Porno & libertà: come l’hard ha rivoluzionato l’Italia

Esce in sala il doc di Carmine Amoroso sull’esplosione del porno negli Anni 70. Ricco materiale inedito e interessanti testimonianze, da Riccardo Schicchi a Judith Malina.

Porno & libertà: come l’hard ha rivoluzionato l'Italia - porn to be free - Gay.it
3 min. di lettura

Sapevate che il porno non l’hanno inventato gli americani ma un italiano, tale Alberto Ferro in arte Lasse Braun? Che Riccardo Schicchi nasce come fotografo? Che uno dei pionieri dell’hard nel Bel Paese fu una donna, Giuliana Gamba? Non perdetevi al cinema il riuscito documentario Porno & Libertà – Porn To Be Free di Carmine Amoroso, appassionata ricostruzione dell’epoca più fulgida e gloriosa del porno italiano, tra i Settanta e gli Ottanta, quando l’hard divenne davvero un’arma politica rivoluzionaria (l’impensabile elezione in Parlamento di Cicciolina) e lo strumento della controcultura per opporsi alla grigia borghesizzazione della società avallata dal puritanesimo ossessivo propagandato dalla Democrazia Cristiana.cicciolina_giovane

Quarant’anni dopo lo spartiacque simbolico della liberazione sessuale italiana, la manifestazione a parco Lambro, mediaticamente dirompente, ritroviamo tutti i protagonisti di una stagione unica, ribollente utopie e ideali rivoluzionari: a fare quasi da Virgilio dell’hard ci accompagna il mentore assoluto Riccardo Schicchi, Larry Flint italico che forgiò davvero l’immaginario porno di quegli anni, il primo a portare le star a luci rosse in tv e a creare un vero e proprio sistema eroti-comunicativo che raggiunse il suo apice con un’occhieggiante Ilona Staller sugli scranni di Montecitorio. Ed è commovente vederlo in uno degli ultimi suoi viaggi, affaticato dalla malattia, verso uno dei suoi locali, ora che tutto è cambiato e la fruizione del porno è completamente cambiata con “l’atomizzazione del desiderio”, come la definisce il regista. Sì, perché oggi la saturazione dell’offerta online disponibile a chiunque sia connesso, in qualsiasi momento, ha in fondo tolto quella magia del proibito tipica degli albori dell’hard.

Porno e libertà 2

Scopriamo interessanti tasselli di una vera e propria storia del genere, a partire dall’italiano Lasse Braun (al secolo Alberto Ferro di cui sopra) emigrato in Scandinavia dove fece in modo che venisse approvata nel 1969 la prima legge che cancellava il reato di oltraggio al pudore e liberalizzava di fatto la pornografia. Arrivò persino a presentare un suo film porno in una sala tradizionale a Cannes, generando non poco scandalo.

Porno e libertà 3

La magnifica Judith Molina dei Living Theatre, scovata in una casa di riposo, spiega chiaramente come fosse una liberazione innanzitutto del corpo, e quindi una rivendicazione del diritto di ognuno di vivere la propria fisicità attraverso il sesso. E sono proprio le testimonianze delle donne a fornire un punto di vista meno scontato sull’argomento: Lidia Ravera, travolta allora dal successo del suo fondativo Porci con le ali, ricorda come “noi donne abbiamo bisogno di una storia, gli uomini di una figurina”. Una delle pochissime donne che realizzò porno da regista fu Giuliana Gamba, con lo pseudonimo Therese Dunn, e ricorda come l’hard, visto come qualcosa di losco, allora rappresentò un gesto “di rottura, di discontinuità, ma fatto con allegria e leggerezza” e di come si trovò tutti contro, dalle femministe a quelli di sinistra, dove imperservavano forti conformismi: “un moralismo che tuttora pago”.

Ma allora il porno si consumava molto anche a livello cartaceo, e ci furono interessanti operazioni di riviste che accostavano l’approfondimento culturale all’hard (Il Male, Re Nudo, Frigidaire) mettendo per esempio in copertina sia Norberto Bobbio che Cicciolina.

Ricco di ottimo materiale d’archivio spesso inedito che non teme di essere esplicito e audace, Porno & Libertà ricostruisce un vero e proprio spaccato sociale dell’epoca attraverso una sottocultura spesso relegata a fenomeno underground ma che, al contrario, allora coinvolgeva trasversalmente l’intera società e ne rivoluzionò definitivamente i costumi.

Da vedere.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Chi era Goliarda Sapienza? - Matteo B Bianchi9 - Gay.it

Chi era Goliarda Sapienza?

Culture - Federico Colombo 10.7.24
Roma Pestaggio Coppia Gay Siti In

“Guarda sti fr*c*” non è omofobia? Sit-in mercoledì 24 e polemiche sul pestaggio alla coppia gay di Roma, dopo che gli indagati respingono l’accusa

News - Redazione 22.7.24
Pestaggio Roma Coppia Gay - La difesa dei 4 presunti aggressori smentisce l'omofobia "Non sapevamo fossero gay"

Pestaggio coppia gay a Roma, gli aggressori “Non abbiamo usato insulti omofobi”

News - Redazione 22.7.24
Blue Phelix intervista

Blue Phelix e il buio dopo X Factor: “Sono stato molto giudicato e ho sofferto. Oggi so chi sono”

Musica - Emanuele Corbo 22.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
La nuova Forza Italia "liberal" voluta dai Berlusconi vuole dividere la comunità LGB da quella T?

Forza Italia vuole dividere la comunità LGBIAQ dalla comunità T, ma noi “Insieme siamo partite, insieme torneremo”

News - Giuliano Federico 22.7.24

Continua a leggere

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l'assalto a Capitol Hill - Steven Miles - Gay.it

Steven Miles, il pornodivo bisessuale, Proud Boy e trumpiano, condannato a 24 mesi di carcere per l’assalto a Capitol Hill

News - Redazione 20.2.24
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub

L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

News - Redazione Milano 20.4.24
Revenge porn, la legge italiana è un disastro, ecco perché - revengeporn - Gay.it

Revenge porn, la legge italiana è un disastro, ecco perché

News - Francesca Di Feo 7.2.24