Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l’Eurovision 2015

di

Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.

Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l'Eurovision 2015Foto 1 - Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l\
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l'Eurovision 2015Foto 2 - Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l\
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l'Eurovision 2015Foto 3 - Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l\
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l'Eurovision 2015Foto 4 - Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l\
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l'Eurovision 2015Foto 5 - Invece dei classici omini verdi e rossi, coppie gay e lesbiche che si tengono per mano.
Vienna: il semaforo diventa gay friendly per l\
    CONDIVIDI
    Facebook Twitter Google WhatsApp
    4536 1

    Se avevate ancora qualche dubbio su quanto fosse gay friendly Vienna, questo potrebbe fugarli del tutto. In occasione dell’Eurovision 2015, infatti, i semafori della capitale austriaca non mostreranno i soliti omini rossi e verdi, per indicare quando si può attraversare e quando no. Al loro posto, ci saranno delle coppie gay e lesbiche che si tengono per mano, e dei cuori. Un messaggio inequivocabile, nella città di Conchita Wurst, vincitrice della scorsa edizione dell’Eurovision.
    E se volete vincere un viaggio a Vienna per due per assistere alla finale dell’Eurovision 2015, partecipate al nostro contest fotografico usando l’hashtag #BridgesToVienna. Qui tutte le informazioni.

    Tutti gli articoli su:

    Commenta l'articolo...