A Natale carrello delle pulizie per lei, aspirapolvere tecnologica per lui, giocattoli e stereotipi di genere

Mi addentro nel Superstore di via Ripamonti, in mano la lista della spesa. Girato l'angolo del banco gastronomia...

ascolta:
0:00
-
0:00
A sinistra il carrellino delle pulizie con bambina, a destra aspirapolvere tecnologica con bambino - Foto scattata al supermercato Esselunga di Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30
A sinistra il carrellino delle pulizie con bambina, a destra aspirapolvere tecnologica con bambino - Foto scattata al supermercato Esselunga di Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30
4 min. di lettura

La premessa è che io c’ho provato a boicottare Esselunga, dopo la storia della pesca. Ma poi la mia amica che vive nel nostro stesso quartiere, mi ha fatto riflettere su quanto sia comodo avere un supermercato così farcito di tentazioni inutili a due passi dal portone. Fatto sta che sono stato debole e dopo tre giorni di boicottaggio, ho iniziato nuovamente ad accumulare punti fragola a manetta e tanti saluti alla pesca. E poi, in questa storia Esselunga è soltanto complice di quegli stereotipi con i quali è scolpito lo schema binario del nostro immaginario. Secondo il quale la donna pulisce con la mazza, e l’uomo c’ha lo strumento tecnologico. Lo scaffale giocattoli della mia Esselunga di quartiere lo racconta proprio bene.

Mi addentro nel Superstore di via Ripamonti, in mano la lista della spesa. Girato l’angolo del banco gastronomia, eccomi nella corsia stagionale, di fronte al frigo delle offerte scontate di roba fresca: è l’area dell’urgenza. Dove le tecniche di posizionamento della grande distribuzione ti sbattono in faccia l’imminenza del bisogno irresistibile: qui e ora, tu comprerai.

È quel banco sul quale, per intenderci, a giugno appaiono i veleni in bombolette spray, i fornelletti che scaldano le tavolette-vape,  e quindi le citronelle, insomma gli armamentari per combattere le zanzare. Oppure a febbraio coriandoli, mascherine e karaoke (Carnevale e Sanremo), a fine agosto i quaderni per la scuola. Eccetera.

Su quel banco dell’imminente bisogno stagionale, in questi giorni scintillanti di luminarie natalizie, si distende colorata e plasticosa una lunghissima sequenza di proposte giocattolo. Ce n’è per tutti i gusti e io – con tre nipoti di 7, 3 e 2 anni – non ho potuto fare a meno di buttare l’occhio, prima di catapultarmi nel corridoio dei latti vegetali.

giocattoli stereotipi di genere vileda dyson natale
A sinistra il Carrellino delle pulizie Vileda – a Destra l’aspirapolvere Dyson – foto scattata a scaffale Esselunga Ripamonti Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30 circa.

In alto, dopo qualche spiderman e qualche barbie, ecco un kit carrellino delle pulizie che mi raggela. Si tratta di un modello nuovo, racconta lo strillo sulla confezione, e dentro ci sono tutti gli accessori per diventare una proverbiale donna delle pulizie. È infatti una bambina di evidente genere femminile a sorridere accanto al carrello alto 48 cm. C’è il mocio,  c’è la scopa, il battipanni e c’è naturalmente il secchio con l’apposito scolastracci (o strizza-mocio). Mi dico scandalizzato che manca la paletta per raccogliere la monnezza, ma pazienza. Il marchio è quello tedesco storico, noto a chiunque abbia a che fare con spugne, spugnette, stracci, scope, panni, palette eccetera: Vileda. Costo del kit: € 27,90. La ditta di giocattoli che ha collaborato con il  marchio per produrre questo gioco è Unogiochi sul cui sito si legge:

UNOGIOCHI è un brand che da piu di 30 anni è garanzia di servizio, sicurezza e novità che anticipa le future tendenze del mercato con una selezione di giochi e giocattoli della tradizione rivisti e aggiornati in chiave moderna.

Con i prodotti dalla line UNOGIOCHI distribuiti in esclusiva da Iamtos Srl ogni bambino può divertirsi divertirsi e stimolare la propria creatività.

carrellino pulizie giocattolo vileda
Sulla costa della confezione del kit “Carrellino delle pulizie” c’è un bambino – foto scattata a scaffale Esselunga Ripamonti Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30 circa.

Resto incredulo del semplice fatto che esista tale giocattolo, ma poi – convengo tra me e me – non c’è nulla di male a rappresentare qualsiasi mestiere esistente, e lasciamo stare discorsi sugli ascensori sociali, tanto per gli Italiani basta che quell’ascensore sia pulito, lindo e pinto.

Afferro la scatola e la rovescio di lato, la catapulto di sopra e di sotto e – per fortuna – noto che sulla costa, nello spazio laterale che funge da angolo riparatore e contenitore di istruzioni, c’è un’altra immagine. Questa volta è un bambino maschio che si bea di cotanto regalo. Alza le dita al cielo in segno di vittoria. Ripongo la scatola sullo scaffale e mi consolo: un maschietto l’hanno messo (vabbè) e almeno la bambina non è di etnia filippina (questa è cattiva, lo so).

dyson giocattolo stereotipi di genere
“Dyson aspirapolvere senza fili, con funzione aspirante!”, così dice la confezione. C’è anche una “Guida per i grandi” – foto scattata a scaffale Esselunga Ripamonti Milano in data 30 Novembre 2023 ore 12.30 circa.

Appena lì a fianco, ecco qui un giocattolo che appartiene anch’esso all’universo delle pulizie: un’aspirapolvere. Questa volta sulla confezione c’è un bambino visibilmente maschio, e la frase strillata che vorrebbe incentivare all’acquisto recita: “Per i piccoli aiutanti!”.

Il ragazzino sembra piuttosto preso ad aspirare polvere con il suo aggeggio ad alto tasso di tecnologia. Si tratta infatti di un’aspirapolvere senza fili, di quelle super-tech pazzesche, ambitissime, e il marchio inglese noto è quello là: Dyson. Costo: € 31,90. Anche qui, rovescio la scatola, la ribalto, ma nulla… c’è solo il bimbetto maschio, non è un giocattolo per femminucce. E sembrerebbe sia stata la stessa Dyson a produrla (“L’ORIGINALE” recita un altro strillo sulla scatola).

È la tecnologia: il maschio se la sbriga con lo strumento più avanzato che offre il mercato, è pure senza fili, una robetta elettrica smart come va di moda adesso, perfetta per un maschietto updated.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024 - queer lion story - Gay.it

Queer Lion, tutti i vincitori del Leone LGBTQIA+ aspettando Venezia 2024

Cinema - Federico Boni 12.7.24
Rita Pavone: "Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono" - Rita Pavone - Gay.it

Rita Pavone: “Detesto tutte le ostentazioni che sviliscono l’amore, i sederi all’aria al Pride non mi piacciono”

Musica - Redazione 11.7.24
Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: "Per guardare al futuro insieme a lei" - Laika e Michela Murgia - Gay.it

Intervista a Laika, autrice del gigantesco murale dedicato a Michela Murgia: “Per guardare al futuro insieme a lei”

Culture - Federico Boni 11.7.24
Nicolas Maupas e Domenico Cuomo nei ruoli di Simone e Mimmo in "Un professore 2"

Un Professore 3, Alessandro Gassman rivela quando inizieranno le riprese

Serie Tv - Redazione 12.7.24
Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Il matrimonio del mio migliore amico (1997)

Il tuo fruity boyfriend non ti salverà

Lifestyle - Riccardo Conte 12.7.24

Continua a leggere

Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane - Sessp 27 - Gay.it

Vittoria Schisano e Alessio Piccirillo vincono il Premio Eccellenze Italiane

News - Federico Colombo 7.2.24
Sailor Moon Lamu stereotipi di genere

Così Sailor Moon, Lamù e lə altrə icone manga hanno sovvertito gli stereotipi di genere

Culture - Redazione Milano 26.3.24
Donatella Di Pietrantonio vince il Premio Strega 2024 con 'L'età fragile': "Tutto ciò che accade è umano" - La nostra intervista - Sessp 15 - Gay.it

Donatella Di Pietrantonio vince il Premio Strega 2024 con ‘L’età fragile’: “Tutto ciò che accade è umano” – La nostra intervista

Culture - Federico Colombo 5.7.24
@giorgiominisini_

Giorgio Minisini contro gli stereotipi: perché essere maschio alfa, quando puoi stare bene? – L’intervista

Corpi - Riccardo Conte 21.2.24
Foto: SchiDechDaily

Parità di genere nella Preistoria? Le donne erano cacciatrici come gli uomini (e anche meglio!)

News - Redazione Milano 20.2.24