Valerio Scanu: “Partecipo per vincere!”

Intervista esclusiva al big più atteso del Festival di Sanremo 2016

Valerio Scanu: "Partecipo per vincere!" - valerio scanu 2016 1 - Gay.it
< 1 min. di lettura

Quella di Valerio Scanu è una carriera piuttosto articolata. Prima la vittoria a Bravo Bravissimo, poi Amici, Sanremo dove vinse e poi una violentissima battuta d’arresto. Che fine fece il cantante più esperto di tutti luoghi e laghi d’Italia? E come fu possibile che un artista, con all’attivo più di 150 mila copie vendute, possa esser stato messo da parte da un giorno all’altro? Non ci sono grosse risposte, ma c’è l’assoluta certezza: Valerio Scanu è la prova che a Sanremo si può andare e tornare, anche senza una major alle spalle. Infatti, dopo esser aver chiuso definitivamente con la EMI, Scanu crea la sua etichetta discografica: la NatyLoveYou. Con quest’ultima, dopo aver pubblicato il precedente disco (Lasciami Entrare, ndr), Valerio tenta il colpaccio con Finalmente Piove, titolo del brano in gara che da nome anche al disco, in uscita il 12 febbraio. “Finalmente Piove è un album che parla d’amore, quello vero, fatto di piccole e grandi cose. Di un sentimento che dura nel tempo e che attraversa mille peripezie ma, che alla fine, ha sempre un risvolto positivo” mi racconta, al telefono, un raggiante Valerio e aggiunge: “Il brano è stato scritto da Fabrizio Moro, uno dei più grandi di sempre e sono contento di tornare a Sanremo insieme a Carlo Conti, che mi ha riportato al mio primo grande amore. Sanremo è una gara e io partecipo per vincere!“.

Come ci si sente ad essere il big più atteso?

Lo stai dicendo tu che sono il big più atteso, eh? (ride, ndr). Sono molto felice, soprattutto perché ritorno a Sanremo, dopo sei anni, da indipendente. Non ho mai smesso di credere in me stesso e nei miei sogni. In questi anni ho seminato tanto, ho lottato contro tutto e tutti, sono caduto, mi sono rialzato e domani sera salirò sul palco dell’Ariston.

Valerio Scanu: "Partecipo per vincere!" - Valerio Scanu Finalmente piove - Gay.it

Che effetto ti fa tornare su quel palco, dopo la vittoria di sei anni fa?

Ho sempre desiderato di ritornare a Sanremo, ma ci tenevo a farlo presentandomi con un brano più maturo. Con un brano che rappresentasse a pieno quello che sono oggi. E poi, non posso che essere felice di tornare con Carlo Conti, dopo due anni di tanta tv, al mio più grande amore: la musica. Chiudo un capitolo importante della mia vita, per iniziare una nuova grande avventura.

Pare che “Finalmente piove” sia il brano più apprezzato dall’orchestra e dallo stesso Conti..

Finalmente piove è una perla rara, scritta da uno dei più grandi di sempre. Io preferisco non esprimermi, perché credo che la canzone possa parlare per me e raccontarsi da sola.

L’importante è vincere o l’importante è partecipare?

Mi conosci bene e sai quanto sono schietto. Sanremo, alla fine, è comunque una gara e quindi, per quel che mi riguarda, l’importante è vincere! (ride, ndr)

Con chi ti muoverai durante quest’avventura?

Sono a Sanremo con tutto il mio staff, con il quale collaboro attivamente da più di due anni. Ovviamente ho portato anche i miei bimbi e la tata Mariana, che si occuperà di loro quando io sarò sul palco dell’Ariston.

Valerio Scanu: "Partecipo per vincere!" - VALERIO SCANU intervista gayit - Gay.it

Chi curerà il tuo look?

Io, assieme a tutto il mio staff. Ci sarà Massimo Romano, il mio hair stylist personale, mentre per gli abiti ho scelto l’eleganza del made in Italy. Vestirò il grande Carlo Pignatelli. La cover: Io vivrò (senza te).

Come mai questa scelta?

È un brano che cantavo quando facevo piano bar, a 10 anni. Era il cavallo di battaglia di una amica che oggi, purtroppo, non c’è più. Dopo tanti anni ho deciso di ricantarlo e l’emozione è davvero tanta.

Che aspettative ci sono per questo nuovo lavoro?

Beh, a dire il vero ci ho investito tanto e ci credo, ancor di più, perché è un gran passo avanti rispetto al mio precedente album. Ma resta comunque in linea con tutto quello che ho fatto da quando sono diventato indipendente. Speriamo bene.

Subito dopo il Festival, a Roma, la prima tappa del tuo nuovo tour. Su cosa punterai stavolta?

La cosa più bella del mio lavoro è proprio il live. Sentir cantare il pubblico, respirare dal palco le loro emozioni, il calore degli applausi, gli abbracci, che meraviglia. Ti confesso che non ce la facevo ad aspettare ancora a lungo. Ecco perché ho voluto regalarmi, subito dopo Il Festival, questo mega concerto, dove presenterò in anteprima il mio nuovo album.

Valerio Scanu: "Partecipo per vincere!" - valerioscanuok - Gay.it

Il tuo nuovo disco conterrà 13 brani e il tema principale sarà l’amore. Quanto conta l’amore nella tua vita?

Finalmente Piove è un album che parla di amore, quello vero, fatto di piccole e grandi cose. Di un sentimento che dura nel tempo e che attraversa mille peripezie. Ma, che alla fine, ha sempre un risvolto positivo. Dante scriveva “l’amor che move il sole e l’altre stelle” quindi, secondo te, quanto potrà mai contare per me?

Pensi che tanta tv possa aver “inquinato” la tua carriera musicale?

Non credo che la tv possa aver inquinato nulla, anzi. Grazie a Tale e quale show e a L’Isola dei Famosi ho avuto la possibilità di arrivare alla gente per quello che sono veramente. Ho potuto far conoscere tante sfaccettature del Valerio cantante, artista ma anche persona. E poi, alla fine, io ho usato la tv per poter fare musica.

Sei ancora fidanzato?

Ho mai dichiarato di essere fidanzato?

Beh, su Diva & Donna..

Su quel settimanale, se leggi attentamente e non ti soffermi al titolo, non ho mai parlato di fidanzamenti. Non parlo della mia vita privata perché altrimenti non sarebbe più privata, se la condividessi con il pubblico. E poi, ti dirò: non credo interessi a nessuno con chi sono fidanzato.

In questi giorni si parla molto del ddl Cirinnà. Tu da che parte stai?

Dalla parte dell’amore. L’amore non ha sesso, né età, né religione, non ha colore e non ha distanza. L’amore è amore.

A chi ti senti di dover dire grazie per tutto quello che stai vivendo?

A chi non ha mai smesso di credere in me!

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
Mahmood: "Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi"

Mahmood: “Sono stato un ragazzino cicciotello per niente cool, ma più libero e sicuro di chi sono oggi”

Musica - Emanuele Corbo 22.5.24
Billie Eilish, è uscito il nuovo album "Hit Me Hard and Soft"

Billie Eilish ritrova se stessa e plasma di nuovo il pop alla sua (gigante) maniera

Musica - Emanuele Corbo 21.5.24
Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO) - Cannes 2024 Vivre Mourir Renaitre 3 - Gay.it

Cannes 2024, Vivre, Mourir, Renaitre è il nuovo film queer di Gaël Morel con Victor Belmondo e Théo Christine (VIDEO)

Cinema - Redazione 22.5.24
Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo - In from the Side cover - Gay.it

Bingham Cup 2024, arriva a Roma il torneo internazionale di rugby inclusivo

Corpi - Federico Boni 20.5.24

Continua a leggere

Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male - mattia1 - Gay.it

Perché ho così bisogno di te: quando amare fa troppo male

Culture - Emanuele Cellini 28.12.23
"Restiamo amici?" Quando un amore si spegne, l'amicizia dove va a finire? - COPERTINA ARTICOLO 1 - Gay.it

“Restiamo amici?” Quando un amore si spegne, l’amicizia dove va a finire?

News - Emanuele Bero 25.1.24
San Valentio Queer

San Valentino, “lascia che ci pensi io” è il “ti amo” scritto coi petali di rosa

Culture - Emanuele Bero 12.2.24