Immanuel Casto vs. Platinette: “rappresenta il rassicurante stereotipo del fenomeno da baraccone”

Durissimo attacco social del cantante nei confronti di Mauro Coruzzi, a suo dire simbolo di un implicito patto tra la televisione generalista e la vecchia guardia omosessuale.

Immanuel Casto vs. Platinette: "rappresenta il rassicurante stereotipo del fenomeno da baraccone" - casto platinette - Gay.it
2 min. di lettura

Hanno suscitato ovvio clamore le incredibile parole di Mauro Coruzzi, in arte Platinette, rilasciate nel corso di Io e Te, trasmissione Rai condotta da Pierluigi Diaco. Dopo essersi detta contraria alle unioni civili, la drag ha provato a smontare un presunto luogo comune, che vorrebbe i gay italiani “vessati, emarginati”. Non è così, a detta di Coruzzi, che ha sottolineato come “la visibilità degli omosessuali non è mai stata così alta come in questo momento e, a volte, se posso, fin troppo”.

Passato qualche giorno, è stato Immanuel Casto a replicare, via social, con un messaggio presto diventato virale.

Non stupiscono le parole di Platinette che torna a denigrare le unioni civili e a lamentare la “troppa visibilità” data agli omosessuali. C’è un patto implicito tra la televisione generalista e la vecchia guardia omosessuale, di cui Platinette è uno dei simboli. Un patto che garantisce (solo a loro) visibilità e remunerazione, in cambio dell’aderenza al rassicurante stereotipo del fenomeno da baraccone. Clown da deridere e da far esibire all’occorrenza, per poter dire “avete sentito?! Anche lui dice che non esiste la discriminazione. E se lo dice un gay…”. Fa sempre male vedere qualcuno che, confondendo l’attenzione altrui con l’amore, finisce per rinunciare all’amore per se stesso.

Non solo Platinette, d’altronde, si è lasciata andare a discutibili dichiarazioni nei confronti della comunità LGBT. Cristiano Malgioglio, in passato proprio a noi di Gay.it definì il Pride uno “schifo”.

Qui in Italia, si trasforma sempre in un circo o, meglio ancora, nel carnevale di Rio. I gay dovrebbero smetterla di ridicolizzarsi. È un peccato per tutti. Io parlo con cognizione di causa andando, ogni anno, a Cuba dalla mia amica Mariela Castro, figlia di Raúl, da sempre in prima linea per i diritti LGBT. Il Pride, lì, ha un sapore diverso. È quasi commovente.

Parole surreali, se dette da un uomo che solo pochi mesi fa su Canale 5 andava in onda vestito da sposa, troppo spesso ripetute da persone LGBT di una certa età, visibili eppure ancorate ad una rappresentazione della comunità ipocritamente bigotta. Ma è a loro, e quasi solo a loro, che certa televisione generalista guarda, e si propone, in modo da rassicurare lo spettatore medio. Perché più fanno folclore e più confortano. Soprattutto se del tutto gratuitamente rilasciano persino dichiarazioni come queste.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm - Block Pass - Gay.it

Cannes 2024, ecco i 17 film LGBTQIA+ in corsa per la Queer Palm

Cinema - Federico Boni 17.5.24
L'artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché "a scuola diventerebbe gay" (VIDEO) - Bryce Mitchell - Gay.it

L’artista marziale Bryce Mitchell istruirà suo figlio a casa perché “a scuola diventerebbe gay” (VIDEO)

Corpi - Redazione 24.5.24
10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy - ecnv mommy - Gay.it

10 anni fa Xavier Dolan travolgeva e incantava Cannes con Mommy

Cinema - Federico Boni 24.5.24
BigMama date estive

BigMama parte per il “Pride Tour”: tutte le date per un’estate nel segno dell’orgoglio

Musica - Emanuele Corbo 24.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: "Porno di basso livello" - tom pelphrey b31035 - Gay.it

Chi ha paura di un pene eretto? Polemiche UK per la serie Un Uomo Vero: “Porno di basso livello”

News - Redazione 15.5.24
Polonia, giornalista della Tv di Stato si scusa in diretta per la propaganda anti-LGBTQ+ degli ultimi 8 anni (VIDEO) - Wojciech Szelag - Gay.it

Polonia, giornalista della Tv di Stato si scusa in diretta per la propaganda anti-LGBTQ+ degli ultimi 8 anni (VIDEO)

News - Redazione 16.2.24
Emanuele Pozzolo il post omofobico ai tempi dell'approvazione delle unioni civili. Nella foto insieme a Giorgia Meloni che lo scelse nelle liste elettorali del 25 Settembre 2022.

Emanuele Pozzolo, scelto da Meloni: ecco il post omofobico contro le unioni civili

News - Redazione Milano 3.1.24
Rosso, Bianco e Sangue Blu potrebbe diventare una trilogia - Rosso bianco e sangue blu foto - Gay.it

Rosso, Bianco e Sangue Blu potrebbe diventare una trilogia

News - Redazione 14.5.24
Gaynet - campagna terapie riparative

L’oppressione nascosta, terapia riparativa per una persona LGBTIQ+ su quattro, il dato shock dell’Unione Europea

News - Redazione Milano 15.5.24
Sentenza Bari due mamme Gay.it

Tribunale di Roma, sì alla trascrizione del certificato estero con due mamme

News - Redazione 26.2.24
Nex Benedict Gay.it

Nex Benedict uccisə dalla transfobia, spunta il video delle sue ultime parole alla polizia in ospedale

News - Redazione Milano 27.2.24
100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore - roberto vannacci - Gay.it

100 giorni di esternazioni omobitransfobiche di Roberto Vannacci, da generale a Capo di Stato maggiore

News - Redazione 7.12.23