Chi è Daria Kasatkina, tennista LGBTI russa che critica la Russia di Putin e solleva dubbi sulla finale WTA in Arabia Saudita

Dopo il suo coming out nel 2022, Kasaktina non ha più fatto ritorno in patria, ma non si è mai pentita della sua decisione: "Vivere in pace con sé stessǝ è l’unica cosa che conta, fanc*lo tutto il resto".

ascolta:
0:00
-
0:00
Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia
Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia
4 min. di lettura

Classe 1997, sei titoli WTA già conquistati e una presenza costante nei tabelloni dei tornei più prestigiosi definiscono il profilo di Daria Kasatkina, una delle protagoniste più brillanti del tennis femminile contemporaneo e tennista russa con il ranking più alto al mondo.

Nel 2022, il suo toccante coming out come lesbica in un’intervista con la blogger russa Vitya Kravchenko, e il racconto della storia d’amore con la pattinatrice Natalia Zabiiako, con cui è insieme ancora oggi. Per Daria – che ha deciso di vivere fuori da proprio paese natale – nascondersi era diventato una tortura.

“Ci sono troppi taboo in Russia” aveva dichiarato, criticando l’attitudine del Cremlino e le restrizioni imposte alla comunità LGBTQIA+ nel proprio paese. “Questa storia che vedere una persona omosessuale ti ci faccia diventare, o che qualcuno possa effettivamente scegliere di essere gay è ridicola. Non c’è niente di più facile che essere etero”.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by Daria Kasatkina🐬 (@kasatkina)

La legge russa del 2013 contro la cosiddetta “propaganda gay ha avuto impatti profondi, limitando le libertà civili con la proibizione di marce del gay pride e l’arresto di attivisti per i diritti LGBTQ+.

Recentemente, i legislatori russi hanno implementato un’estensione ancora più severa della normativa, bollando il “movimento internazionale LGBTQIA+” come estremista e vietando completamente la “promozione” di relazioni LGBTQ+ in una luce positiva o neutra, sia pubblicamente che nei media.

Durante un’intervista realizzata a Barcellona, Kasatkina aveva condiviso le proprie preoccupazioni riguardo alla situazione nel suo paese, esprimendo il timore che, in Russia, non potrebbe mai avere la libertà di camminare mano nella mano con la sua compagna.

“Nascondersi è impossibile, è troppo difficile ed è inutile” aveva dichiarato “Vivere in pace con sé stess* è l’unica cosa che conta, fanc*lo tutto il resto”.

Kasatkina ha rivelato che la sua decisione di fare coming out era stata ispirata dalla calciatrice russa Nadya Karpova, che si era dichiarata lesbica pochi mesi prima. Per questo motivo, la tennista incoraggia l* sportiv* a non avere paura di uscire allo scoperto.

“Facendo coming out, Nadya non ha sollevato solo un peso da sé stessa, ma ha anche offerto aiuto a chi la segue. Penso sia fondamentale che figure di spicco dello sport, o di altri settori, affrontino questi temi apertamente. È essenziale per i giovani che si trovano in difficoltà con la società e che necessitano di supporto”.

A settembre 2023, il suo scontro agli US Open contro Greet Minnen rappresentò un evento storico, trattandosi della prima partita di tennis femminile in cui entrambe le contendenti erano atlete apertamente LGBTQIA+.

Pronta a guadagnarsi il suo settimo titolo nelle finali WTA di quest’anno, Kasatkina – come già il calciatore spagnolo Rubén Garcíaaveva però espresso diverse perplessità sulla location delle finale del torneo, a Riad, in Arabia Saudita, un paese dichiaratamente omofobo che punisce l’omosessualità con la pena di morte e nel quale si svolgerà l’Expo 2030.

“Mi hanno dato garanzie che starò bene. Se mi qualifico, significa che sono tra le prime otto al mondo: è una grande notizia per me […] E finché si dà l’opportunità alle persone, ai bambini e alle donne di vedere davvero il nostro sport in modo che possano conoscerlo, giocarci, partecipare, penso che sia grandioso”.

Daria Kasatkina Tennis LGBTI Russia
Daria Kasatkina Tennista LGBTI – Russia

Tennis, chi è Daria Kasatkina? Biografia e carriera sportiva

Nata il 7 maggio 1997 a Tolyatti, in Russia, e figlia d’arte di campioni leggera e nell’hockey su ghiaccio, Daria Kasatkina è stata introdotta al tennis all’età di sei anni grazie all’incoraggiamento del fratello maggiore. Si è rapidamente affermata nel circuito junior, conquistando il campionato europeo a soli 16 anni e successivamente un titolo del Grande Slam junior ai Open di Francia nel 2014.

La giovane tennista ha rapidamente guadagnato posizioni nel ranking professionistico, arrivando al 32° posto mondiale a soli 18 anni e conquistando il suo primo titolo WTA nel 2017, quando ancora era un’adolescente, al Charleston Open.

La sua ascesa è proseguita nel 2018, anno in cui si è messa in luce raggiungendo la finale del Premier Mandatory Indian Wells Open, dove è stata sconfitta dalla sua coetanea emergente, Naomi Osaka, in un incontro ritenuto simbolo del rinnovamento del tennis femminile.

Kasatkina ha ottenuto i successi più significativi della sua carriera vincendo i titoli alla Coppa del Cremlino e al Trofeo di San Pietroburgo, entrambi disputati in Russia.

Dopo tre stagioni di risultati positivi nel WTA Tour, nel 2019 Kasatkina ha attraversato un periodo difficile, scivolando nella metà inferiore della top 100. Tuttavia, il 2021 ha segnato una svolta per la tennista, che è riuscita a conquistare due titoli e a rientrare nei primi 30 del ranking. Questo rilancio è proseguito nel 2022, quando ha aggiunto altri due titoli al suo palmarès, consolidando il suo ritorno tra le prime 10 giocatrici del mondo.

Durante la Billie Jean King Cup 2020-21, Daria Kasatkina ha svolto un ruolo cruciale per il successo della squadra russa, assicurando la vittoria in tutte le partite che ha disputato nel torneo. Al suo fianco, Anastasia Pavlyuchenkova, Liudmila Samsonova, Veronika Kudermetova ed Ekaterina Alexandrova hanno collaborato per conquistare il primo titolo della competizione per la Russia dal 2008.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d'America (VIDEO) - Queer Planet Official Trailer - Gay.it

Queer Planet, il trailer del doc sugli animali LGBTI+ scatena i conservatori d’America (VIDEO)

News - Redazione 21.5.24
Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: "La risposta è l'educazione alle diversità" - INTERVISTA - riccardo vannetti - Gay.it

Essere gay e candidarsi come sindaco in provincia, attacchi omofobi a Riccardo Vannetti: “La risposta è l’educazione alle diversità” – INTERVISTA

News - Francesca Di Feo 17.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Hai già letto
queste storie?

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: "È un'italiana di cui andiamo orgogliosi" - Dopo la querela Vannacci si scusa con Paola Egonu - Gay.it

Dopo la querela di Paola Egonu, Vannacci si scusa con la pallavolista: “È un’italiana di cui andiamo orgogliosi”

News - Redazione 14.5.24
Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC - Jessica Andrade - Gay.it

Jessica Andrade, la lottatrice queer fa suo il record di donna con il maggior numero di vittorie UFC

Corpi - Redazione 16.4.24
sport-aics-tesseramento-alias

Tesseramento alias nello sport, la svolta di AICS: “Esaltare il valore dello sport come diritto umano”

Corpi - Francesca Di Feo 3.1.24
Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, a Roma il Campionato Mondiale di Rugby per squadre inclusive

Corpi - Redazione 7.2.24
Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Love Lies Bleeding primo trailer del film queer con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder - Gay.it

Love Lies Bleeding, primo trailer del film con Kristen Stewart che si innamora di una bodybuilder

Cinema - Redazione 20.12.23
chi-segna-vince-jaiyah-saelua

“Chi segna vince”, la storia della prima donna transgender a giocare in una nazionale di calcio

Corpi - Francesca Di Feo 11.1.24
Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l'indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate - Love Lies Bleeding - Gay.it

Love Lies Bleeding, critiche entusiastiche per l’indie movie con Kristen Stewart e Katie O’Brien innamorate

Cinema - Federico Boni 27.3.24
Jakub Jankto e il coming out: "Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice" - Jakub Jankto 3 - Gay.it

Jakub Jankto e il coming out: “Non devo più nascondermi, anche con i ragazzi. Ora sono felice”

Corpi - Federico Boni 20.12.23