Ivan e Mykolai vogliono la legge sulle unioni civili in Ucraina

"Sono ucraino! Sono nato per essere libero! La mia vita è volontà! Toglietevi le catene degli stereotipi! Siamo liberi!"

ascolta:
0:00
-
0:00
militari gay coppia gay soldati ucraina
militari gay coppia gay soldati ucraina
4 min. di lettura

A che punto è la legge sulle unioni civili in Ucraina? Lo scorso Giugno l’attivista LGBTIQ+ ucraina Olena Shevcenko si era detta certa con Gay.it che la legge si farà e che la palle era nelle mani del Governo.

Io vedo che la società è cambiata- ci aveva spiegato Shevcenko – l’opinione pubblica non è più così contraria ai diritti LGBTQI+ in Ucraina, anzi direi che l’opinione pubblica e la società sono favorevoli al riconoscimenti di diritti LGBTQI+. Quindi l’ultimo step è del Governo“.

Negli stessi giorni la deputata Inna Sovsun, prima firmataria della proposta di legge, aveva spiegato, sempre a Gay.it, che la raccolta firme in Parlamento sta andando avanti, mostrandosi anch’ella confidente che le unioni civili possano diventare presto legge in Ucraina.

La legge è ora in parlamento, in Commissione Giustizia – ci raccontò la deputata Sovsun – dove però non viene ancora discussa, perché è prematuro. Viene invece dibattuta in 4 apposite commissioni dedicate agli emendamenti, perché è lì che possiamo ottenere il supporto politico necessario.”

Il paese sta fronteggiando e respingendo l’invasione della Russia di Putin. L’esercito, come in ogni paese in guerra, è depositario delle speranze di riconquista della pace, della difesa della propria sovranità e indipendenza. Insieme naturalmente alla sempre auspicabile azione diplomatica. L’esercito diventa anche catalizzatore di ambizioni e aneliti per un progresso dei diritti civili. Così i soldati, che sono persone qualsiasi chiamate a guerreggiare quando l’invasore russo ha valicato i confini per occupare territori fino ad allora facenti parte dell’Ucraina, si fanno portavoce delle speranze non solo belliche. Ma anche di miglioramento della società ucraina. Ad oggi le coppie LGBTIQ+ ucraine, e non solo quelle composte da persone che lavorano nell’esercito, non hanno accesso a reciproche visite ospedaliere, non hanno diritto di identificare e seppellire il proprio partner, non hanno alcun diritto patrimoniale e finanziario comune. A queste gravi disparità, il disegno di legge per le unioni civili porrebbe rimedio.

Nel tentativo di acquisire nuove informazioni sull’iter di approvazione del progetto di legge (scrivendo ad attivisti, deputati ecc.), mi sono imbattuto in un post che ha certamente il sapore della propaganda, ma che non ha potuto fare a meno di infondermi tenerezza e solidarietà. Si tratta del dolce racconto di una giovane coppia gay, ragazzi entrambi sotto le armi perché la legge chiede loro di combattere per la difesa dell’Ucraina. Ivan e Mykola ci dicono dal post che attendono dal governo ucraino l’approvazione della proposta di legge 9103 sulle unioni civili. “La guerra va avanti e le persone appartenenti alla comunità LGBT+ non hanno i diritti legali fondamentali come i loro fratelli e sorelle eterosessuali” si scrive nel post.

Leggi anche questo:

coppia gay soldati ucraina

L’account è quello dell’ONG “Ukrainian LGBTIQ+ Military for Equal Rights” (finanziata dall’ambasciata USA come scrivemmo già nel Marzo 22) e certamente è uno strumento di pressione occidentale per convincere le istituzioni ucraine a compiere passi importanti verso la democrazia liberale: uno dei passi potrebbe essere proprio quello di istituire le unioni civili per le coppie omosessuali.

Il posto chiede con chiarezza:

“Chiediamo alla Verkhovna Rada (parlamento ucraino) di adottare finalmente questo disegno di legge e avvicinare il nostro paese all’adesione all’UE e alla NATO”

Uno dei due ragazzi, Ivan, sul proprio account orgogliosamente nazionalistico e intriso di rivendicazioni per le azioni militari compiute in difesa del proprio paese, scrive:

Sono ucraino! Sono nato per essere libero! La mia vita è volontà! Toglietevi le catene degli stereotipi – siamo liberi! #9103 #pridemonth

Si veda qui sotto:

coppia gay ucraina

Mykolai ha invece un account IG più neutro, pubblica molto meno e tra i suoi post non è praticamente presente alcun riferimento all’orgoglio nazionalistico. Anzi, in una delle rarissime foto in cui appare con la divisa dell’esercito ucraino, Mykolai scrive (è ho avuto un brivido nel leggere la traduzione):

La vita va avanti nonostante tutto…

Si veda qui sotto:

coppia gay soldati ucraini

 

Ivan e Mikolay dunque sono innamorati e auspicano una legge sulle unioni civili. Rispetto all’amore per la propria nazione, uno dei due è più convinto dell’altro. Ma entrambi sono convinti del proprio amore e chiedono a gran voce che l’Ucraina istituisca una legge per difendere i diritti delle coppie omosessuali. Il parlamento ucraino e il governo sapranno dare alla comunità LGBTQIA+ ucraina almeno una legge per registrare e tutelare alcuni diritti delle loro partnership?

 

 

 

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Ivan Volodymyrovych (@k.a.j.a.n_ua)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis - Tale e Quale Show 2024 - Gay.it

Tale e Quale Show 2024, primi rumor sul cast. Da Federico Fashion Style alle Karma B e Giulia De Lellis

Culture - Redazione 24.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming - film queer 2 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 24/30 giugno tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 24.6.24
Alessandra Valeri Manera Cartoni animati queer

Addio ad Alessandra Valeri Manera, la resistente che ha combattuto per noi bambinə diversə

Culture - Giuliano Federico 24.6.24
Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza - Fuori film con Elodie - Gay.it

Fuori, Elodie attrice nel nuovo film di Mario Martone dedicato a Goliarda Sapienza

Cinema - Redazione 25.6.24
Lolita intervista

Lolita e la libertà di andare oltre gli stereotipi: “Chiunque di noi può essere tutto ciò che vuole”

Musica - Emanuele Corbo 24.6.24
@milanopride

Perché il Milano Pride non ha madrine e padrini? Le comunità ebraiche queer ci saranno? Intervista

Lifestyle - Riccardo Conte 24.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l'omofobia esce al cinema tra plausi e proteste - Lessons in Tolerance film - Gay.it

Lessons in Tolerance, la prima commedia ucraina contro l’omofobia esce al cinema tra plausi e proteste

Cinema - Federico Boni 28.2.24
Difesa Carriera Alias Guido Crosetto

Carriera alias al ministero della Difesa? Crosetto non ne sapeva nulla

News - Redazione Milano 12.1.24
Silvio Berlusconi Vladimir Putin omosessualità psicologica

Tra Berlusconi e Putin “un legame di omosessualità psicologica”: Vladimir donò un cuore di capriolo a Silvio, che vomitò

News - Mandalina Di Biase 6.5.24
Roberto Vannacci accusato di istigazione all'odio e difeso dalla Lega di Salvini

“Vannacci ha istigato all’odio razziale” l’accusa, la Lega di Salvini lo difende

News - Redazione Milano 26.2.24
Roberto Vannacci e Marco Mengoni a Sanremo con un pantalone di Fendi

Vannacci attacca il Pride e irride Marco Mengoni per la gonna che è un pantalone

News - Giuliano Federico 1.3.24
Roberto Vannacci

Roberto Vannacci avrebbe truffato lo Stato secondo l’indagine della procura militare

News - Giuliano Federico 24.2.24
Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: "Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci" - Riccardo Saccotelli carabiniere sopravvissuto alla strage di Nassiriya replica a Vannacci - Gay.it

Riccardo Saccotelli, sopravvissuto a Nassiriya: “Io carabiniere gay ho difeso la Patria come Vannacci”

News - Redazione 9.5.24
kyiv-pride-2024

Ucraina, perché il primo Kiev Pride dall’inizio dell’invasione russa è durato solo 30 minuti

News - Francesca Di Feo 18.6.24