L’Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri

Il parere dell'Avvocatura generale della Corte di Giustizia: "Il rifiuto di uno Stato membro di riconoscere i cambiamenti di nome e di genere acquisiti in un altro Stato membro è contrario ai diritti dei cittadini dell'Unione".

ascolta:
0:00
-
0:00
Unione Europea Diritti Transgender
Unione Europea Diritti Transgender
2 min. di lettura

Unǝ cittadinǝ europeǝ transgender ha il diritto di ottenere il riconoscimento del proprio genere in ogni Stato membro. Questa è la posizione espressa dell’Avvocatura Generale della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, secondo un parere che esplora anche questioni essenziali relative ai diritti di libera circolazione e alla tutela della privacy dei cittadini europei.

Sebbene l’opinione non rappresenti una sentenza definitiva, in attesa del verdetto finale della Corte, essa riflette un principio cardine dell’Unione Europea: garantire la parità di trattamento a tutti i suoi residenti.

L'Unione Europea verso il riconoscimento del cambio di genere in tutti gli Stati membri - Transgender triptorelina - Gay.it

Il parere in questione nasce dall’analisi di un caso specifico: un cittadino rumeno che, dopo aver cambiato legalmente genere e nome in Gran Bretagna prima della Brexit, se n’è visto negare il riconoscimento da parte del tribunale di Bucarest.  

Benché la Gran Bretagna sia a tutti gli effetti uscita dall’UE nel 2020, gli eventi descritti sono avvenuti ben prima, nel 2017, periodo in cui le leggi, regolamenti e direttive erano ancora in vigore. Di conseguenza, qualsiasi cambiamento di status legale effettuato in territorio UK in quel tempo dovrebbe essere riconosciuto come valido ai sensi del diritto dell’Unione Europea, come specificato dall’avvocato generale Jean Richard de la Tour.

“Per il diritto alla libera circolazione dei cittadini dell’Unione e il diritto al rispetto della loro vita privata, le autorità di uno Stato membro non possono rifiutare di riconoscere e registrare il nome acquisito da un cittadino in un altro Stato membro, dove è anche cittadino,” ha dichiarato de la Tour. “Questo vale anche per il rifiuto di riconoscere l’identità di genere acquisita in un altro Stato membro e di registrarla direttamente nell’atto di nascita del cittadino.”

Nonostante l’Unione Europea si sia più volte espressa a favore dei diritti transgender, situazioni come questa rivelano ancora le discrepanze nelle politiche degli Stati membri riguardo al riconoscimento dello stato civile e ai diritti delle persone che si spostano all’interno dei paesi dell’Unione.

La responsabilità di definire le modalità specifiche di attuazione di tali normative, come quelle riguardanti i registri di stato civile e le questioni legate a matrimonio e filiazione, rimane infatti in capo agli Stati membri. Il che può facilmente generare tensioni di questo tipo, poiché le legislazioni nazionali possono differire notevolmente.

Il diritto alla libera circolazione e il rispetto della vita privata sono tuttavia considerati fondamentali e imprescindibili dall’UE, e se la Corte di Giustizia dovesse confermare il parere recentemente espresso, ciò stabilirebbe un precedente cruciale per il riconoscimento e la validazione delle identità transgender oltre ogni confine nazionale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

iraq-donne-trans (2)

Iraq, la strage silenziosa delle donne trans, uccise dai loro familiari per “onore”

Corpi - Francesca Di Feo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe - cover wp - Gay.it

Elezioni Europee e voto LGBTI+, guida alle candidature che aderiscono a #ComeOut4EU il programma di Ilga Europe

News - Lorenzo Ottanelli 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24

Continua a leggere

Pro Vita, un 2023 segnato dall'ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+ - 22I Figli non si comprano22 i manifesti di Pro Vita contro la GPA invadono le citta dItalia - Gay.it

Pro Vita, un 2023 segnato dall’ossessione gender. Ripercorriamo 12 mesi di attacchi alla comunità LGBTQIA+

News - Federico Boni 6.12.23
Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: "Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico "a ciascuno si dia il suo"" - Marco Tarquinio - Gay.it

Europee 2024, il Pd e Tarquinio. Lui insiste: “Il DDL Zan non mi piace, sulle unioni civili dico “a ciascuno si dia il suo””

News - Federico Boni 5.4.24
Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana - grassadonia - Gay.it

Chi è Marilena Grassadonia candidata alle Elezioni Europee con Verdi e Sinistra Italiana

News - Redazione 6.5.24
africa lgbt

Storia di un mondo al contrario, così i diritti LGBTIQ+ spaccano il mondo

News - Giuliano Federico 6.12.23
report-amnesty-diritti-umani

Preoccupante regressione dei diritti umani, tra cui quelli LGBTQIA+, a livello globale: il desolante report di Amnesty International

News - Francesca Di Feo 29.4.24
Matteo Salvini a Firenze per il meeting di Identità e Democrazia

Gli imbarazzanti alleati europei di estrema destra della Lega di Salvini

News - Lorenzo Ottanelli 4.12.23
Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di 'Stati Uniti d'Europa': "Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell'UE"" - Matteo Di Maio Europa - Gay.it

Europee 2024, intervista a Matteo Di Maio di ‘Stati Uniti d’Europa’: “Ong e associazioni LGBTI+ devono essere coinvolte nelle decisioni dell’UE””

News - Federico Boni 21.5.24
sondrio-manifesti-provita

Sondrio, anche qui spuntano i manifesti ProVita: “Basta confondere l’identità sessuale dei bambini”

News - Francesca Di Feo 11.12.23