Revenge porn, la legge italiana è un disastro, ecco perché

Il nostro paese dispone di una legge e un dipartimento del Garante della Privacy dedicati esclusivamente a contrastare la circolazione di contenuti intimi condivisi senza il consenso. Ma funziona davvero?

ascolta:
0:00
-
0:00
Revenge porn, la legge italiana è un disastro, ecco perché - revengeporn - Gay.it
Revenge Porn
3 min. di lettura

La tragica scomparsa di Tiziana Cantone, che ha scelto di porre fine alla propria vita nel 2016 a seguito della vergogna e dello scherno scaturiti dalla diffusione non consensuale di un suo video intimo ad opera dell’ex fidanzato, ha messo in luce con drammatica evidenza i pericoli insiti nel fenomeno del revenge porn.

La condivisione di materiali intimi senza il permesso dellǝ interessatǝ è diventata una vera e propria piaga che cresce al passo con l’evoluzione delle piattaforme di condivisione di media. Inequivocabilmente, il nocciolo della questione sta  nella violazione del consenso, un principio fondamentale per distinguere ciò che è reato e ciò che non lo è.

Questo ci porta a riflettere sulla natura del revenge porn, spesso equiparato, da un numero crescente di persone, alla violenza sessuale per l’intensità del danno arrecato all’integrità e alla dignità delle vittime. Di fronte a tale constatazione il nostro sistema legale offre reali protezioni a chi si trova a subire tali violenze? E, in caso affermativo, queste misure sono sufficientemente efficaci da garantire giustizia e riparazione?

Revenge porn, la legge fantoccio

La questione della lotta al revenge porn nel nostro ordinamento giuridico sembra trovare una risposta nella legislazione vigente, che, almeno sulla carta, offre degli strumenti di tutela.

A partire dal 2021, il Garante della Privacy è stato incaricato di monitorare e, idealmente, impedire la circolazione di contenuti intimi condivisi senza il consenso reciproco delle parti coinvolte. Tuttavia, nonostante la presenza di una normativa specifica, l’efficacia di questa misura lascia spazio a molteplici perplessità.

Il cuore del problema risiede nella natura operativa del Garante. L’articolo 144-bis del Codice della Privacy prevede che chiunque nutra sospetti circa la diffusione di materiale riconducibile al revenge porn possa segnalarlo all’Autorità tramite un form dedicato.

Tuttavia, il ruolo dell’Autorità sembra essere circoscritto a quello di intermediario: la sua responsabilità si limita a inoltrare la segnalazione alle piattaforme online dove il materiale è stato pubblicato – che talvolta non dispongono di team di moderazione locali. Di conseguenza, la decisione di intervenire, rimuovendo il contenuto o bloccandone la diffusione, è lasciata alla discrezionalità delle stesse piattaforme. Insomma, è tutto in mano a Pornhub, XVideo o altre piattaforme, certo non celebri per i loro rigorosi principi etici.

L’inefficacia tecnica della legge contro il revenge porn

Oltre ai limiti strutturali di una normativa che appare sostanzialmente inefficace, emergono criticità anche sul piano tecnico riguardo il meccanismo di segnalazione e blocco del revenge porn.

Il sistema si basa sull’utilizzo dei cosiddetti “codici hash“, identificatori unici generati per ogni copia del materiale segnalato. Tuttavia, la natura stessa dei codici hash presenta una sfida insormontabile: è computazionalmente impossibile risalire al file originale a partire dal suo hash, dato che ogni modifica, anche minima, al file porta alla generazione di un hash completamente nuovo.

Questa caratteristica rende gli hash estremamente vulnerabili a tentativi di elusione: i malintenzionati possono semplicemente alterare leggermente i file – attraverso il ridimensionamento, la modifica della qualità, l’aggiunta di filigrane o altre piccole modifiche – per evitare il riconoscimento e la conseguente rimozione.

La situazione è ulteriormente complicata dalla varietà di politiche, capacità tecniche e livelli di cooperazione tra le diverse piattaforme online e servizi di hosting.

La mancanza di un approccio uniforme e coordinato significa che, anche quando un contenuto viene bloccato su una piattaforma, può essere facilmente ripubblicato e diffuso su altre che non condividono lo stesso database di hash o che non adottano politiche di intervento comparabili.

Nonostante queste evidenti criticità, il dipartimento del Garante della Privacy dedicato al contrasto del revenge porn rimane operativo sette giorni su sette, impiegando risorse umane e infrastrutturali significative – inclusi quattro funzionari e un dirigente.

La struttura, supportata da un’ampia rete informatica progettata per prevenire furti di dati – data la natura estremamente sensibile dei materiali gestiti – si rivela quasi completamente inefficace, tranne che per casi isolati e paradossali, come rivelato da fonti interne, in cui mitomani ed esibizionisti approfittano del sistema per esibire i propri contenuti espliciti al personale dell’ufficio.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO) - Due megattere maschi fanno sesso storico primo avvistamento alle Hawaii - Gay.it

Due megattere maschio fanno sesso, storico primo avvistamento alle Hawaii (FOTO)

News - Redazione 1.3.24
Andrea Bossi con la sua amica Serena - foto dal canale TikTok pubblico di Serena

Andrea Bossi, l’omicidio di un ragazzo queer, ucciso soltanto per un pugno di gioielli?

News - Giuliano Federico 2.3.24
discorso-d-odio-politici-europei

Discorso d’odio anti-LGBTQIA+ in crescita nelle aule istituzionali europee: “I diritti umani sono in discussione”

News - Francesca Di Feo 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24

Hai già letto
queste storie?

stati-uniti-bridget-christian-ziegler-violenza-sessuale

Stati Uniti, accusato di violenza sessuale il marito di Bridget Ziegler, leader del collettivo conservatore “Moms for Liberty”

News - Francesca Di Feo 4.12.23
@nunziadegirolamo

La violenza di genere non è una chiacchierata: la lettera aperta alla RAI

News - Redazione Milano 8.11.23
Davide Favaloro Favarigna violenza sessuale 13enne

È Favarigna lo youtuber arrestato per violenza sessuale su un 13enne – VIDEO

News - Redazione Milano 25.10.23
Pornhub 2023, Italia nona al mondo. Crollo durante Sanremo. Ecco i pornodivi gay più ricercati - pornhub 2023 - Gay.it

Pornhub 2023, Italia nona al mondo. Crollo durante Sanremo. Ecco i pornodivi gay più ricercati

Corpi - Redazione 15.12.23
miguel guerrero onlyfans

Il portiere Miguel Guerrero lascia il calcio per fare contenuti gay su Onlyfans

Corpi - Redazione Milano 9.10.23
Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa: il nuovo romanzo di Michela Marzano - Matteo B Bianchi 16 - Gay.it

Sto ancora aspettando che qualcuno mi chieda scusa: il nuovo romanzo di Michela Marzano

Culture - Federico Colombo 12.10.23
10 curiosità dalle ricerche gay di Pornhub nel 2023: da Reno Gold a "twink", "femboy" e "ragazzi etero" - Reno Gold - Gay.it

10 curiosità dalle ricerche gay di Pornhub nel 2023: da Reno Gold a “twink”, “femboy” e “ragazzi etero”

Corpi - Redazione 15.12.23
Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio - Sessp 15 - Gay.it

Tutto ciò che accade è umano: intervista a Donatella Di Pietrantonio

Culture - Federico Colombo 1.1.24