La filosofia e il disprezzo: Diego Fusaro e la questione transgender

Sul perché il pensiero del giovane filosofo è radicato nell'ignoranza e nella mancanza di umanità.

La filosofia e il disprezzo: Diego Fusaro e la questione transgender - fusaro - Gay.it
5 min. di lettura

Il rapporto complicato dei filosofi con la vita concreta ha radici lontane. Molti sono stati i libri scritti e molte le parole spese sulla storica inimicizia tra teoria e vita vissuta. Hannah Arendt, la grande pensatrice politica, ha detto sul tema le cose più profonde e laceranti. Arendt dovette assistere nella sua Germania, all’epoca dell’avvento del nazismo, al sostegno accordato dai suoi amici e colleghi filosofi al regime di Hitler. “I filosofi furono i primi ad allinearsi” disse. In gioventù la pensatrice fu anche l’amante di Heidegger ed ebbe modo, proprio attraverso quel tormentatissimo rapporto, di rendersi conto di come la filosofia spesso porti a “prendere dimora nel regno del pensiero“, finendo col perdere di vista la vita nei suoi risvolti più umili, concreti, reali. Per questo Hannah Arendt arrivò a rifiutare la definizione di “filosofa” (le preferiva quella di “teorica della politica”) dichiarando di aver chiuso con la filosofia e di non voler più aver niente a che fare con i filosofi di professione.

Proprio dallo scollamento tra pensiero e vita possono venire, sono venute, cose terrificanti. Di fatto tutti i grandi mali del Novecento. Il pezzo di Diego Fusaro uscito il 15 febbraio sul sito del Fatto QuotidianoTransgender, perché la nostra società li santifica – può essere ricondotto proprio a questa antica tradizione di “tradimenti filosofici” dell’esperienza. È un testo che dice cose molto gravi, inesatte e violente sulle questioni di genere. Un testo che vìola il senso della parole, lo piega a fini ideologici, ignorando il peso esistenziale dei temi che maneggia, un testo che attiva dispositivi retorici passepartout là dove invece servirebbero comprensione, intelligenza emotiva, umanità. I “transgender” – come Fusaro definisce le persone (termine su cui va posto l’accento) transgender – non sono entità: sono esseri umani. Esistenze concrete, individui. È per questo che le si dovrebbe protegge – più che “santificarle” – quando vengono denigrate ed è per questo che non comprendere l’importanza delle battaglie per i loro diritti è gravissimo. Soprattutto nel 2017, soprattutto da parte di un giovane (aspirante) filosofo.

L’USO DELLE PAROLE

Le parole a cui Fusaro ricorre sono animate dal desiderio non di capire e far capire (che dovrebbe essere il compito della filosofia) ma di trascinare il lettore dalla parte degli intolleranti. Innazittutto Fusaro sbaglia in pieno equiparando gli eterosessuali ai cisgender: l’eterosessualità riguarda l’orientamento sessuale, il termine “cisgender” allude invece all’identità di genere. Un/una cisgender è un persona che, poniamo, si sente uomo e ha dalla nascita un corpo maschile; un/una transgender invece nasce con quella che è definita disforia di genere: il genere che egli percepisce come proprio non corrisponde a quello del suo corpo biologico. Cis- e trans-gender possono poi essere eterosessuali, omosessuali, bisessuali, asessuali. L’orientamento sessuale è altro dal genere. Inoltre Fusaro scrive che l’ “ordine mediatico ha scelto di santificare il transgender” quando, a ben vedere, se il giovane professore di filosofia si trova a scrivere quell’articolo – peraltro sul sito di importante quotidiano nazionale – è proprio perché la dignità delle persone transgender è stata attaccata, liberamente, in modo plateale e da attori mediatici importanti. Perché il leader di uno dei principali partiti politici italiani (Beppe Grillo) ha liberamente espresso in un suo spettacolo – ora disponibile sulla principale piattaforma di prodotti di intrattenimento (Netflix) – volgarità e frasi denigratorie sulle persone transgender. Insomma, un processo di santificazione alquanto zoppicante. È quantomeno bizzarro poi che Fusaro usi il verbo “santificare”: egli finge di ignorare che l’Occidente, attraverso un processo lungo e tortuoso, è arrivato a ritenere inviolabili una serie di diritti, atti a tutelare la dignità umana, il rispetto del valore della vita umana indipendentemente dalle varie forme che essa può assumere. Ed è proprio in quest’ottica che le battaglie compiute da e per la comunità LGBT sono battaglie fondamentali, di civiltà. La società e l’ordinamento politico dovrebbero non santificare ma prendersi cura e tutelare ben più di quanto facciano attualmente la condizione delle persone transgender perché queste vivono sulla loro pelle innumerevoli e gravissime forme di discriminazione personale e sociale (al punto che vengono definite “minoranza nella minoranza“). Le persone transgender costituiscono il segmento della comunità LGBT che sconta in modo più pesante stigma e pregiudizio.

NATURA E CULTURA

Fusaro nella sua battaglia contro l’inesistente teoria del gender – esattamente come fanno i più noti sostenitori di questo tipo di prospettiva – cavalca la grande retorica del rispetto della natura, del pericolo gender che incombe sull’integrità “naturale”. Però Fusaro a tutto ciò aggiunge la questione neomarxista. Il capitalismo e lo strapotere liberista, secondo Fusaro, vogliono cancellare le differenze naturali per rendere tutto mercato, merce. In realtà tocca ricordare a Fusaro ciò che gli esperti dicono da tempo: le teorie gender non esistono. Esistono invece gli studi di genere, ovvero un ambito di riflessione che tenta di liberare la vita umana dalle gabbie ideologiche e dalle strutture di potere che riguardano il genere e la sessualità, cercando di produrre rispetto e senso delle differenze lì dove invece ci sono forme di oppressione e disuguaglianze. Fusaro ignora – o finge di ignorare – che le sue parole si dirigono direttamente contro chi vive la delicata condizione della disforia di genere, ovvero chi nasce con un corpo non in sintonia con il genere che percepisce come proprio. A Fusaro, della condizione concreta e incarnata dei singoli, non interessa: le sue parole restano sul piano astratto e generalissimo della teoria, passano sopra la testa delle persone. Inoltre non si può non ricordare che il confine tra cultura e natura così fermamente invocato dal filosofo è chiaro e definito proprio solo per i retori e i sofisti. Gli antropologi ci hanno insegnato invece, già da molto tempo, che separare in modo definitivo e certo naturale e culturale non è possibile. Fusaro più che altro sembra ritenere tutto il queer come arbitrario, esito di decisioni, prese di posizione volontarie. Ma si sbaglia. Per quanto possa risultare destabilizzante per gli intolleranti, caratteristiche quali l’omosessualità e l’identità transgender non sono affatto decise dal soggetto. Il soggetto le vive come “naturali”, stabili, parte integrante della propria identità.

LA RETORICA DELL’ESAGERAZIONE

Dipingendo poi “il transgender” come una specie di figura mitologica o di supereroe che tutto può o tutto vorrebbe potere – Fusaro scrive che vuole “trascendere ogni limite e poter essere tutto senza inibizioni naturali o morali, biologiche o culturali” – il filosofo s’imbatte in quella che è definita la fallacia del piano inclinato. Attraverso una retorica che procede per iperboli, Fusaro tenta di far passare l’idea che la rivendicazione dell’identità transgender porterebbe all’annullamento dell’ordine naturale, al “varcare ogni confine, limite, frontiera naturale“. Insomma vien da pensare che per Fusaro le persone transgender volino, governino gli elementi, viaggino nel tempo. La retorica dell’esagerazione impera, è utile, gli torna comoda per buttare fumo negli occhi, delineare futuri fantasiosi e distopici. È evidente che Fusaro sia in malafede: non può ignorare che le identità queer esistono da sempre e in tutte le culture, anche non occidentali e certamente non capitalistiche. Ciò che Fusaro e gli intolleranti come lui non vedono o più facilmente fingono di non vedere è che ciò che chiamano gender non è affatto un’invenzione della modernità ed è naturale tanto quanto cisessualità ed eterosessualità.

FILOSOFIA vs VITA

Nell’utilizzare grandi categorie ideologiche per far violenza alla vita, Fusaro, e con questo concludiamo, compie il classico errore di molta (cattiva) filosofia. Come dicevamo in apertura di questo articolo, il giovane aspirante filosofo tira in ballo entità astratte che, fatte agire tra di loro, occultano di fatto l’esistenza concreta e la vita vissuta dagli uomini e dalle donne di cui si sta parando. Applicando alle questioni di genere la sua prospettiva pseudo marxista e anticapitalista, Fusaro dimentica il valore delle storie individuali, il modo in cui le persone si sentono. Che ne sa Fusaro delle esperienze di cui parla? L’aspirante filosofo giudica dall’esterno e senza interesse umano, diciamo pure in modo dis-umano, forme di vita che gli sono estranee, attribuendo loro un senso strumentale e utile ai suoi scopi di interpretazione generale del mondo. In questo senso l’articolo di Fusaro e più in generale tutta la battaglia contro i diritti civili che l’autore ha ormai da tempo intrapreso sembrano radicate nel disprezzo del diverso, nell’ignoranza verso ciò che è diverso e nella strumentalizzazione di questo diverso che si disprezza e non si conosce, ma che si ritiene utile dover attaccare e mal interpretare per difendere costrutti identitari e retorici ma anche, banalmente, per supportare un’appartenenza politica o più semplicemente vendere più copie. Diego Fusaro dovrebbe scusarsi con la comunità LGBT e con le persone transgender. Scusarsi e non tornare più sull’argomento. Perché al di là dei trucchi di pensiero dei filosofi e della loro voglia di giocare con la storia e gli ideali, esiste la vita delle persone. E quella sì che va rispettata o, come ama dire il nostro, santificata.

(Jonathan Bazzi)

 

https://www.gay.it/attualita/video/transfobia-show-grillo-transgender-netflix

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Giovanni Di Colere 18.2.17 - 19:24

È carnevale e ci si traveste da filosofi.

Avatar
alessio 18.2.17 - 15:06

La filosofia non ha niente a che vedere con la pederastia. Filosofia è amore per la saggezza, per la sapienza; mentre la pederastia od omosessualità è niente altro che vizio e perversione.

Avatar
alessio 18.2.17 - 15:01
Avatar
Mauro Magoelite Casotti 18.2.17 - 14:19

Al di là della dicotomia teoria-vita pratica, io vedo verificato una volta in più la violenza insita nei marxisti. Sconfitti dalla Storia, nella pratica delle cose hanno dentro l'idea dello Stato etico, non puntando mai sulla libertà del singolo, ma sulle entità (che poi diventano violenza) come Famiglia e Stato. Per questo comunismo reale e fascismo per me sono sullo stesso piano.

    Avatar
    Harald 21.2.17 - 1:08

    Se tu ha migliorato la tua vita che non è più di merda, almeno spero, lo devi proprio alle teorie marxiste. Se regimi totalitari hanno avuto un esempio, per ciò che riguarda la violenza e la repressione, questo è stato quello della chiesa, antesignana dei metodi di oppressione e di soppressione dei popolo. Hitler non è certo stato il primo a perseguitare gli Ebre, e i suoi metodi non sono stati meno feroci di quelli usati dalla chiesa. Leggi e studia la storia. Coglion!

    Avatar
    Pa Hare 24.7.18 - 15:09

    Fusaro non è un marxista.

Avatar
Robben Wainer 18.2.17 - 10:47

Dalla mia vita ho fatta una discernata inversa la personale stuggirere che ho avuto con una identita a una transgendere donna, e la projetta sociale dov'e ho dimonstravo tutti affare che rappresentare fidiucia dal una voce per commiseurate. Io sono una Donna captivata nel un cuerpo uomo, e una voce dal ducare per la stata, e la movimenta LGBT sociale.

Avatar
Floriana Ferro 18.2.17 - 6:38

Da persona che studia (e pratica) filosofia sono indignata di come questo pseudo-intellettuale manipoli, senza il giusto apparato concettuale, né un adeguato percorso di pensiero, la più nobile delle discipline. Sappiate che gli interessa più apparire sui media ed alimentare il suo ego che fare filosofia di qualità. Per fortuna, gli amanti del sapere non sono tutti così.

Avatar
arrives 18.2.17 - 6:02

leggendo spesso il fattoquotidiano.it vi posso dire che quella di Fusaro contro i diritti gay e transgender è una vera e propria ossessione. Poi equipara il fatto che lobby finanziarie, bancarie stiano riducendo i popoli in povertà al fatto che negli ultimi anni c'è stata un'attenzione crescente ai bisogni e alle tematiche della popolazione lgbt. Ma vista l'ossessione che ne ha Fusaro sembra che i gay siano diventati il 60% della popolazione e i trangender il 30% e l restante 10% eterosessuale. E' evidente che il soggetto soffra di un 'omofobia interiorizzata molto forte, al limite della paranoia, cosa c'entrano le lobby finanziarie che si stanno arricchendo ai danni della popolazione con i diritti lgbt???? cosa c'entra? nulla. purtroppo definendosi marxista dimostra ancora una volta come i marxisti-comunisti abbiano sempre odiato i gay; prova ne è che non esiste un solo paese al mondo comunista o marxista che abbia mai garantito uno straccio di diritto ai gay. In questo Fusaro è perfettamente in sintonia con la peggior concezione marxista...

Avatar
Harald 18.2.17 - 0:01

Sono sempre dell'avviso che l'ignoranza non sia solo prerogativa degli ... ignoranti, ma essa alberga anche nelle eccelse (?) menti dei cosiddetti intellettuali di destra (inesistenti) e di sinistra. Anche io in gioventù sono stato un acceso marxista, ma non mi sarei mai sognato di commettere una simile castronata, comprensibile proprio in chi non usufruisca di una sana cultura scientifica. Mi è sembrato, leggendo quel suo deplorevolissimo articolo, di scorrere pagine della stramaledetta quanto inutile, distorcente e insulsa filosofia dei padri della chiesa. Si ha la sgradevole impressione, nello scorrere le loro aride pagine, di leggere un romanzo giallo e di aspettare di giungere alla pagina dove si scopre chi sia l'assassino, con la differenza che in un giallo prima o dopo lo saprai, ma a leggere i testi della patristica, ti aspetti che da un momento all'altro il cosiddetto filosofo cristiano ti dia le prove materiali, tangibili e soprattutto ripetibili di ciò che afferma con una sicumera criminale, rintracciabile solo nei procellosi e dannosissimi fanatismi religiosi di cui la chiesa ha dato, e, purtroppo continua a dare, vasti ed esaurienti esempi della sua criminale e assassina condotta pe almeno 1800 anni e che non si differenzia per niente dalla egualmente criminale religione musulmana a cui non ha niente da invidiare.

Avatar
Alessio 17.2.17 - 19:53

Un articolo molto bello e, soprattutto, scritto benissimo. Complimenti!

Avatar
mountainlion 17.2.17 - 19:51

Bravo, molto bravo e lucido, anche se citare Hannah Arendt e Heidegger commentando le povere parole di questo opinionista è fargli un upgrading consistente ed immeritato. È frutto di squilibrio profondo e seria malattia non avere curiosità e simpatia per chi è diverso finché questo non ti minaccia, aggredisce o quantaltro. È la superstizione comune e tristemente perpetrata nel nostro paese a non avere pietà, simpatia e sopratutto empatia, concetto sconosciuto al soggetto le cui parole, orrende, lei commenta, nei confronti di chi diverso lo è per davvero. Di certo un "filosofo" che ripete e fa suoi i concetti di una catechesi di provincia (illudendosi di essere fuori dal coro e non percependo di esserne un mediocre, sgangherato ed inutile solista), conditi di livore e da un pensiero reazionario, imbarazzante alla sua età, disinformato e indirizzato al vento ha poco a contribuire alla società . È dalla saggezza dei diversi, quelli veri, quelli che nessuno ha voluto e che avrebbero fatto carte false per esserci nella società anche solo per un istante, che la società e tutti hanno da imparare.

Trending

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
Federico Massaro, Grande Fratello

Grande Fratello, il messaggio di Federico Massaro per il fratello transgender

Culture - Luca Diana 29.2.24
Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard - Xavier Dolan - Gay.it

Cannes 2024, Xavier Dolan presidente di giuria Un Certain Regard

News - Federico Boni 1.3.24
Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale - olly alexander - Gay.it

Eurovision 2024, Il Regno Unito vuole la vittoria con Dizzy di Olly Alexander. Il video ufficiale

Culture - Redazione 1.3.24
Bledar Dedja sarebbe stato ucciso dopo aver incontrato un 17enne via Grindr

Perché il 17enne ha ucciso il 39enne Bledar Dedja adescato su Grindr e qual è il movente?

News - Redazione Milano 29.2.24

Continua a leggere

Addio a Sex Education, le recensioni della 4a e ultima stagione celebrano la serie - Sex Education - Gay.it

Addio a Sex Education, le recensioni della 4a e ultima stagione celebrano la serie

News - Federico Boni 22.9.23
Elite 7, Anitta in doccia nel nuovo bollente teaser - elite anitta - Gay.it

Elite 7, Anitta in doccia nel nuovo bollente teaser

Serie Tv - Redazione 11.10.23
rishi sunak transfobico

Regno Unito, il premier Rishi Sunak torna alla carica contro la comunità trans

News - Francesca Di Feo 6.12.23
Heartstopper 3, sono ufficialmente finite le riprese della nuova stagione. L'annuncio - Cover Heartstopper 3 - Gay.it

Heartstopper 3, sono ufficialmente finite le riprese della nuova stagione. L’annuncio

Serie Tv - Redazione 18.12.23
@socondendapefasatluce

Attivista transgender nel mirino dell’odio sui social: “È l’ignoranza sull’argomento a spaventarmi”

News - Riccardo Conte 6.9.23
candidati lgbt USA

Le 10 città più e meno LGBTQIA+ friendly d’America

News - Federico Boni 8.11.23
Brianna Ghey

Brianna Ghey, colpevoli due sedicenni: gli atroci dettagli dell’omicidio

News - Redazione Milano 23.12.23
Young Royals 3, sinossi e immagini ufficiali dell'ultima stagione - Young Royals 3 e - Gay.it

Young Royals 3, sinossi e immagini ufficiali dell’ultima stagione

Serie Tv - Redazione 11.1.24