Cosa ha detto Judith Butler a Bari nella sua lectio magistralis

Dalla paura del gender alle "famiglie buone", ripercorriamo il potente discorso di Butler all'Università di Bari.

ascolta:
0:00
-
0:00
Judith_Butler_al_CCCB_2018
Judith_Butler_al_CCCB_2018
3 min. di lettura

Lo scorso Lunedì 16 Ottobre, l’Università degli Studi di Bari Aldo Moro, ha ospitato tra le sue aule un’ospite d’onore: Judith Butler, filosofa, scrittrice, teorica e fondatrice degli studi di genere (che vi racconta meglio il nostro Federico Colombo qui), accolta dal rettore Stefano Manzini, ha ricevuto il Dottorato Honoris Causa in “Gender Studies”, per poi emozionare l’intera Aula Magna Aldo Cossu del Palazzo Ateneo, con la sua lectio magistralis Imagining beyond Fear and Destruction, inaugurando il convegno annuale della rete internazionale di ricerca filosofica Nosotrxs.

La lettura ha ripreso i temi portanti dell’attivismo di Butler, dal genere come ‘imitazione di un ideale’ alla possibilità di più famiglie, in relazione al nostro clima politico mettendone in discussione gli ‘spauracchi’ e le false informazioni.

Per la destra, dice Butler, il gender è diventato un tema portante, ridotto a “‘ideologia demoniaca” ai danni dei bambini.

Quello che dovrebbe essere un dibattito ma non lo è” legge Butler, evidenziando come al contrario, si esaspera la paura che il gender stia venendo a toglierci qualcosa: “La paura che qualcosa chiamata gender rubi l’identità, che sia una mistificazione, che sia una forma di colonizzazione che invada come fanno gli immigrati indesiderati, che rappresenti l’ascesa di poteri totalitari o che segni il punto estremo dell’iper-capitalismo”.

Butler specifica che sebbene le nozioni e paure sul gender siano “estremamente contraddittorie” tra loro, la destra continua a presentarlo “come una forza distruttiva che deve essere fermata”.

Il movimento anti gender, o contro l’ideologia gender, è pieno di paura e attribuisce a qualcosa chiamato gender il potere di cancellare e appropriarsi del sesso” legge la filosofa davanti l’Aula Magna Aldo Cossu “Si tratta di una affermazione potente, ed è ben nota nel contesto italiano come dimostrano le dichiarazioni della presidente del Consiglio, Giorgia Meloni.

Nella sua lettura, Butler sottolinea che lo stesso termine ‘gender’ è diventato surrogato di tutta una serie di paure di diverse fonti, incluse le condizioni economiche e quelle ecologiche. Sono tre le principali ansie: la paura che il gender indottrini i bambini (“che venga imposto in classe o, peggio, che sia un modo per sedurre gli studenti ingenui e innocenti“), che vada a cancellare “il carattere specifico dei valori maschili e femminili”, e diventi così “una minaccia all’identità spirituale o culturale o alla sicurezza naturale“.

“Il gender oggi rappresenta una serie di ansie sociali ed economiche che non riguardano il gender” continua Butler “Queste paure si sono coagulate e dislocate nel discorso sul gender. Quando il gender è visto come un segnale di pericolo, può diventare il segnale di molti altri pericoli adiacenti”.

Ma come evidenzia Butler, l’utilizzo delle parole è essenziale: se intendiamo il gender come qualcosa che ci ruberà l’identità, è facile intenderlo come una “forza mostruosa e minacciosa”. Ma se ci dicessero che stiamo vivendo “una specifica concezione storica di maschile e femminile”, ci accorgeremmo solo che “questa disposizione può cambiare” e non avremmo motivo di temere che qualcuno venga a portarci via l’identità sessuale.

Butler sottolinea che viviamo un’epoca dove la violenza che c’è sempre stata (“contro le donne, contro i bambini, contro le persone omosessuali e contro le persone transessuali. E dobbiamo includere anche i migranti”) oggi è ancora più pubblicizzata alla luce di “guerre, distruzioni climatiche, migrazioni, e precarietà economica che sta producendo più paura e rabbia”:

Penso che sia estremamente importante opporci a queste forme di violenza, focalizzare l’attenzione pubblica su questi temi e prendere posizione contro la violenza domestica, di genere. E questo nelle scuole, nei discorsi pubblici, a livello di istituzioni religiose, ma anche attraverso la legge. Abbiamo bisogno di più esponenti politici che prendano posizione contro queste violenze“.

Se il presidente Meloni chiama la GPA un reato universale, Butler ci invita a riflettere su cosa intendiamo per “famiglia tradizionale”: perché se tutte le famiglie “divorziano, vivono secondi matrimoni, diventano famiglie allargate”, cosa distingue davvero le famiglie buone da quelle cattive? “Le famiglie sono buone quando i figli sono amati, protetti, curati legge la filosofa “Quando una famiglia protegge i figli e crea per loro un ambiente ideale per farli fiorire, è una buona famiglia. Ci sono famiglie buone e cattive, sia fra quelle tradizionali sia fuori da questo paradigma”.

Il discorso ha visto le lodi e gli applausi dell’intera aula magna, con il rettore Manzini che ha definito l’Aldo Moro un’università “plurale” (con l’obiettivo di “educare e ricercare nuove vie di sviluppo”) dove “voci della saggezza”, come quella di Butler, meritano “di assumere tonalità sempre più alte”.

Dichiara il rettore: “Questo non vuol dire che domani il mondo sarà diverso, o più buono, ma bisogna lavorare in questa direzione”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Olivia Rodrigo in bad idea right? (2023)

Olivia Rodrigo è la rockstar (e attivista) che meritiamo: il suo Guts Tour contro le leggi anti-aborto

Musica - Riccardo Conte 26.2.24
Marco Mengoni e Mahmood una canzone insieme

Marco Mengoni e Mahmood, una canzone insieme

Musica - Mandalina Di Biase 23.2.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Lewsi Hamilton rainbow

F1, il Bahrain vuole vietare la bandiera LGBTI+, cosa farà Hamilton in Ferrari?

Lifestyle - Redazione Milano 26.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 26 febbraio/3 marzo tra tv generalista e streaming

News - Federico Boni 26.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24

Hai già letto
queste storie?

carriera alias MOZIONE 36

Eliminare la carriera alias da 263 scuole in tutta Italia, la destra parte dalla Lombardia per cancellare le giovani persone transgender e non binarie

News - Giuliano Federico 9.10.23
Foto: NPR (Keeley Parenteau)

Maratoneta non binary vince la maratona di New York (ma non riceve il premio)

Corpi - Redazione Milano 23.1.24
foto: il fatto quotidiano

Trans Lives Matter: il movimento trans* si fa sentire ancora più forte

News - Redazione Milano 20.11.23
michael-stipe-binarismo-di-genere

Michael Stipe sul binarismo di genere: “Nel ventunesimo secolo stiamo riconoscendo le zone grigie”

Musica - Francesca Di Feo 15.12.23
Mahmood inSAFE FROM HARM A FILM BY WILLY CHAVARRIA

Mahmood, il video integrale di Willy Chavarria designer di collezioni non binarie

Lifestyle - Mandalina Di Biase 13.2.24
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
judith butler

Distruggere i generi: breve storia di Judith Butler

Culture - Federico Colombo 20.10.23
@mattheperson

Una chiacchierata con Matt Taylor, tra TikTok e queerness

Culture - Riccardo Conte 13.2.24