Firenze: festa internet in Stazione Leopolda

di

Parte Web-City, festa dell'internet, dal 21 al 30 marzo: in anteprima un video di Oliviero Toscani realizzato con Jovanotti, poi "Twin Towers of light" e la mostra "L'arte...

CONDIVIDI
0 Condivisioni Facebook Twitter Google WhatsApp
0

Clicca mi piace per non perdere nemmeno una notizia.


Si apre a Firenze (Stazione Leopolda), dal 21 al 30 marzo, una grande rassegna internazionale dedicata alla cultura Web: il linguaggio contemporaneo dove ogni giorno professionalità diverse s’incontrano per sperimentare nuovi linguaggi e culture.

Web City, evento italiano di Internet Fiesta promossa dalla Comunità Europea, é ideata e organizzata da Artport con la collaborazione di Regione Toscana, Provincia e Assessorato alla Cultura del Comune di Firenze. Il programma prevede postazioni video, dibattiti, luoghi di ristoro, punti gioco interattivi, workstation, megaschermi in connessione permanente con la rete.

Web- City presenterà in esclusiva, e in contemporanea con gli Stati Uniti, due importanti operazioni culturali realizzate dalla città di New York: Twin Towers of light, uno spettacolare progetto illuminotecnico che simula le due torri andate perse nel grave attentato dell’11 settembre, e la mostra Arts respond to 11 september: esposizione dei manifesti vincitori del concorso internazionale indetto dalla città di New York tra gli artisti contemporanei, in risposta ai gravi avvenimenti di settembre.

E ancora, una serata a sostegno di Nessuno Tocchi Caino: concerto parlato contro la pena di morte ideato da Oliviero Toscani, realizzato in collaborazione con l’Associazione Nazionale Italiana Cantanti e patrocinata dalla Regione Toscana e dal Segretariato Sociale della Rai (26 marzo), dove le parole e le canzoni di Leandro Barsotti ed Enrico Ruggeri, insieme alle riflessioni di Oliviero Toscani, Jovanotti e Paolo Crepet, su figli, padri, pene, saranno supportate dalle immagini del filmato di Oliviero Toscani "L’Orfano". Girato in carcere, il video racconta la storia e le angosce di Paolo Pasimeni, il ragazzo di 23 anni che l’11 febbraio del 2001 ha ucciso il padre, professore universitario, confessandone il giorno dopo il delitto.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:


Commenta l'articolo...