Queer Lion Award: dal 2 settembre al via la 14esima edizione. Scopriamo i film in concorso

Dal 2 al 12 settembre, l'appuntamento con il Queer Lion Award torna a incantare Venezia.

queer lion award
Parte il 2 settembre 2020 il Queer Lion Award.
3 min. di lettura

L’appuntamento è dal 2 al 12 settembre 2020, al Lido di Venezia, in occasione della 77° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica de la Biennale di Venezia. Il Queer Lion Award, giunto alla sua 14° edizione, presenta invece sette film in gara.

Lo scorso anno, la vittoria era andata a El Principe, di Daniel N. Casagrande.

Possono partecipare al Queer Lion Award tutti i film con tematiche e personaggi LGBT rilevanti, di durata pari o superiore a 30 minuti.

Queer Lion Award: i 7 film in concorso

Ecco le schede.

The World to Come di Mona Fastvold (Usa, 98’, 2020)
Cast: Katherine Waterston, Vanessa Kirby, Christopher Abbott, Casey Affleck
Sinossi: Nel 1850, in una fattoria nello stato di New York, Abigail e Dyer hanno appena perso la loro unica figlia a causa della difterite. Ancora in lutto, Abigail fa la conoscenza dei nuovi vicini, Tally e il marito Finney. Le due donne formano così un legame fatto di intimità sempre maggiore e passionale devozione. Quando i mariti comprenderanno l’intensità della loro relazione, la situazione sfuggirà a tutti di mano.
Presentato nella sezione Venezia 77

Śniegu już nigdy nie będzie (Never Gonna Snow Again) di Małgorzata Szumowska, Michał Englert (Polonia, Germania, 113’, 2020)
Cast: Alec Utgoff, Maja Ostaszewska, Agata Kulesza, Weronika Rosati, Andrzej Chyra
Sinossi: Polonia. Un massaggiatore proveniente dall’Ucraina entra nella quotidianità dei ricchi residenti di una comunità chiusa senza stimoli né desideri. Nonostante la loro ricchezza, queste persone sembrano tristi, annoiate. Le mani del nuovo arrivato li guariscono, i suoi occhi penetrano nelle loro anime. Per loro, l’accento russo di quell’uomo suona come una canzone del passato, un ricordo della loro infanzia. Zhenia, questo il suo nome, cambierà loro la vita.
Presentato nella sezione Venezia 77

Und morgen die ganze Welt (And Tomorrow the Entire World) di Julia von Heinz (Germania, Francia, 101’, 2020)
Cast: Mala Emde, Noah Saavedra, Tonio Schneider, Luisa-Céline Gaffron, Andreas Lust
Sinossi: Luisa, studentessa ventenne di giurisprudenza, aderisce a una cellula del collettivo Antifa quando con gli amici Alfa e Lenor viene a sapere di un attacco pianificato da parte di una banda neonazista locale. Cercando di saperne di più, i tre giovani approfondiscono la scena legata ai movimenti di destra e le loro connessioni politiche fino al punto in cui saranno chiamati a capire quanto sono disposti a spingersi oltre in difesa di ciò in cui credono.
Presentato nella sezione Venezia 77

Laila in Haifa di Amos Gitai (Israele, Francia, 99’, 2020)
Cast: Maria Zreik, Khawla Ibraheem, Bahira Ablassi, Naama Preis, Tsahi Halevi
Sinossi: Il film è stato interamente girato in un locale notturno, con annessa una galleria d’arte contemporanea, frequentata da israeliani e palestinesi, in una delle città più aperte di Israele, Haifa. Una lunga notte dentro un locale dove si ritrovano le persone più disparate: ebrei, musulmani, gay, eterosessuali, travestiti e tre donne, che in quel microcosmo variegato, luogo di incontro e di pace, trovano riparo dalla prepotenza maschile.
Presentato nella sezione Venezia 77 

Terrain di Lily Baldwin, Saschka Unseld, Kumar Atre (Usa, Germania, Svizzera, 45’, 2020)
Sinossi: Terrain è un viaggio nel Bardo: uno spazio ultraterreno tra le vite, nel quale incontriamo una successione di anime provenienti da tutto il mondo. Ci scivoliamo immergendovisi subito, lasciandoci alle spalle la quotidianità. Questo docu-sogno è una storia senza parole che adopera il linguaggio del movimento. Attraverso un paesaggio vivido e surreale, ogni persona incontra una serie di individui distinti e riscopre lentamente un corpo collettivo più vasto. Terrain è un unisono danzante della differenza. I nostri corpi colmano i divari tra i mondi e in questo modo inventiamo un nuovo tipo di verità non verbale. Questa nuova interconnessione ci spinge di nuovo alla vita, ridotta ai termini essenziali dal nostro senso di inter-essere condiviso.
Presentato nella sezione Venice Virtual Reality

Tengo miedo torero (My Tender Matador) di Rodrigo Sepúlveda (Cile, Argentina, Messico, 93’, 2020)
Cast: Alfredo Castro, Leonardo Ortizgris, Julieta Zylberberg, Sergio Hernández
Sinossi: In mezzo ai disordini politici durante la dittatura di Pinochet nel Cile degli anni Ottanta, una queer lady non più giovanissima si lascia coinvolgere in un’operazione clandestina molto rischiosa dopo essersi innamorata di un guerrigliero che le chiede di trasformare la casa in un covo della rivoluzione. Adattamento cinematografico del primo ed unico romanzo di Pedro Lemebel, nome iconico della cultura LGBT.
Presentato nella sezione Giornate degli Autori 

Saint-Narcisse di Bruce LaBruce (Canada, Belgio, Lussemburgo, 101’, 2020)
Cast: Félix-Antoine Duval, Tania Kontoyanni, Alexandra Petrachuk, Andreas Apergis
Sinossi: Canada, 1972. Dominic, ventidue anni, ha un feticcio… se stesso. Niente lo eccita di più della sua immagine. Per questo motivo, passa gran parte del suo tempo realizzando autoscatti con una Polaroid. Quando la sua amorevole nonna muore, scopre due profondi segreti legati alla famiglia: sua madre lesbica non è morta di parto e in un remoto monastero vive un fratello gemello, Daniel, cresciuto da un prete depravato. La forza del destino riunisce i due fratelli belli e identici. E dopo essersi ricongiunti anche con Beatrice, la loro madre, subito restano coinvolti in una strana rete di sesso, vendetta e redenzione.
Presentato nella sezione Giornate degli Autori

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Challengers Guadagnino Josh O Connor Mike Faist Zendaya

Challengers, lo sceneggiatore Justin Kuritzkes: “Il tennis è davvero omoerotico”

Cinema - Mandalina Di Biase 15.4.24
Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente - close to you 01 - Gay.it

Close to You, recensione. Il ritorno di Elliot Page, tanto atteso quanto deludente

Cinema - Federico Boni 19.4.24
Amadeus, Sanremo Giovani 2023

Sanremo verso Mediaset, Amadeus in onda sul NOVE già a fine agosto con tre programmi

Culture - Mandalina Di Biase 18.4.24
Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido "fr*cio di merd*" - Federico Fashion Style - Gay.it

Federico Fashion Style vittima di omofobia in treno. Calci e pugni al grido “fr*cio di merd*”

News - Redazione 19.4.24
Angelina Mango Marco Mengoni

Angelina Mango ha in serbo una nuova canzone con Marco Mengoni e annuncia l’album “poké melodrama” (Anteprima Gay.it)

Musica - Emanuele Corbo 18.4.24
Sandokan, c'è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi - Sandokan - Gay.it

Sandokan, c’è anche Samuele Segreto nella serie Rai con Can Yaman, Ed Westwick e Alessandro Preziosi

Serie Tv - Redazione 18.4.24

I nostri contenuti
sono diversi