Tutte pazzə per Emma Stone: perché piace così tanto?

L'attrice porta a casa un secondo Oscar e fa la storia del cinema. Ma il nostro cuore l'ha già conquistato da tempo.

ascolta:
0:00
-
0:00
MARK SELIGER, VANITY FAIR
MARK SELIGER, VANITY FAIR
3 min. di lettura

Stanotte agli Oscar 2024 Emma Stone ha fatto la storia: con il vestito strappato e le palpitazioni, ha ritirato la sua seconda statuetta come Miglior Attrice Protagonista per Povere Creature di Yorgos Lanthimos (di cui potete leggere la nostra recensione). Quando annunciano il suo nome lei è quasi  stordita: ci mette un attimo a fare due più due e sembra davvero una che non aveva minimamente contemplato di salire ancora una volta su quel palco, a soli 35 anni.

Eppure ogni volta che leggo “secondo Oscar” io sento l’urgenza di correggervi: Stone, nei miei cuori e in quelli di chi la segue dal quarto liceo, l’Oscar l’ha già vinto nel 2010 per quel piccolo grande cult intitolato Easy A (da noi Easy Girl). Quando  interpretava Olive Penderghast, adolescente che a causa di una serie di sfortunati eventi diventava la ‘sgualdrina’ della scuola, riservandoci battute come “my name is an anagram for I love” e performance canore sulle note di Pocketful of Sunshine di Natasha Beginfield.

Fino ad allora aveva interpretato anche una fantasma con l’apparecchio ai denti che costringeva Matthew McConaughey a rivistare i suoi vecchi date in La Rivolta delle Ex (2009), una cacciatrice di zombie in Zombieland, e una delle sfigatissime studentesse di La Coniglietta di Casa (2008), ma il marchio di fabbrica è sempre stato  lo stesso: mimica facciale in grado di condensare cinque sentimenti diversi in 0.5 secondi e tempi comici da rendere fiera Lucille Ball.

Dentro e fuori lo schermo, è sempre stato facile amarla: autoironica senza mai esagerare, gentile senza risultare stucchevole, in grado di rendere umana anche a Crudelia De Mon (nel sottovalutassimo Cruella, ancora uno dei pochi live-action Disney meritevoli del vostro tempo). Il suo è un carisma che rassicura e  riconosci al volo:  un po’ grazie a quegli occhioni azzurri giganti che ti sbatte in primo piano. Un po’ perché perennemente agitata, scoppia a ridere insieme alle co-star e manda allo scatafascio le interviste, chiacchiera nel bel mezzo della cerimonia e si dimentica di salire sul palco. She’s the kind of book that you can’t put down/ Like if Cleopatra grew up in a small town canta Taylor Swift che la ama così tanto da averle scritto una canzone intitolata  When Emma Falls in Love.

Nel 2016 recita in La La Land e conquista il mondo interpretando Mia Dolan, aspirante attrice nella città degli angeli che balla tip tap sulla Sunset Boulevard e scambia un ultimo sguardo con Ryan Gosling prima dei titoli di coda che fa piangere chiunque.  Le valse la prima statuetta, ma il meglio di Emma Stone doveva ancora arrivare: solo qualche anno dopo Yorgos Lanthimos la vuole in La Favorita, e la principessa del popolo si trasforma in un’esilarante, avida, e meschina, dama di corte, disposta a diventare l’amante della regina Vittoria e sfregiare Rachel Weisz.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Un post condiviso da Searchlight Pictures (@searchlightpics)

Il sodalizio con il regista greco non è solo un rapporto lavorativo che ne valorizza le doti recitative, ma un rapporto di fiducia reciproca in grado di tenere bada quell’ansia che la tormenta sin da quando ha nove anni, quando telefonava alla mamma per accertarsi che “nessuno sarebbe morto e niente sarebbe cambiato”. Nelle sue parole, una condizione estremamente egoista da portare dietro, dove passi buona parte del tempo a guardarti da fuori: “Non per insultare altre persone che soffrono d’ansia – io ce l’ho ancora – ma perché pensi parecchio a tee stesso. Ti chiedi di continuo: cosa mi succederà? Cosa ho detto? Cosa ho fatto?” ha spiegato recentemente a Stephen Colbert.

Con Povere Creature, Emma Stone non porta solo a casa un altro Oscar, ma stordisce quell’ansia insieme a Bella Baxter:  un personaggio privo di freni inibitori o vergogna di alcun tipo, per cui tutti quei precostrutti sociali che ci tengono a bada sin da bambinə, che ci dicono cos’è consono e cosa è inadeguato, non esistono più. È una creatura impulsiva, caotica, curiosa, violenta, mostruosa, e completamente priva di vergogna, per cui l’attrice prova una gratitudine che sembra andare oltre la macchina da presa. A chi accusa il film di male gaze e troppe scene di sesso, Stnee ricorda che a produrlo è stata proprio lei: “È stato un privilegio guardare il mondo attraverso i suoi occhi” ha ribadito più volte in questi mesi.

Che sia una frase fatta per la stagione dei premi o sincero affetto, Emma Stone ce la fa anche stavolta: non devi sforzarti troppo per crederle.

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

spiagge gay italiane spiagge queer lgbtqia

Speciale Spiagge 2024: 100 spiagge gay in Italia da non perdere

Viaggi - Redazione 1.7.24
Roberto Bolle

Roberto Bolle lo ha fatto di nuovo: lo spettacolo con i suoi “friends” conquista l’Arena di Verona – FOTO

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24
Simone Nolasco Intervista Gay.it

Simone Nolasco: “Così è nata la scena hot con Troye Sivan. Le critiche? Sul palco si porta la vita” – Intervista

Culture - Emanuele Corbo 25.7.24
“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy - specchio specchio - Gay.it

“Specchio specchio delle mie brame”, la sexy gallery social vip tra Mahmood, Powell, Pascal e Kenworthy

Corpi - Redazione 24.7.24
Tutti i coming out "vip" del 2024 - Coming Out 2024 - Gay.it

Tutti i coming out “vip” del 2024

News - Federico Boni 19.7.24
Tommaso Stanzani, primo bacio social all'amato Oreste Gaudio (VIDEO) - Tommaso Stanzani primo bacio social allamato Oreste Gaudio VIDEO - Gay.it

Tommaso Stanzani, primo bacio social all’amato Oreste Gaudio (VIDEO)

Culture - Redazione 24.7.24

Continua a leggere

Kristen Stewart per Rolling Stone (2024)

Kristen Stewart parla di fluidità di genere in jockstrap su Rolling Stone (e i repubblicani sono infuriati)

Culture - Redazione Milano 15.2.24
Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. "Grazie per l'amore corrisposto" - Milena Cannavacciuolo - Gay.it

Milena Cannavacciuolo, chiuso il crowdfunding. Raccolti 61.717 euro. “Grazie per l’amore corrisposto”

News - Redazione 8.4.24
FOTO: SONJA FLEMMING/CBS

Grammy 2024, Annie Lennox omaggia Sinead O’Connor e chiede il cessate il fuoco: “Pace nel mondo!” – VIDEO

Culture - Redazione Milano 5.2.24
L'Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite? - taylor - Gay.it

L’Eras Tour di Taylor Swift è una bellissima illusione: non la capite?

Musica - Riccardo Conte 15.7.24
Elly Schlein

Donne LGBTI+ e politica: pregiudizi, molestie, violenze, così la resistenza patriarcale tenta di dissuaderle

News - Francesca Di Feo 29.3.24
©AFP

Meryl Streep è nessunə e tuttə noi

Cinema - Riccardo Conte 20.5.24
Billie Eilish agli Oscar 2024

Billie Eilish e il 2° storico Oscar: “per sentirsi la migliore versione di sé stessi” – Guarda la performance di “What Was I Made For?” – VIDEO

Musica - Emanuele Corbo 11.3.24
donne del 25 aprile

Le donne del 25 aprile: combattenti mai più dimenticate

Culture - Riccardo Conte 24.4.24