Il Brunei minaccia di lapidare gli omosessuali dal 2019, mentre il mondo celebra il matrimonio tra i suoi Reali

Nessuna quantità di oro o splendore può offuscare la verità: per il Brunei, i diritti umani sono opzionali.

ascolta:
0:00
-
0:00
brunei-pena-di-morte-omosessualita
3 min. di lettura

Il matrimonio tra il principe del Brunei, Abdul Mateen (figlio del Sultano Hassanal Bolkiah) e la consorte, Yang Mulia Anisha Rosnah riflette un’immagine di ricchezza e splendore che la maggior parte di noi può solo sognare.

I media di tutto il mondo hanno riportato i dettagli minuziosi di questa sontuosa cerimonia: gli abiti disegnati da stilisti di fama mondiale, i piatti gourmet serviti agli ospiti, i musicisti di fama internazionale che hanno intrattenuto l’élite riunita, fino all’hair stylist italiano, Alessio Evangelistella, scelto per curare l’immagine del sultano che definisce un “amico umilissimo”.

Anche il gigantesco palazzo, con le sue 1.788 stanze, sembra uscito da un racconto delle Mille e una notte, un simbolo del potere e della ricchezza della famiglia reale del Brunei. Che però è a capo di un paese che dal 2019 minaccia di lapidare gli omosessuali.

In Brunei esiste la pena di morte per omosessualità?

Strano a sentirsi, fino a sei anni fa l’omosessualità era legale in Brunei. La legge sulla pena di morte per lapidazione è recente: introdotto nel 2019, non senza un’ondata di indignazione e condanna a livello internazionale, questo provvedimento faceva parte di una più ampia implementazione della Sharia – la legge islamica – nel sistema legale del paese, a partire dal 2014.

In risposta alle preoccupazioni espresse da vari governi occidentali, organizzazioni per i diritti umani e altre entità – ma anche al boicottaggio della catena di hotel di proprietà del Sultano incoraggiato da George Clooney tramite una vastissima campagna di sensibilizzazione internazionaleera stata annunciata una moratoria poco dopo.

Nonostante l’adozione del regolamento, quindi, non vi sono stati fino ad oggi casi confermati di esecuzioni tramite lapidazione per atti omosessuali in Brunei. Ma questo non ci fa sicuramente stare più tranquill*.

La moratoria – che può essere ritirata facilmente e in qualsiasi momento a seconda dei capricci del Sultano– implica infatti che la legge sia tecnicamente in vigore, sebbene non venga applicata.

E non impedisce peraltro l’incarcerazione e la violenza contro le persone LGBTQIA+, che in Brunei non hanno la possibilità di esprimersi, né tantomeno di riunirsi. Per gli “atti carnali contro l’ordine naturale”, la pena detentiva minima resta comunque di 20 anni.

Di affermazione di genere non se ne parla nemmeno, e chiunque sia “beccat*” anche solo ad indossare abiti definiti “non conformi al proprio sesso biologico” viene multato o – peggio – arrestato.

Nell’aprile del 2014, in occasione dell’entrata in vigore della prima parte del codice penale, Amnesty International aveva già espresso le sue profonde preoccupazioni.

“Il codice penale del Brunei è profondamente viziato da una serie di disposizioni che violano i diritti umani – commentava Rachel Chhoa-Howard, ricercatrice di Amnesty International –. Oltre a imporre pene crudeli, inumane e degradanti, esso limita in modo evidente i diritti alla libertà di espressione, religione e credo e legittima la discriminazione contro donne e ragazze”.

Il Brunei, fino a oggi, non ha infatti formalizzato la sua adesione alla Convenzione contro la Tortura e Altre Pene o Trattamenti Crudeli, Inumani o Degradi e ha rifiutato di accogliere le raccomandazioni proposte durante la Revisione Periodica Universale del Consiglio dei Diritti Umani delle Nazioni Unite nel 2014.

A livello globale, le normative sui diritti umani classificano chiaramente ogni forma di punizione fisica, inclusi metodi come la lapidazione, l’amputazione o la flagellazione, come atti di tortura o punizioni crudeli, inumane e degradanti, vietandone categoricamente l’uso in qualsiasi circostanza.

Queste pratiche, che il Brunei non ha ancora formalmente rifiutato attraverso la ratifica dei principali trattati internazionali sui diritti umani, sono in palese contrasto non solo con i dettami di questi accordi, ma anche con le norme inderogabili del diritto internazionale consuetudinario.

Nessuna quantità di oro o splendore può offuscare la verità evidente: la persistenza di pratiche crudeli e inumane rimane una macchia indelebile sullo scenario dei diritti umani a livello globale.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

John Cena è su Only Fans?

Ma John Cena è davvero su Only Fans?

Culture - Riccardo Conte 23.2.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote - Angelina Mango - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango vola secondo i bookmakers. Le ultime quote

News - Redazione 23.2.24
Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel - Rosso bianco e sangue blu - Gay.it

Rosso, bianco e sangue blu 2? Taylor Zakhar Perez alimenta le speranze di un sequel

Cinema - Redazione 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24

Continua a leggere

"I gay sono dei perveriti", e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova - Milena Slavova - Gay.it

“I gay sono dei perveriti”, e la Corte bulgara dà ragione alla cantante Milena Slavova

News - Redazione 13.10.23
coldplay indonesia musulmani

Coldplay, contestazione di 300 musulmani fondamentalisti al concerto: “Sostengono la causa LGBTQIA+”

News - Redazione Milano 16.11.23
Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda - Johannesburg Pride 2023 - Gay.it

Johannesburg Pride 2023, in migliaia per sostenere la comunità LGBTQIA+ dell’Uganda

News - Redazione 30.10.23
cina lgbt

Cina, così la repressione LGBTIQ+ procede lenta e inesorabile

News - Redazione Milano 9.11.23
cover-meloni-africa

Vertice Italia-Africa e Piano Mattei: il Governo Meloni stringe accordi con 23 paesi che criminalizzano l’omosessualità

News - Francesca Di Feo 29.1.24
africa lgbtiq occidente

Se in Africa vedono la questione LGBTIQ+ come arroganza occidentale e le autocrazie ne approfittano

News - Giuliano Federico 18.10.23
Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: "La nostra società non è pronta" - Marcel Ciolacu - Gay.it

Romania, il premier Ciolacu chiude alle unioni civili: “La nostra società non è pronta”

News - Redazione 24.11.23
Coppia gay Germania Gay.it

Turchia: il 90% delle persone LGBTIQ+ subisce violenza on line

News - Redazione 13.10.23