Cinema: l’apparenza omo di Francis Veber

di

Il nuovo film dell'autore della "Cena dei cretini" parla di un uomo sull'orlo del suicidio che decide di fingersi gay per evitare il licenziamento.

742 0

«Non prendete il mio "L’apparenza inganna" per un film sull’omosessualità» precisa subito il regista Francis Veber, già apprezzato autore di film come "La cena dei cretini" e "La capra" e sceneggiatore del "Vizietto". Il suo ultimo lavoro, che a partire dal 26 ottobre sarà nelle sale italiane, ha già sbancato i botteghini francesi, con la sua ricetta di comicità e satira sociale.

Un impiegato in un’industria di preservativi a rischio di licenziamento, è stato lasciato dalla moglie e ha un difficile rapporto col figlio diciassettenne che lo ignora. Giunto sull’orlo del suicidio, decide di seguire il consiglio di un amico che gli suggerisce di fingersi omosessuale: in questo modo, il suo datore di lavoro non potrà licenziarlo, per non dare dell’azienda un’immagine di discriminazione.

Secondo le parole di Veber, "L’apparenza inganna" è un film «sull’opinione che gli altri si fanno di noi e su come ogni nostro gesto o parola, possono essere interpretati diversamente una volta che si viene bersagliati dai pettegolezzi».

Il cast è di grande levatura: accanto a Daniel Ateuil, nella parte del protagonista, ci sono Michel Aumont, Gerard Depardieu e Jean Rochefort.

Leggi   Torino, rischio chiusura per lo storico festival LGBT Lovers?
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...