Movember, baffi protagonisti nel mese dedicato alla salute maschile

Un movimento sensibilizza gli uomini sulla prevenzione del cancro alla prostata invitandoli a prendersi cura dei propri baffi. Il suo nome è Movember, fusione delle due parole inglesi “november” e “moustache” (novembre e baffi).

Movember
5 min. di lettura

È iniziato il cosiddetto Movember. Potreste già esservi imbattuti in questa parola online. Su Instagram l’hashtag #movember connette oltre 2MLN di post. Il concetto nasce etimologicamente dalla fusione delle due parole “november” e “moustache” e rimanda al quel mese dell’anno (novembre appunto) in cui gli uomini scelgono consapevolmente di far crescere baffi e barba per una buona causa: raccogliere fondi e sensibilizzare su alcune patologie che colpiscono le persone di sesso maschile, come il cancro alla prostata e ai testicoli. L’iniziativa è nata nel 2003, ideata da quattro amici di Melbourne, in Australia, ma negli anni è diventata sempre più popolare trovando testimonial famosi e sponsorizzazioni di importanti marchi che si occupano di prodotti o cose per uomini. Il sito ufficiale del Movember spiega praticamente tutto quello che c’è da sapere e raccoglie in maniera ordinata tutte le donazioni raccolte per nazione (ma anche quelle individuali).

Oltre che suggerire un check-up annuale, la fondazione Movember incoraggia gli uomini a indagare possibili storie familiari relative al cancro e ad adottare uno stile di vita più salutare. Al motto di “change the face of men’s health”, letteralmente “cambiare la faccia della salute degli uomini”.

In questo mese di novembre che vede i baffi protagonisti, abbiamo deciso di ripercorrerne l’evoluzione dai primi anni ’10 fino agli anni ’90 del secolo scorso. Vediamo tecniche e consigli di realizzazione dei sette baffi più iconici del passato.

Anni ’10, baffi a manubrio

Spiccano nelle foto in bianco e nero dei primi del ‘900: sono gli inconfondibili baffoni a manubrio, così detti, appunto, per la forma che ricorda l’impugnatura dei mezzi a due ruote. Sono l’ideale per quegli uomini che presentano un viso a forma di diamante, cioè tondo ma con un mento sottile e poco squadrato. «Per la realizzazione, oltre alla pazienza di almeno un mese per la crescita del baffo stesso, si lavora a colpi esclusivamente di forbice lasciando la tecnica della rasatura elettrica alla barba circostante» ci spiega Francesco D’Attis, Men’s Hair Stylist di Belloveso. «Una volta creata la forma dai professionisti del barbering, è importante riservare al baffo una routine di bellezza quotidiana in cui alternare i tre passaggi fondamentali di detersione, idratazione e styling. I baffi vanno infatti puliti con uno shampoo specifico per peli ispidi e spessi, poi idratati con olii emollienti per evitare che la pelle sottostante si irriti o diventi eccessivamente secca e infine messi in ordine con spazzola e cera per creare il tipico movimento all’insù».

movember 2021, prodotti rasatura, Acca Kappa
Spazzola per barba e baffi Acca Kappa. L’impugnatura è ergonomica.

Anni ’20-’30, baffi a fiammifero

Resi celebri dal grande schermo, i baffi a fiammifero de Il Padrino si distinguono per una forma molto sottile e ben definita che oggi trova spazio sul volto di pochi estimatori dello stile retrò. Queste due linee molto fini non richiedono un’elevata attenzione nella fase della pulizia e di applicazione della cera, bensì nello shaving intorno alle labbra e ai due “fiammiferi”, la cui forma deve essere ripresa tutte le mattine con una cura certosina alle proporzioni.

movember 2021, prodotti rasatura, Dior
Gel da barba Dior Sauvage. La texture trasparente e non schiumogena consente di ottenere la massima precisione durante la rasatura.

Anni ’40-’50, baffi alla tricheco

Nelle due decadi centrali dello scorso secolo sono stati i baffoni a dettare la moda. Per mantenere lo stile alla tricheco la chiave del successo sta tutta nella sapiente capacità di calibrare le lunghezze tra baffo e barba, nonché nell’idratazione della pelle che sotto tutto quel pelo deve pur sempre respirare.

movember 2021, prodotti rasatura, Gillette
Olio da barba King C. Gillette. Idrata la pelle secca sotto la barba e i baffi.

Anni ’60, baffi alla Dalí

Con lunghezze ipnotiche che sfidano la gravità, i baffi-antenna portati da Salvador Dalí lo hanno reso il pittore più eccentrico e famoso dell’epoca surrealista. Si tratta di un vero e proprio gioco di stile adatto a chi è disposto a intraprendere un processo di crescita dei peli che va dai sei ai sette mesi. Sin dall’inizio è importante abituare il baffo alla direzione all’insù delle punte, applicando ogni mattina una cera solida dal fissaggio molto forte e ritoccando le lunghezze ogni massimo due settimane.

movember 2021, prodotti rasatura, Bullfrog
Cera per baffi Bullfrog. Gesto quotidiano per chi ama portare i baffi lunghi e disciplinati.

Anni ’70, baffi a ferro di cavallo

I baffi a ferro di cavallo o “biker moustache” ci catapultano nella San Francisco degli anni ’70. La forma è quella di una “U” rovesciata e si ottiene rasando accuratamente le guance e la zona centrale del mento, incorniciata da due strisce verticali di peli parallele che s’incontrano centralmente sopra il labbro superiore. Una volta definiti i profili, la lunghezza e i volumi dei baffi, il rituale di mantenimento del mustacchio più porno di sempre consiste in un semplice shaving quotidiano e totale nelle zone che devono rimanere glabre intorno alla “U”.

movember 2021, prodotti rasatura, Braun
Braun Series X. Dispositivo tutto in uno per regolare, rifinire e rasare.

Anni ’80, baffi alla Chevron

Li hanno resi iconici star come Tom Selleck e Freddy Mercury, eppure a distanza di quarant’anni i baffi alla Chevron non perdono il loro sex appeal. Sono la soluzione ideale per tutti quegli uomini che amano il baffo lungo senza troppi interventi in styling. È un modello che asseconda la crescita naturale dei peli che possono infatti cadere sul labbro superiore in modo selvaggio, senza però apparire disordinati.

movember 2021, prodotti rasatura, Davines
Gel da barba emolliente Davines Pasta&Love. Facilita la rasatura ammorbidendo la pelle.

Anni ’90 primi 2000, baffi da pirata

Col passare degli anni, la tendenza a minimizzare gli sforzi e la definizione della forma dei baffi si conferma con lo stile da corsaro sfoggiato da Johnny Depp in Pirati dei Caraibi: una peluria non troppo folta che ricorda quella degli adolescenti alle prime armi con il rasoio. È una tendenza che non necessita di troppe attenzioni, se non una pulizia accurata con uno shampoo specifico ogni due giorni e l’applicazione di un balsamo idratante sulle estremità delle lunghezze.

movember 2021, prodotti rasatura, Bulldog
Shampoo per la barba Bulldog. Formulato per pulire barba e baffi, lasciandoli morbidi e idratati.

In apertura un gruppo di uomini sfoggia i baffi sviluppati nell’ambito della campagna Movember. Tomasz Grabowiecki Photography.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Titti De Simone - Legge contro l'omobitransfobia in Puglia

Legge contro l’omobitransfobia in Puglia, una battaglia durata 8 anni – Intervista a Titti De Simone

News - Francesca Di Feo 12.7.24
Gabriel Attal Jordan Bardella Gay.it TikTok

È virale la storia d’amore tra Jordan Bardella e Gabriel Attal inventata su TikTok durante le elezioni in Francia

Culture - Mandalina Di Biase 12.7.24
Kylie Minogue, Bebe Rexha e Tove Lo

Kylie Minogue: il singolo ‘My Oh My’ con Bebe Rexha e Tove Lo è un “usato sicuro”, ma funziona – AUDIO

Musica - Emanuele Corbo 11.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24

Continua a leggere