Emma Stone difende le scene di sesso in Povere Creature

L'attesissimo film di Yorgos Lanthimos è stato censurato per scene di sesso troppo esplicite. Ma la sua protagonista non è d'accordo.

ascolta:
0:00
-
0:00
Emma Stone in Poor Things (2023)
Emma Stone in Poor Things (2023)
2 min. di lettura

Le Povere Creature stanno arrivando al cinema.

Vincitore del Leone d’Oro all’ultima Mostra del Cinema di Venezia e tra i film più acclamati degli ultimi anni, l’ottavo lungometraggio del regista Yorgos Lanthimos sbarcherà nelle sale italiane giovedì 25 Gennaio (e qui potete leggere la nostra recensione in anteprima). Ce lo presentano come un’opera incatalogabile, surreale, sopra le righe, esilarante, ma anche piena di vita e con una delle protagoniste femminili più potenti degli ultimi anni: Bella Baxter, giovane donna riportata in vita dallo scienziato Godwin Baxter (William Dafoe), e con il cervello di un bambino riscopre il mondo da capo. Lo fa senza freni inibitori e con un’irrefrenabile libertà che non conosce pudore.

Merito di un grande film, ma a quanto pare anche di una grande attrice: per la sua interpretazione Emma Stone sta portando a casa una valanga di premi a destra e manca, incluso un secondo Golden Globe come miglior attrice in a Comedy or Musical e una probabilissima seconda nomination agli Oscar (dopo quello vinto per La La Land nel 2017). Come diceva nel suo discorso di ringraziamento, per lei questo film è una commedia romantica dove l’eroina non si innamora di una persona, ma della vita stessa: “Mi ha permesso di guardare la vita diversamente, e penso resterà insieme a me nel profondo”.

Una storia di emancipazione che però ha sollevato non poche polemiche: a partire da delle scene di sesso esplicite e grafiche che stanno facendo scappare alcuni spettatori dalla sala. A tal punto che in Inghilterra il film è stato ri-editato omettendo le sequenze considerate più ‘inopportune’ (appena in tempo per la censura del servizio fotografico di FKA Twigs perché “troppo sessualizzata).

Ma se Twigs ha dichiarato che si è sentita tutt’altro che un oggetto sessuale, ma al contrari una donna forte e libera, Stone ha definito quelle scene ‘inusuali’ per gli standard di Hollywood ma centrali per l’evoluzione del suo personaggio: “Il sesso è ovviamente parte importante della sua esperienza e crescita, come penso sia per tante persone nella vita. Ma lo vedo come un aspetto tra i tanti; della sua scoperta del cibo, della filosofia, dei viaggi e della danza. Il sesso è un altro aspetto”.

Anche le (tante) scene di nudo, per Stone sono estremamente importanti perché rappresentano un personaggio che è di base completamente libero e non prova alcuna vergogna riguardo il proprio corpo: “Lei non sa come sentirsi imbarazzata da queste cose, o coprirsi, o non tuffarsi pienamente nell’esperienza come fa in tutto” dice Stone a BBC Radio 4, evidenziando che ‘coprirla’ o ‘non inquadrarla’ sarebbe stata una scelta disonesta verso la sua Bella.

L’attrice mette in chiaro che non desidera stare perennemente nuda, ma ci tiene ad onorare quanto possibile la sua personaggio, concludendo: “È parte del suo viaggio, chi sono io per decidere che dovrebbe vergognarsi?”

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: "Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche" - Mary e George cover - Gay.it

Mary & George, Oliver Hermanus e le scene di sesso gay: “Orge difficili da coreografare, le volevo autentiche”

Serie Tv - Federico Boni 1.3.24
David Utrilla - da 37 anni vive con Hiv

A volte dimentico di avere l’Hiv: la nostra serie per raccontare l’importanza dell’equazione U=U

Corpi - Daniele Calzavara 2.3.24
Rooy Charlie Lana

Vergognarsi e spogliarsi lo stesso: intervista con Rooy Charlie Lana, tra desiderio e non binarismo

Culture - Riccardo Conte 29.2.24
Francesco Panarella

Francesco Panarella e il morbo di Kienbock: “Recitare mi ha salvato la testa”

Culture - Luca Diana 28.2.24
Ghana legge anti LGBTI approvata dal parlamento

Ghana, il parlamento approva la legge anti-LGBTI, il Presidente Akufo-Addo firmerà?

News - Giuliano Federico 28.2.24
The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati - The History of Sound di Oliver Hermanus - Gay.it

The History of Sound, via alle riprese del film con Paul Mescal e Josh O’Connor innamorati

Cinema - Redazione 29.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

eyes wide shut

Durante le feste si fa più sesso?

Lifestyle - Riccardo Conte 18.12.23
HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano) - 1000056146 01 - Gay.it

HUGO™ 2: recensione dei due nuovi massaggiatori prostatici della LELO (che gli uomini sposati amano)

Corpi - Giorgio Romano Arcuri 29.1.24
avvocato-difensore-filippo-turetta-emanuele-compagno

Omofobia, misoginia e victim blaming sui social di Emanuele Compagno, ex avvocato difensore di Filippo Turetta

News - Francesca Di Feo 24.11.23
Jacob Elordi Frankestein Giullermo Del Toro

Jacob Elordi sarà Frankenstein nel 2024, cosa sappiamo del cult queer diretto da Guillermo Del Toro.

Cinema - Redazione Milano 8.1.24
troye sivan by marcus cooper for rolling stone (2023).

Troye Sivan e il nuovo album ispirato da una ‘sveltina’

Musica - Redazione Milano 4.9.23
Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche - Martina Navratilova - Gay.it

Martina Navratilova sostiene che le donne trans non possano essere lesbiche

Corpi - Redazione 1.12.23
Fka Twigs per Calvin Klein (2023)

Perché hanno censurato FKA Twigs, tra oggettificazione sessuale e double standard

Corpi - Redazione Milano 12.1.24
Paola Cortellesi ospite speciale all'Università Luiss Guido Carlo di Roma (foto: LaRepubblica)

Il discorso di Paola Cortellesi contro gli stereotipi: “Biancaneve faceva da colf ai nani”

Culture - Redazione Milano 11.1.24