JUDE LAW, EROE DAGLI OCCHI DI GHIACCIO

di

Tenebroso, ma casalingo: è Jude Law. Nelle gallerie fotografiche le splendide immagini del bell'inglese interprete di "Il Nemico alle Porte".

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Le gallerie fotografiche di Jude Law

La bellezza non è importante… di certo questo detto non si addice ai criteri di scelta del regista francese J.J.Annaud per il protagonista del suo ultimo film ‘Il nemico alle porte‘. Annaud infatti ha cercato tra i più belli a disposizione e la sua scelta è caduta su Jude Law, un ragazzo particolare, i cui occhi erano adattissimi in un film in cui sarebbero stati in primo piano per gran parte del tempo.

La pellicola narra la storia di un ragazzo russo, Vassili, che diventa un eroe nazionale nel giro di pochi giorni. Il vero Vassili era un bel ragazzo e Annaud ha voluto rispecchiare la realtà degli avvenimenti anche in questo.

Malgrado l’aria da tenebroso tormentato, Jude conduce una vita molto semplice con la moglie e i loro tre bambini. Ha scelto il ruolo di Vassili con il criterio che ha usato per tutti gli altri, la passione. Non accetta parti per soldi o per tornaconto, dice che non riuscirebbe a recitare in film in cui non crede e che non ama a prima vista.

Una delle ragioni per cui ha accettato questo ruolo è che spera di aiutare gli americani ad apprendere una parte importante della storia. Lui crede che i suoi concittadini spesso non sappiano molte cose sulla storia non americana, e questa potrebbe essere una buona occasione. È una storia che trascende la razza, russi, tedeschi o americani: è la storia di un uomo qualsiasi che è strappato alla sua vita quotidiana e obbligato a combattere. La parte più difficile riguardava il fatto che non avesse mai toccato un’arma in vita sua:

un istruttore di tiro lo ha seguito per mesi, gli ha insegnato a dormire col fucile, a mangiarci insieme, le tecniche di mimetizzazione. Ora è un buon tiratore.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...