Brunei: il codice penale prevede la lapidazione per i gay e amputazioni per i ladri

Il nuovo codice penale si basa sulle regole della sharia.

brunei
2 min. di lettura

Il Brunei si adegua e nel suo nuovo codice penale inserisce delle pene basate dalla sharia, previste per alcuni reati. La popolazione del piccolo stato del sud-est asiatico è in gran parte musulmana (i due terzi lo sono) e dalla settimana prossima saranno soggetti al nuovo codice penale, approvato dopo anni di lavori. Infatti, la modifica del codice era stata annunciata nel 2014, con l’intenzione di inserire appunto le regole e le punizioni corporali indicate nella sharia.

E sono proprio le punizioni corporali a scatenare lo sdegno delle maggiori associazioni per i diritti umani. La punizione per il furto prevede l’amputazione di un piede o di una mano, mentre erano già presenti altre condanne e multe salate per chi consuma alcol e chi non rispetta la preghiera del venerdì. Per gli omosessuali e chi commette adulterio, secondo il Corano, la condanna prevede la morte. Non a caso, in questi due casi si prevede la morte per lapidazione.

Brunei, uno dei Paesi islamici più conservatori

A decidere di basare il proprio codice penale sulla sharia è stato il sultano del Brunei, uno degli uomini più ricchi del mondo. Con un patrimonio di 20 miliardi di dollari, il sultano Haji Hassanal Bolkiah controlla lo Stato dal 1967. E non ha intenzione di riconoscere alcun diritto alla comunità LGBT, anche se non ci sono riferimenti e condanne alle donne lesbiche. Anzi, stando alla legge, i rapporti tra due donne sono considerati legali.

Amnesty International tra tutte le associazioni ha richiesto di “fermare immediatamente” l’applicazione delle nuove sanzioni, che saranno valide dal 3 aprile. L’Ong internazionale che combatte per i diritti umani ha definito le condanne per furti, omosessualità e adulterio come sanzioni profondamente sbagliate, dichiarando che “non dovrebbero nemmeno essere considerati reati, compresi i rapporti consensuali tra adulti dello stesso sesso”. Al momento, il Brunei è uno degli Stati più omofobi esistenti in tutto il Pianeta.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il percorso di Federico Massaro dopo l’uscita di Vittorio Menozzi

Culture - Luca Diana 27.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Da sinistra: Douglas Carolo (foto da TikTok), Andrea Bossi (foto SKYtg24) e Michele Caglioni (foto Instagram)

Perché Andrea Bossi sarebbe stato ucciso da Douglas Carolo e Michele Caglioni?

News - Redazione Milano 29.2.24
Roberto Vannacci Paola Egonu Matteo Salvini

Vannacci sospeso dall’Esercito Italiano, Egonu lo querela, Salvini lo difende

News - Giuliano Federico 28.2.24
Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni - Aubrey Plaza - Gay.it

Liarmouth, Aubrey Plaza di The White Lotus nel primo film di John Waters dopo 20 anni

Cinema - Redazione 28.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

brunei-pena-di-morte-omosessualita

Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

News - Francesca Di Feo 30.1.24
Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per "omosessualità" - Indonesia fustigazione gay - Gay.it

Yemen, 13 persone condannate ad esecuzione pubblica per “omosessualità”

News - Redazione 9.2.24