Omicidio Versace: 22 anni dopo, la sua morte è ancora un giallo

Tante le ipotesi sulle reali motivazioni dell'omicidio dello stilista. Ma gli unici due che conoscono realmente i fatti, sono morti.

versace
3 min. di lettura

L’omicidio di Gianni Versace è ancora oggi uno dei tanti misteri italiani. Infatti, tutti conoscono la storia “ufficiale” della sua morte. Ma sono molti i dubbi sulla versione ricostruita dagli investigatori di Miami che hanno seguito le indagini. La versione ufficiale vede Andrew Cunanan come responsabile della morte dello stilista italiano, come confermato anche da Antonio D’Amico, compagno di Gianni Versace, che avrebbe visto l’uomo allontanarsi dalla villa poco dopo gli spari.

Anche la figura di Cunanan sembra essere confermata: uno gigolò d’alto bordo. Con il suo fascino conquistava imprenditori e uomini di successo, che sfruttava per vivere nel lusso. Lo stesso avrebbe fatto anche con Versace, con il quale si intrattenne in una sola occasione nel 1990, ma senza rapporti. Lo scorrere del tempo, come succede a tutti prima o poi, portò via il fascino allo gigolò, che per ragioni mai spiegate diventò un omicida senza scrupoli.

L’omicidio di Gianni Versace, il 15 luglio 1997

22 anni fa esatti, Cunanan si recò alla villa dello stilista, a Miami. Appena lo vide, gli sparò senza pietà. Antonio D’Amico, dall’interno della casa, sentì gli spari ed uscì, Vide un uomo che se ne andava e Versace in un lago di sangue, ormai senza vita.

Non si conoscono le ragioni del gesto, ma gli investigatori sono convinti che Andrew Cunanan, distrutto dalla psicosi e dalla tossicodipendenza, era mentalmente instabile. Infatti, Versace fu il suo quinto omicidio. L’ultimo.

I delitti di Andrew Cunanan

La sua vita da killer inizia in Minnesota, con l’assassinio di Jeffrey Trail. Questo era suo amico e ex amante, ma lo uccise senza pietà a colpi di martello. Nella stessa casa, uccise pochi giorni dopo anche David Madson, una persona importante nella vita sentimentale dell’uomo. Si spostò poi a Chicago, dove uccise il 75enne Lee Miglin, un imprenditore che pare fosse anche un suo vecchio protettore.

Il suo quarto omicidio fu casuale: un guardiano di un cimitero, ucciso mentre Cunanan stava rubando un furgone per fuggire da Chicago. Si spostò quindi a Miami e affittò un appartamento molto vicino alla villa di Versace, per il suo quinto omicidio premeditato.

Cosa non convince nella vicenda?

Perché Andrew Cunanan non convinse mai come assassino dello stilista? A confermare la sua colpevolezza c’era Antonio D’Amico, che lo aveva visto allontanarsi poco dopo l’omicidio.

Nonostante questa prova, i dubbi arrivarono dal fatto che Versace e Cunanan non si conoscevano. A parte l’incontro casuale nel 1990, non si sarebbero mai visti. Altro fatto strano è che l’ex gigolò venne trovato morto suicida poco dopo, nella sua abitazione. La salma venne cremata, senza fare un’autopsia. Stessa cosa per il corpo di Versace. Uno stratagemma per nascondere le vere cause delle morti? O la pressione della famiglia e della Polizia per chiudere un caso complesso e pericoloso?

Non è finita qui. Altri scenari coinvolgevano la ‘ndrangheta, che avrebbe fatto uccidere Versace per dei debiti non pagati. A pubblicare questa ipotesi, i giornalisti Gianluigi Nuzzi e Claudio Antonelli nel libro-inchiesta Metastasi, grazie alle rivelazioni di Giuseppe Di Bella, un pentito. Secondo la testimonianza, Versace collaborava con la ‘ndrangheta nel commercio e spaccio di droga.

Oppure, l’ipotesi che fosse stata la Polizia ad aver inscenato il suicidio di Cunanan, per evitare che si sapesse il motivo dell’omicidio. Oppure, una versione ancora peggiore. La Polizia avrebbe ucciso entrambi, a causa di alcuni investimenti illegali che Versace aveva fatto a Miami. Per questa ipotesi venne prodotto anche un documentario, commissionato da Chico Forti, “Il sorriso della Medusa”. Nel 2000, Forti venne arrestato e condannato all’ergastolo per l’omicidio di Dale Pike, il figlio di un imprenditore che stava vendendo un hotel di Ibiza proprio a Forti. Sta ancora scostando la sua pena.

Il mistero di Versace rimane

Sono trascorsi 22 anni, ma il mistero sulla morte di Gianni Versace rimane. E rimarrà per sempre. Ma sulla sola responsabilità di Cunanan, ormai, sono in pochi a crederci.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24

Leggere fa bene

Gianni Versace L'imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà? - Gianni Versace limperatore dei sogni cover - Gay.it

Gianni Versace L’imperatore dei sogni, il film di Calopresti uscirà al cinema o Santo Versace lo bloccherà?

Cinema - Redazione 29.11.23