Ucraina, città di Rivne vieta il Pride: “è una minaccia per l’istituzione della famiglia”

36 deputati locali hanno votato a favore del divieto, con due astenuti e nessun voto contrario.

Ucraina, città di Rivne vieta il Pride: "è una minaccia per l'istituzione della famiglia" - eurovision kyiv rainbow - Gay.it
< 1 min. di lettura

Il Consiglio comunale di Rivne, città dell’Ucraina occidentale, ha vietato agli attivisti LGBTQ di tenere un Pride previsto per domani, primo giorno del 2020. La mozione è stata approvata senza opposizione. Radio Free Europe riferisce che 36 deputati locali hanno votato a favore del divieto, con due astenuti e nessun voto contrario.

Accolta la proposta di vietare la propaganda di vari tipi di comportamenti sessuali devianti nella città di Rivne, anche sotto forma di cosiddette “marce dell’uguaglianza”, “sfilate dell’orgoglio”, “festival della cultura queer” e così via, tenuti in luoghi di svago di massa per famiglie con bambini“. Oleh Karpyak, esponente dell’estrema destra, ha citato il codice della famiglia dell’Ucraina come motivo del divieto.

Il Codice della famiglia dell’Ucraina regolamenta i rapporti personali e patrimoniali tra coniugi, tra genitori e figli, tra adottanti e adottato, tra il padre e la madre del minore per ciò che riguarda la sua educazione, crescita, sostentamento, sottolineando come la famiglia siacreata sulla base del matrimonio, della linea di sangue condivisa, dell’adozione, nonché per altri motivi non proibiti dalla legge e non contrari ai principi morali della società“.

Altri a favore del divieto hanno sostenuto che i Pride e altri eventi LGBTQ rappresenterebbero “una minaccia per l’istituzione della famiglia, includendo elementi di natura sessuale o erotica”.

Nonostante il divieto, all’inizio di quest’anno migliaia di persone hanno marciato nel più pacifico festival dell’orgoglio nella storia del Paese. Oltre 8.000 persone – tra cui politici e diplomatici stranieri – hanno assaltato la capitale del paese, Kiev, tramutandola nella più grande affluenza che la capitale ucraina abbia mai visto.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: "Solo l'amore conta" - Bari il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme - Gay.it

Bari, il sindaco Decaro unisce civilmente due vigilesse in alta uniforme: “Solo l’amore conta”

News - Redazione 24.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Tom Daley e Stefano Belotti

Chi è Stefano Belotti, il tuffatore azzurro che augura buon compleanno a Tom Daley

Lifestyle - Mandalina Di Biase 22.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24

Hai già letto
queste storie?

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l'omofobia esce al cinema tra plausi e proteste - Lessons in Tolerance film - Gay.it

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l’omofobia esce al cinema tra plausi e proteste

Cinema - Federico Boni 28.2.24