VADO A LETTO CON DEI BAMBINI

di

Senza scopi sessuali, s'intende. Lo rivela Michael Jackson in un'intervista tv. E ammette: "Ho subito violenze da mio padre". E gli interventi chirurgici? "Solo due al naso, per...

2420 0

Cosa c’è di meglio che andare a letto con un ragazzino senza nessuno scopo sessuale? A rivelare le sue bizzarre preferenze è una delle pop star più discusse della storia della musica, Michael Jackson, che ha aperto le porte della sua casa e ha svelato particolari inediti della sua vita privata nel corso di una lunga intervista che ha richiesto otto mesi di lavoro, realizzata per l’emittente britannica ITV. E vengono fuori così delle “verità” rimaste nascoste molto a lungo: come il fatto che lui stesso ha subito le violenze del padre, che lo picchiava ogni volta che non si impegnava nelle prove, oppure il fatto che nonostante la sua faccia sia stata completamente trasformata, lui in realtà si è sottoposto solo a due interventi di chirurgia plastica, entrambi al naso, che avevano il solo scopo di permettergli di respirare meglio.

Ma le novità più piccanti sono quelle riguardanti la vita sessuale e affettiva. Nel corso dell’intervista svolta dal giornalista Martin Bashir nella leggendaria villa dell’autore di “Thriller”, Jacko ammette che, nonostante abbia dovuto pagare un ragazzino di tredici anni che lo accusava di abusi sessuali, dorme ancora, di tanto in tanto, con qualche ragazzo. «Perché non si può condividere il letto? La cosa più amorevole che puoi fare è condividere il letto con qualcuno – ammette candidamente la superstar – Ci sono delle stanze per gli ospiti al Neverland, ma quando i ragazzi vengono qui, vogliono sempre stare con me… perciò io dico “se per i tuoi genitori va bene, allora sì, puoi”».

Uno di loro, un ragazzo di dodici anni sopravvissuto a un cancro, crede persino che le notti trascorse nel letto di Jacko lo abbiano aiutato a curare la sua malattia.

Quando Bashir gli si ricorda che ha 44 anni, Michael si contraria, e insiste che lui in realtà ne ha 4: «Sono come Peter Pan – dice – che rappresenta la gioventù, l’infanzia, la magia, che non cresce mai, e vola».

Jacko confessa che una delle sue attività preferite è arrampicarsi sugli alberi, cosa che lo ispira molto nella creazione: «Ho scritto tantissime canzoni seduto sui rami di quest’albero – rivela – Credo che le cose che mi piacciono di più siano le battaglie con palloncini ad acqua e arrampicarmi sugli alberi».

Al giornalista che gli chiede se non preferisca fare l’amore, Jacko risponde che gli piacciono molto di più le gavettonate.

Sembra proprio che la star del pop non abbia una vita sessuale intensissima: ha persino ammesso, per la prima volta, di aver avuto il suo terzo figlio, Prince Michael, come risultato di “una madre surrogata e le mie cellule spermatiche”. E nella scelta della madre, Jacko non è andato per il sottile: «Non mi interessava, purché fosse in salute. Non mi importava nemmeno la razza, purché fosse in salute. Ho usato una madre surrogata che non mi conosce».

Ha raccontato di essere stato presente in sala parto quando la sua seconda moglie, Debbie Rowe, diede alla luce la loro seconda bambina, Paris, e che era «talmente ansioso di portarla a casa, che dopo aver tagliato il cordone, odio ammetterlo, l’ho presa e sono andato a casa con la placenta e tutto il resto ancora addosso».

Leggi   Justin Bieber, è amore con il pastore Carl Lentz?

«L’ho messa in un asciugamano e ho corso. Loro hanno detto che andava bene… L’ho portata a casa e l’ho lavata».

Jacko ha detto che la Rowe acconsentì ad avere bambini perché lui desiderava così disperatamente diventare padre, che aveva cominciato a tirar fuori un sacco di bambole pretendendo che fossero figli suoi. La bizzarra pop-star ha anche rivelato che il suo massimo desiderio, ora, è adottare due bambini da ciascun continente.

Jackson, comunque, che è stato un bambino prodigio ma ha anche subito delle violenze dal padre, insiste nel dire che il suo interesse per i bambini non è sessuale, e assicura che gli piace solo tenerseli nel letto e dar loro “latte caldo e biscotti”.

«Ho dormito nel letto con tantissimi ragazzi. Ho dormito con Macaulay Culkin (il protagonista di “Mamma, ho perso l’aereo”, nella foto) e tutti i suoi fratelli quando lui era piccolo. Kieran Culkin dormiva da un lato, Macaulay dall’altro e sua sorella sopra di me. Ci siamo incastrati tutti nel letto».

Quando Bashir gli chiede se “il mondo ha bisogno di un uomo di 44 anni che dorme con i bambini”, Jackson replice: «No, lo rendi tutto sbagliato».

Riguardo al suo rapporto intimo con le donne, Jackson ha rivelato un altro bizzarro episodio riferito all’attrice Tatum O’Neal, accaduto una sera che lei lo aveva invitato a cena nel suo appartamento e l’avevo messo a sedere sul letto: «Avanzò verso di me lentamente, e toccò il bottone della mia camicia per aprirla. Ma io ho urlato, e lei è scappata. Sapeva che ero troppo timido per farlo. Ero spaventato, avevo paura».

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...