Scontro Immanuel Casto – Maria Elena Boschi: ritorna la polemica su ‘Squillo’

Il cantante chiude la discussione con un post su Facebook.

immanuel casto
2 min. di lettura

Si torna indietro di 7 anni, riaccendendo una vecchia polemica nata appunto nel 2012. Protagonista della storia era Immanuel Casto e il suo gioco di carte “Squillo”. Questo è un gioco per adulti e per gli amanti del black humor, e non è per niente uno strumento didattico, come spiega il cantante. Il Messaggero, oggi, riprende però le critiche di alcuni parlamentari, in particolare della deputata di Italia Viva Maria Elena Boschi, la quale ha scritto un post su Facebook commentando:

Mi chiedo come si possa immaginare di creare un gioco in cui si usano le prostitute come pedine, con una gara tra papponi. Non c’è niente di divertente nella vita d una donna sfruttata e obbligata a vendere il proprio corpo. Non c’è niente di vincente in uomini che schiavizzano quelle donne e alimentano i traffici della criminalità organizzata. Mi auguro che il gioco venga ritirato subito si interrompa questa vergogna. 

Sempre da Italia Viva, arriva il commento anche di Lisa Noja per Immanuel Casto:

Che piega sta prendendo il mondo? Vale tutto? È uscito un nuovo “grandioso” gioco dove ci si diverte a fare i papponi. Si chiama #squillo. Chiediamo un’immediata rimozione dal mercato. Non si scherza sulla piaga dello sfruttamento della prostituzione.

E dal Pd, Emanuele Fiano:

Si sta impazzendo veramente, un gioco per gestire le prostitute e diventare papponi. E non parlatemi di ironia.

La scheda che appare on line, sul sito della azienda che lo commercializza, illustra le regole e lo spirito del gioco. In pratica in Squillo ogni giocatore interpreta il ruolo di sfruttatore di prostitute. Il compito di ognuno è «gestire le escort, le battone di strada (sic) e giovani promesse. Ognuna di queste – si legge – ha una propria particolarità, parcella e ricavato finale in caso di affari non andati a buon fine, e nel caso la successiva vendita degli organi». Avete letto bene: «vendita di organi».

Immanuel Casto risponde alle critiche

E’ lo stesso Casto a intervenire sulla questione, attaccando Il Messaggero che secondo il cantante avrebbe lo solo scopo di ravvivare una vecchia polemica.

Preferisco commentare invece l’articolo, che definisce il gioco “molto simile al Monopoli” e, tentando di descriverne le meccaniche, parla di “fare punti”. Tutto questo non ha nulla a che vedere con il gameplay, a dimostrazione che chi scrive non si è preso nemmeno il disturbo di leggere un articolo di Wikipedia.

Spiega in un post su Facebook. La polemica è sorta per prima dal quotidiano Il Mattino, il quale ha voluto collegare il gioco di Immanuel Casto alla maglietta sessista del Carrefour, il cui disegno istigherebbe al femminicidio e che è stata subito tolta dal mercato.

Infine, sempre Casto chiede di fare il nome delle “numerose associazioni” che avrebbero chiesto l’immediato ritiro dal mercato di “Squillo”.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura - Sessp 38 - Gay.it

La storia di Radclyffe Hall: così fu censurato il primo romanzo lesbico della letteratura

Culture - Federico Colombo 20.2.24
Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: "Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione" (VIDEO) - Luciana Littizzetto e Maria De Filippi - Gay.it

Luciana Littizzetto e la lettera a Maurizio Costanzo: “Grazie per aver parlato di diritti LGBT, per aver abbassato il provincialismo bigotto della nostra nazione” (VIDEO)

Culture - Federico Boni 21.2.24
CameraModaUnarAFG photo da IG: Tamu McPherson

Milano Fashion Week e lotta alla discriminazione, siglato accordo tra Unar e Camera della Moda

Lifestyle - Mandalina Di Biase 20.2.24
Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
Bruce LaBruce The Visitor Berlinale - Gay.it

La rivoluzione queer è una liberazione, Bruce LaBruce con ‘The Visitor’ alla Berlinale

Cinema - Redazione Milano 21.2.24
teen-star-educazione-affettiva-sessuale

Teen Star, infiltrazioni di integralismo cattolico nella scuola italiana, i genitori ritirano i figli

News - Francesca Di Feo 19.2.24

Hai già letto
queste storie?