SOLIDARIETÀ GAY

di

Messaggi per il 16enne che pensa al suicidio

1909 0

Pochi giorni fa abbiamo pubblicato la lettera (clicca qui per leggerla) di Ruggero, un ragazzo friulano di quindici anni che, incapace di vivere liberamente la propria sessualità nella società, affermava di pensare spesso al suicidio. Alla richiesta di aiuto del giovane, Ha risposto Maurizio Palomba, psicologo psicoterapeuta esperto di LEO.

La lettera, drammatica e toccante, rappresenta, purtroppo, la situazione di tanti giovani omosessuali, che lottano per accettare la propria identità e per viverla libermanete nel mondo in cui sono. Il tema è stato affrontato anche da una serie di articoli apparsi alcune settimane fa, ma ancora estremamente attuali (clicca qui per la pagina con tutti gli articoli).

Ruggero ha poi risposto ai suggerimenti di Maurizio Palomba. Purtroppo dale sue parole non traspare un netto miglioramento. Le riportiamo di seguito:

Caro Maurizio (mi rivolgo direttamente a te che mi hai già risposto in precedenza, non dimenticando in ogni caso di ringraziare gli altri esperti di Leo) sono quel ragazzo 15enne del Friuli, ti ringrazio moltissimo per avermi risposto, rileggere la mia lettera (con relativa risposta) è stata davvero un’illuminazione!!! Non smetterei mai di ringraziarti! Sai, in questo periodo mi sento più confuso del solito, non me la sento di farti perdere ancora tempo con me! Comunque ti prometto che se non riesco ancora a tirarmi su ti scriverò nuovamente! Ti ringrazio nuovamente!!
Ruggero

Le sofferenze di Ruggero hanno evidentemente colpito molti: la redazione ha ricevuto un’incredibile ondata di messaggi di solidarietà col giovane friulano, in quantità davvero sorprendente. E’ evidente che questi temi sollevano l’animo di molti: chi ci è già passato, sente il desiderio di dare un consiglio, un aiuto a chi ne soffre, e chi li sta affrontando, si unisce idealmente con gli altri.

Siamo stati così testimoni di questa impoenente manifestazione di solidarietà, ma impossibilitati a raggiungere Ruggero che non ci ha lasciato la sua email (il form di LEO con il quale è possibile inviare le proprie domande, è anonimo); abbiamo perciò deciso di pubblicare i messaggi arrivati, perché siano d’aiuto magari anche ad altri ragazzi che vivono situazioni simili a quella di Ruggero.

Li riportiamo, dunque, di seguito, ringraziando tutti coloro che ci hanno fatto pervenire l’autorizzazione alla pubblicazione del messaggio, e a tutti quelli che hanno scritto sull’argomento.

massimo (massimino@gay.it)
ciao sono Massimo di Campi Bisenzio (Firenze). Ti scrivo prima di tutto per non abbatterti perchè sei un ragazzo normalissimo. Mi sarebbe piaciuto conoscerti di persona avendoti vicino di casa per spiegarti alcune cose. Non pensare in negativo, anzi pensa sempre in positivo. Io per fortuna mi sono sempre accettato sin da piccolo. Ancora sei molto giovane da capire alcune cose della vita comunquenon devi avere paura degli altri, perchè non sono loro che ti danno la felicita’ ma sei tu. Ama te stesso.

Lisa (cnisea@yahoo.com)
Ciao, sono Lisa e so bene di essere estranea in un ambiente che di solito non è il mio: spero mi accetterete per qualche riga. Io sono etero, ho 30 anni e ogni tanto faccio 1 capatina su gay. it che trovo molto interessante e ben fatto. Scrivo xchè mi ha colpito molto la lettera del 15enne che sta malissimo: vorrei solo dire che, mentre leggevo, mi venivano in mente i miei amici gay, in partic. uno, 26enne (ok, maturo con adolescenza+problemi correlati ormai risolti) che – sapeste – è una persona così dolce e SOLARE che non potevo fare a meno di pensare "Un giorno forse anche questo ragazzino potrà essere tranquillo, beato e felice come lui".

Non so, un’e-mail non può rendere i miei pensieri e soprattutto le mie sensazioni, ma tutti abbiamo avuto quei stramaledetti 15 anni! Se penso a come stavo io, che pure non avevo questioni di "coming-out" o simili, anch’io mi sentivo brutta, goffa e in generale indesiderabile. Una sensazione orrenda che adesso è solo 1 brutto ricordo! Per cui vorrei dire di TENERE DURO e si troverà il modo di "uscirne", di "sentirsi bene dentro", compresa la questione di essere gay e di affrontarla socialmente proprio in quell’età nella quale tutto socialmente è così nuovo e complicato. Coraggio e farsi forza: se vuoi puoi!! Grazie dell’ospitalità a gay. it ed in bocca al lupo. Lisa

twentyfour (dcr1dcr@supereva.it)
Amico friulano ho letto per caso la tua lettera sono rimasto molto colpito dalla tua lettera, rivedevo un po’ me alla tua eta ho sofferto tanto ma poi alla fine ho vinto , non cedere mai il tuo amore e’ dietro l’angolo ti aspetta e ti chiama ma il tuo cuore e’ sordo perche offuscato da pensieri di morte , buttali via amico sgombra il tuo cuore e sentirai quella dolce voce che ti dira TI AMO. Ciao amico ti sono vicino.

CONTINUA A LEGGERE...

Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...