gli organizzatori per verificare la portata dell’evento e le forme e modalità della manifestazione.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: "Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa" - Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni - Gay.it

Ambra e il body shaming da parte della stampa quando aveva 17 anni: “Ipocriti, scrivevano quanto fossi grassa”

Culture - Redazione 22.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24

Leggere fa bene

stretto pride messina 2024

Stretto Pride 2024: sabato 20 luglio a Messina

News - Redazione 10.5.24