CINEMA GAY A CASA

di

Home video: in uscita tre film gay targati E.mik: "Vagon Fumador", "Escape to life" e "Man of the year". Tra fiction, satira e il dramma dei figli di...

1463 0

La fedelissima E.mik, la ‘videoteca d’autore online’ della Mikado che vende film solo via Internet (www.emik.it), propone per il mese di luglio ben tre titoli gay/lesbici:

in ‘Vagon Fumador‘ (‘Carrozza fumatori’) dell’argentina Veronica Chen, già montatrice di Marco Bechis per ‘Garage Olimpo‘, il disincantato Andrès si prostituisce con maschi nei Bancomat di una Buenos Aires livida e notturna, vaga per la città e in sordidi hotel, conosce la giovane Reni che suona in una piccola banda rock, svela il suo cinismo ("Tutto ha un prezzo, io ho un prezzo e so di essere caro"), va a letto con lei, la lascia prendere un treno che l’allontanerà. Molta camera a mano, riprese traballanti e un’immagine sporca e sgranata (è girato in 16 mm poi gonfiati a 35), tanto maledettismo giovanilista e un po’ di maniera.

In ‘Escape to Life: The Erika and Klaus Mann Story‘ di Wieland Speck (il bravissimo direttore della sezione ‘Panorama’ al Festival di Berlino) e Andreas Weiss si narra dei figli maggiori del grande scrittore premio Nobel Thomas Mann, entrambi omosessuali e artisti (lui era giornalista e autore del ‘Mephisto‘ da cui trasse l’omonimo film Istvan Szabo, lei poetessa e attrice). Erika e Klaus Mann furono costretti ad abbandonare la Germania a causa delle persecuzioni naziste, lui divenne tossicodipendente e morì suicida. Tra le voci narranti quella della sublime Vanessa Redgrave.

Man of the year‘ di Dirk Shafer (foto) è invece quello che gli americani chiamano ‘mockumentary’, un documentario ironico e divertente sulla vicenda dello stesso regista (autore del film ‘Circuit’ sulle party nights gay statunitensi, passato all’ultimo Festival Gay di Milano) che nel 1992 fu eletto dalla rivista Playgirl ‘uomo dell’anno’ pur essendo gay.

Tutto nacque da una foto inviata alla rivista e a successive selezioni che gli valsero un servizio fotografico e poi l’ambito titolo. Fu persino definito ‘L’uomo ideale per ogni donna’. Nel video si ripercorrono le molte interviste televisive, la complicità della sua amica Vivian Paxton, l’imbarazzante episodio di Angela Lucassey, una donna di Reno che vinse un concorso di Playgirl per avere un appuntamento con Dirk, le pressioni del fidanzato di lui per fare il coming out, infine la testimonianza di uno stripper che rivelò l’omosessualità del regista.

Tre opere molto diverse tra loro (fiction drammatica, drammatico documentario storico, documentario satirico) assolutamente da non perdere.

Leggi   La nostra Jeanne Moreau: libertà, creatività e omosessualità
Tutti gli articoli su:

Commenta l'articolo...