L’Italia è la nazione che guarda più p0rn0 con persone trans*

I dati sono comparati alla media mondiale. In testa i paesi con prevalenza di religione cattolica.

ascolta:
0:00
-
0:00
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub
Consumo di contenuti p0rn0 con persone trans nel mondo - dati forniti da Pornhub
3 min. di lettura

Nonostante la feroce transfobia che assedia la vita delle persone transgender, non binarie e gender non conforming nel nostro paese, in Italia i film p0rn0 con persone trans* hanno visualizzazioni doppie rispetto alla media mondiale. È quanto emerge da uno studio pubblicato dal portale Pornhub, che evidenzia come i paesi a prevalenza di fede cattolica consumino più materiale p0rn0grafico con protagonist* transgender, rispetto agli altri popoli.

Da Pornub
Paesi con maggiori visualizzazioni di contenuti transgender:
percentuali riferite alla differenza rispetto alla media di tutti i paesi del mondo

Italia + 100,5%
Brasile +62,5%
Spagna +53,4%
Repubblica Dominicana +52,1%
Colombia +47,3%
Costa Rica +44,7%
Argentina +43,0%
Portogallo +39,8%
Islanda +35,2%
Irlanda +23,8%
Francia +22,3%
Gran Bretagna +20,8%
Antartide +20,5%
Nuova Zelanda +20,0%
Belgio +19,0%
Grecia +18,6%
Stati Uniti +18,2%
Australia +14,9%
Svizzera +10,8%
Cile +9,7%
Lussemburgo +9,0%
Messico +7,4%
Bielorussia +5,9%
Cipro +5,4%
Canada +5,3%
Israele +3,8%

L’Italia è il paese il cui governo di estrema destra si è attivato per ostacolare l’utilizzo della triptorelina come farmaco regolatore ormonale temporaneo nelle giovani persone trans* e gender non conforming.  “Questo standard è un riflesso della nostra società – scrive il Movimento Identità Transche feticizza i nostri corpi rendendoci delle categorie per appagare i vostri appetiti sessuali e fallisce nel riconoscere e rispettare i diritti umani delle persone trans“.

È stato il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri a intestarsi la battaglia contro il farmaco considerato dalla scienza salva-vita per molt* minor* gender variant. Lo scorso gennaio il senatore forzista ha presentato un’interrogazione parlamentare sul centro per le terapie di affermazione di genere dell’Ospedale Careggi di Firenze, con l’accusa che i farmaci bloccanti della pubertà venissero somministrati “come caramelle” a bambin* e adolescenti con incongruenza di genere. Ne derivò una vera e propria ispezione ministeriale al Careggi e ad un successivo tavolo di confronto al quale tuttavia non furono mai coinvolte le associazioni T. Qualche giorno fa lo stesso governo ha reso pubblica quella relazione, dalla quale emerge che c’è un chiaro intento ideologico di ostacolare l’uso di triptorelina per migliorare la vita dell* minor* gender varianti.

Cos’è la triptorelina >

Ciò che è evidente dalle conclusioni del governo è un ossessivo riferimento alla necessità di percorsi psicoterapeutici e psichiatrici da sottoporre all* minori trans* che desiderano intraprendere un percorso di transizione di genere, come se si dovesse tentare il tutto per tutto di “curare” la loro incongruenza di genere. Un approccio patologizzante.

Come spesso accade – e osserviamo che accade spesso dove vige una cultura di ispirazione cattolica – ciò che viene stigmatizzato e additato dalla morale comune, diventa strumento di morbosa curiosità sessuale. Un automatismo di privazione/desiderio da cavernicoli dell’appetito sessuale. È del resto questo il paese in cui l’ipotesi di inserire l’educazione sessuale a scuola viene definita “nefandezza” nelle aule parlamentari.

In riferimento al dato sul massiccio uso di contenuti pornografici con persone trans*, il Movimento Identità Trans ricorda come “l’industria p*rnografica mainstream disegnata sul male gaze si nutre di queste contraddizioni sociali”.  Secondo il M.I.T. in Italia sono tangibili i segnai di tale ipocrisia:

“Le leggi che dovrebbero garantire l’uguaglianza e la protezione per le persone trans sono totalmente assenti. I diritti di autodeterminazione di genere e di accesso a cure mediche adeguate vengono minacciate, mentre la discriminazione sul posto di lavoro e nei servizi sociali rimane diffusa e impunita.

Eppure, non possiamo voltare lo sguardo dall’altra parte. L’interesse sessuale non dovrebbe essere un pretesto per ignorare le lotte quotidiane delle persone trans per la dignità, la sicurezza e la parità di trattamento. È imperativo riconoscere questa ipocrisia, esercitare la solidarietà e lottare per un’Italia in cui ogni individuo possa vivere senza paura di discriminazioni e violenze, indipendentemente dalla propria identità di genere”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.
Avatar
Fulvio Magni 20.4.24 - 17:38

Non c'è nessuna contraddizione in realtà. Il porno trans/lesbico è notoriamente un contenuto indirizzato dall'industria al MBEB. Quindi non stupisce che in Italia, dove risiede un alto numero di persone MBEB, queste produzioni vadano per la maggiore. Sarei curioso di conoscere le percentuali del porno gay.

Trending

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie - 10 persone famose che non sapevi fossero non binarie - Gay.it

15 persone famose che non sapevi fossero non binarie

Corpi - Gio Arcuri 13.5.24
Andrew Scott per Quinn (2024)

Andrew Scott presta la voce ad un’app di racconti erotici

Culture - Redazione Milano 16.5.24
Rainbow Map 2024, l'Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT - rainbowmap - Gay.it

Rainbow Map 2024, l’Italia crolla al 36° posto su 49 Paesi per uguaglianza e tutela delle persone LGBT

News - Federico Boni 15.5.24
Nemo The Code significato e come è nata

Nemo, il magnifico testo non binario di “The Code” è nato così: ecco cosa racconta davvero

Musica - Mandalina Di Biase 13.5.24
Sergio Mattarella 17 maggio giornata internazionale contro omofobia transfobia bifobia

17 maggio, Mattarella contro l’omobitransfobia: “Non è possibile accettare di rassegnarsi alla brutalità”

News - Redazione 17.5.24
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Gio Arcuri 29.1.24

Leggere fa bene

Intervista a Paul B Preciado - My Biographie Politique

Lə infinitə Orlando che ci donano il caos non binario, utopico e liberatorio: intervista a Paul B. Preciado

Cinema - Giuliano Federico 27.3.24
The People's Joker (2024)

Joker transgender è reale! Guarda il trailer della rivoluzionaria parodia di Vera Drew, VIDEO

Cinema - Redazione Milano 7.3.24
Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+ - Colman Domingo e Trace Lysette - Gay.it

Trace Lysette e Colman Domingo celebrati da The Human Rights Campaign per il loro attivismo LGBTQIA+

Culture - Redazione 5.2.24
Svezia transizione 16 anni transgender

Svolta storica anche in Svezia, l’età per la transizione si abbassa a 16 anni, approvata la legge sull’autodeterminazione

News - Francesca Di Feo 18.4.24
Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD". E a Vannacci dice che... - Monica J. Romano - Gay.it

Europee 2024, intervista a Monica Romano: “Femminismo, diritti e lavoro al centro, perplessa su Tarquinio candidato PD”. E a Vannacci dice che…

News - Federico Boni 8.5.24
The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell'America transfobica di oggi - The Dads - Gay.it

The Dads, 5 padri di figliə trans si raccontano nell’America transfobica di oggi

Serie Tv - Redazione 23.11.23
Erika Hilton è la seconda deputata trans del Brasile.

“Avete il potenziale per cambiare”, così parla Erika Hilton, deputata trans* del Brasile

News - Redazione Milano 5.12.23
Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO - Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans - Gay.it

Papa Francesco ha invitato a pranzo in Vaticano un gruppo di donne trans: “La gente spesso si dimentica di noi”. VIDEO

News - Redazione 21.11.23