NUOVE ICONE DELLA MUSICA GAY

Versilia. Sul palco del Mardi Gras, gli artisti più in voga dell'estate: Dolcenera, Mariapia e i Superzoo, Paolo Meneguzzi, la Bugatti, e il ritorno della stellare Dee Dee Jackson.

NUOVE ICONE DELLA MUSICA GAY - mardigras 43 - Gay.it
3 min. di lettura

TORRE DEL LAGO (Lu) – Una kermesse canora che ha visto alternarsi sul palco i beniamini dell’estate 2003 è stata il piatto forte della terza serata del Mardì Gras sul lungomare di Torre del Lago.
Ad aprire lo show condotto da Fabio Canino è stata Cristina Bugatti, transessuale celebre per la polemica che scaturì fra Sgarbi e Baudo quando quest’ultimo pose un veto alla partecipazione della Bugatti a Sanremo 2003. Cristina si è presentata sul palco assieme a Jade e Andy, che con lei formano il gruppo degli Starsmusic, e il pubblico si è scatenato sulle note del loro nuovo singolo “Give me your smile”.
Sul palco è poi salita Dee Dee Jackson, forse sconosciuta ai giovanissimi, ma senza dubbio una delle cantanti più significative della lunga stagione della disco dance anni ’70 e ’80. Dee Dee ha riproposto “Meteor Man”, hit che nel 1979 la portò a scalare le classifiche di tutto il mondo, ma questa volta senza quei costumi galattici che caratterizzarono la sua immagine negli anni di maggior successo. Dee Dee ci ha rivelato quanto fosse importante per lei essere presente al GayPride: “Essendo una cantante degli anni ’80 il movimento gay fa parte del mio pubblico. Per me era un dovere essere qua”.

NUOVE ICONE DELLA MUSICA GAY - MariaPiaAndSuperZoo3 - Gay.it

É stata poi la volta dei giovanissimi Mariapia e i Superzoo che hanno riproposto “Tre fragole”, brano con cui hanno partecipato all’ultima edizione del Festival di Sanremo. “Essere qua stasera è bellissimo”, ha detto Mariapia, “Qui tutto è veramente fantastico. Ero già stata in studio a Gay.tv, ma l’atmosfera di questa manifestazione è davvero unica”. Mariapia deve la sua notorietà al programma televisivo “Saranno famosi” che l’ha lanciata nel mondo della canzone, ma non molti dei partecipanti a questi concorsi in Tv sono riusciti a farsi strada nel firmamento dello spettacolo. Le abbiamo chiesto perchè e ci ha risposto che “l’importante è inseguire un sogno e non restare vincolati alle troppe partecipazioni televisive legate a questi show, ma staccarsene e intraprendere la propria strada”. Mariapia consiglia ai tanti giovani che affollano i casting delle scuole di spettacolo televisive di non andare perchè semplicemente spinti dalla fame di successo, ma solo se si ha un sogno ed in questo si crede davvero. “C’è da lottare molto”, ha concluso Mariapia.

NUOVE ICONE DELLA MUSICA GAY - dolcenera02 - Gay.it

La folla ha accolto con una straordinaria ovazione l’amatissima Dolcenera. La canzone “Siamo tutti là fuori”, con la quale ha vinto la sezione giovani del Festival di Sanremo 2003, è infatti una delle hit più apprezzate dai gay e ogni sera apre il consueto spettacolo del locale Mamamia sul lungomare di Torre del Lago. La dolce cantante pugliese ha poi presentato “Devo andare al mare”, uno dei brani più pazzi dell’estate.
Grande calore anche per il bellissimo Paolo Meneguzzi che ha riproposto la hit “In nome dell’amore”, che proprio lo scorso anno lanciò al Friendly Versilia, poi il tormentone “Verofalso”, ed infine il nuovo singolo “Lei è”. “Essere qua è bellissimo”, ha detto Paolo, “Questa manifestazione mi porta davvero fortuna, e spero che questo accada anche con il singolo “Lei è” che presento qui per la prima volta”. Paolo è uno dei cantanti italiani più famosi all’estero. “Sono molto orgoglioso che i miei pezzi si sentano in America Latina, in Portogallo, in Iugoslavia,” ci ha rivelato, “in ottobre mi aspetta la registrazione dell’album in inglese e in francese. Vediamo quello che succede”.
La serata è stata ripresa dalle telecamere di Gay.tv che la trasmetterà durante il prossimo mese di ottobre. Proprio l’editore di Gay.tv Massimo Scolari ha voluto premiare sul palco Fabio Canino come conduttore di Pink, il programma più irriverente della Tv, e Luca Zanforlin, conduttore di Tante storie, giudicato il programma più coraggioso.
Lo spettacolo è stato come sempre preceduto da un dibattito che si è tenuto presso lo stand Arcigay. Il tema della serata è stato l’esperienza trans female-to-male, fenomeno di cui si parla ancora poco, ma che le statistiche disponibili dicono in forte aumento. Sono intervenuti Matteo Manetti del coordinamento nazionale trans FTM (female-to-male), Davide Tolu, autore del romanzo semiautobiografico “Il viaggio di Arnold” e Regina del Movimento Identità Transessuale Toscana.
Stasera, ultima serata di questa straordinaria edizione del Mardì Gras. Notizia dell’ultimo minuto: problemi tecnici hanno purtroppo costretto gli organizzatori ad annullare l’attesissimo concerto di Alexia. Lo show continuerà comunque con una sfavillante esibizione delle Drag Queen canarine.

di Simone Michelucci

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Nemo vincitore Eurovision 2024

Nemo dopo l’Eurovision vola alla conquista degli States, ma “The Code” (per ora) non fa il botto

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Paola e Chiara singolo estivo Festa totale

Paola e Chiara, arriva il singolo “Festa totale”: “Il nostro grido d’amore forte e libero”

Musica - Emanuele Corbo 20.5.24
Il masturbatore nella versione standard LELO F1S V3

Recensione di LELO F1S™ V3: il masturbatore per persone pene-dotate che usa le onde sonore e l’intelligenza artificiale

Corpi - Gio Arcuri 10.4.24
daniel craig queer guadagnino

Queer: “È fantastico, dura 3 ore e sarà a Venezia”. Luca Guadagnino: “È il film che avevo in testa da 35 anni”

News - Redazione 20.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24

I nostri contenuti
sono diversi

omofobia ragazzo giovane gay

Pontedera, 18enne cacciato di casa dopo il coming out: “Niente figli gay, vattene”

News - Francesca Di Feo 27.3.24
mostruos3 pride 2024, sabato 22 giugno a siena

Mostruos3 Pride 2024: a Siena sabato 22 giugno

News - Redazione 7.5.24