Pesaro, un ragazzo accusa lo psichiatra: “Ha abusato di me”

di

Nelle prossime settimane sarà fissata la data dell'udienza preliminare.

1206 0

Avevano affidato il loro figlio di 13 anni alle cure di uno psichiatra molto noto a Pesaro e nel pesarese, ma non tutto è andato come preventivato.

In questi giorni allo psichiatra, consulente del tribunale di Rimini e a capo di studi medici sparsi in diverse città, è stata notificata la richiesta – formulata dal pubblico ministero – di rinvio a giudizio: l’accusa parla infatti di abusi sessuali ai danni del ragazzino.

Ma facciamo un passo indietro: tutto inizia nel 2011, quando l’allora 13enne, taciturno e con pochissimi amici, viene affidato a uno psichiatra dai genitori. È durante queste sedute che l’uomo spiega al ragazzo la potenziale origine del suo malessere: la non accettazione dell’omosessualità: “Sei gay, non c’è niente di male, devi solo comprenderlo e accettarlo” gli avrebbe detto.

Da questo momento in avanti gli incontri si fanno più frequenti e i due iniziano ad avere rapporti sessuali più o meno regolarmente. Dopo un paio d’anni dalla fine del percorso con il professionista, il ragazzo capisce però di essere attratto dalle ragazze e si convince di essere stato manipolato dal professionista. Ne parla con i genitori: il risultato? Un anno fa il legale di famiglia, l’avvocato Stefano Caroli, sporge denuncia: partono le indagini.

L’ipotesi formulata è di violenza sessuale con minorenni, aggravata ulteriormente dalla giovanissima età del ragazzino (non ancora quattordicenne all’epoca). Nelle prossime settimane sarà fissata la data dell’udienza preliminare che deciderà la sorte dell’uomo.

Leggi   Cattolica, coppia lesbica vittima di un condomino omofobo
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...