Le colleghe del San Raffaele del centro Gender prendono le distanze da Diego Fusaro: “Articolo triste e irrispettoso”

Critiche anche da Roberta De Monticelli.

Le colleghe del San Raffaele del centro Gender prendono le distanze da Diego Fusaro: "Articolo triste e irrispettoso" - fusaro 1 - Gay.it
3 min. di lettura

Roberta Sala, professoressa associata di Filosofia politica, e Francesca De Vecchi, ricercatrice di Filosofia teoretica, entrambe membri del Interfaculty Centre of Gender Studies GENDER, istituito presso l’Ateneo Vita-Salute San Raffaele (la stessa università in cui insegna Diego Fusaro) hanno deciso di prendere le distanze dell’articolo di Fusaro (Transgender, perché la nostra società li santifica) pubblicato sul sito del Fatto il 15 febbraio scorso.

Il comunicato è arrivato in risposta all’appello lanciato su Facebook da Jonathan Bazzi, autore dell’articolo pubblicato ieri su Gay.it La filosofia e il disprezzo: Diego Fusaro e la questione transgender.

Ecco quanto ha scritto la docente:

Ammetto che, da qualche tempo in qua, non seguo più gli interventi di Diego Fusaro, collega presso l’Università Vita-Salute San Raffaele. Non mi riesce di discutere con lui, e confesso altresì che i contenuti della sua riflessione mi turbano ma, non raramente, generano in me insofferenza, rabbia, disgusto… gli elementi che, ahimè, sono propri dell’intolleranza. Ma l’intolleranza non si combatte con l’intolleranza ed è per questo che, semplicemente, me ne sono venuta via… Ma il post di Bazzi costringe a prendere la parola. Così la prendo, a nome mio e a rappresentanza di colleghe e colleghi che come me appartengono allo Interfaculty Centre of Gender Studies GENDER, istituito presso l’Ateneo Vita-Salute San Raffaele. Prendo dunque la parola anche a nome loro, e soprattutto a nome di Francesca De Vecchi, che dirige il Centro, per esprimere dissenso rispetto a quanto Fusaro sostiene nell’articolo pubblicato il 15 febbraio su Il Fatto Quotidiano. Come prima cosa, spiace dover ribadire che l’ideologia gender, o teoria del gender, non esiste. Parlare di ideologia gender è servito e serve ancora a confondere intenzionalmente i termini e i concetti relativi al genere, per deriderli, per banalizzare le differenze e per farne una caricatura. È servito e serve ancora a chi si ostina a non rispettare le esperienze delle persone e, invece di chiedere spiegazioni di ciò che non comprende, fa proclami per nascondere una rivendicativa ignoranza. Se l’ideologia gender non esiste, se non presso i detrattori della categoria del genere, gli studi di genere o gender studies esistono: sono l’ambito di riflessione interdisciplinare che, a partire dalla distinzione tra sesso biologico e genere, quest’ultimo inteso come costrutto sociale assegnato più o meno arbitrariamente alle differenze di sesso, si propone di difendere il diritto alla visibilità di persone che si riconoscono o non si riconoscono nelle categorie stereotipiche cui sono tradizionalmente ricondotte. La categoria di genere serve così da strumento di analisi critica tesa a smascherare falsi determinismi biologici e naturali. Combattendo ogni ricorso illegittimo alla logica della naturalità e della complementarità dei sessi, la categoria di genere intende denunciare gli effetti di discriminazione di relazioni di potere e di rapporti diseguali. Usare la categoria del genere mira, dunque, a scardinare l’idea di essere naturalmente predisposti a fare cose; mira quindi a difendere la libertà di scegliere chi essere e che fare della propria libertà, poiché la libertà è dell’individuo ma è libertà se è pubblicamente visibile. Difendere tale libertà non significa in alcun modo farsi “sacerdoti del politicamente corretto”, come scrive Fusaro, né significa “santificare la figura del transgender”. Ancor meno significa farsi servi del “liberismo” che, “sul versante sessuale, mira a dissolvere il concetto stesso di limite naturale, dissolvendo l’idea di una natura non risolta integralmente nella società e nella storia”. Anzi, per essere sinceri, di questo preteso connubio con il liberismo (spesso volutamente confuso con il liberalismo!) non si capiscono proprio né l’origine né la ratio. Tornando all’articolo di Fusaro, basterebbe la lettura delle poche righe che qui seguono per uccidere il desiderio intellettuale di un confronto serio su una tematica tanto delicata: “come il transnazionalismo liberista mira al mercato globale deregolamentato e libero da ogni sovranità nazionale democratica, così il transgenderismo eretto a modello mediatico si fonda sulla deregulation sessuale, sull’abbattimento di ogni limite e di ogni sovranità legati all’ambito della natura e della biologia”. Ma quel che appare più incomprensibile è quanto si dice dei gender studies, che collocherebbero “l’eterosessualità su un piano di indistinzione, nel trionfo della separazione tra sessualità e vita etica familiare”. Questa affermazione è falsa e denuncia una manipolazione ideologica degli scopi dei gender studies, che mai hanno negato l’eterosessualità né la famiglia eterosessuale: solo, più semplicemente, si occupano di capire perché ci sono e ci possano essere esperienze differenziate di sessualità, differenze di orientamento sessuale, diversità nella percezione soggettiva dei rapporti tra sesso e genere, avendo sullo sfondo, questo sì, il diritto di ciascuno di vivere la propria vita come si vuole ma nel rispetto reciproco. Ciò che, in questo triste articolo di Fusaro, sembra mancare totalmente.

A questa presa di posizione si è aggiunta poi anche quella di Roberta De Monticelli, ordinario di Filosofia della persona, sempre presso l’università San Raffaele:

Sbarco a Francoforte insonnolita venendo da Columbia University, dove la comunità LGBT insieme a tutte le altre comunità gloriosamente liberal moltiplica le iniziative a difesa dei diritti civili, e mi trovo questa bella pensata di Diego Fusaro. Ora io non vorrei infierire, data la libertà di espressione, ma certo, Diego, la tua prosa è illiberale perfino nel lessico e nella sintassi! Se posso confessarlo, io trovo il tuo attacco all’idea di un parlamento europeo, cioè sovranazionale, altrettanto deprimente che questo attacco alla sacrosanta libertà di vivere la propria sessualità come diamine la si intende, nel rispetto di tutti.

https://www.gay.it/cultura/news/contro-diego-fusaro-transgender?from=widget-no-title

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 18.2.17 - 13:56

Nel mio quartiere da bambino c'era una portinaia che diceva che suo figlio faceva il filosofo. A 11 anni andai là e le dissi che forse studiava filosofia ma lei insisteva col dire che la facesse. Allora le chiesi se forse suo figlio fosse un filosofo e che libri avesse scritto. Ma quella diceva che suo figlio faceva filosofie così grandi che nessuna parola avrebbe mai potuto esprimerle. Dopo qualche mese il figlio finì in una retata e si scopri che spacciava sesso e cocaina ai signori attempati suoi clienti che adescava in un night o in certi parcheggi. Allora dissi alla portinaia "peccato che l'abbiano preso perché per mezza città sopra ai 70anni la vita non ha più un significato senza tutta quella filosofia che suo figlio faceva in gran quantità "

Avatar
Gerardo Romeo De Stefano 18.2.17 - 11:21

Mi sorprendo di quanto il pregiudizio e l' ignoranza inquini le menti di gente come Fusaro che hanno fatto dello studio del pensiero il loro lavoro. Quanto sono grandi i limiti di questi soggetti imbevuti di provincialismo italiano! Ma la teoria del gender fa discutere solo in Italia!!! L' educazione alla differenza può solo arricchire, ed è inammissibile che la discriminazione varchi ancora le soglie delle nostre università.

Trending

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli - Matteo B Bianchi3 - Gay.it

Libri LGBTQIA+, le novità: di euforia, di santi, diavoli, altricorpi e femminielli

Culture - Federico Colombo 22.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Cosa significa Rainbow Washing_

Cos’è il rainbow washing, quali forme assume e come evitarlo

News - Francesca Di Feo 20.6.24
Ivan Codrian per @theshamelessfund

Jonathan Bailey lancia l’associazione di beneficenza LGBTQ+ “The Shameless Fund”

Culture - Luca Diana 21.6.24
Fedez annuncia apertura canale OnlyFans

Fedez cede a OnlyFans e apre il suo canale: “Mi consigliano di ripulirmi l’immagine e faccio il contrario”

News - Emanuele Corbo 21.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

Continua a leggere

TRNASgender Next Generation EU

Affermazione di genere, semplificare i percorsi e superare la legge 164 del 1982: cos’è il progetto T.R.A.N.S. – INTERVISTA

Corpi - Francesca Di Feo 10.4.24
Francesco Cicconetti, l'Università di Urbino gli riconosce l'identità di genere anche sul diploma - Francesco Cicconetti - Gay.it

Francesco Cicconetti, l’Università di Urbino gli riconosce l’identità di genere anche sul diploma

News - Redazione 17.5.24
catania-convegno-persone-transgender

Catania, indigna il programma di un convegno universitario sui percorsi di affermazione di genere organizzato da un’associazione cattolica

Corpi - Francesca Di Feo 3.4.24