Foto

Maschile Plurale, arriva il sequel di Maschile Singolare. Foto, sinossi e trailer

Dal 15 febbraio al cinema e da giugno in streaming per celebrare il Pride Month, tornano Giancarlo Commare e Gianmarco Saurino.

ascolta:
0:00
-
0:00
Maschile Plurale, arriva il sequel di Maschile Singolare. Foto, sinossi e trailer - Maschile Plurale - Gay.it
Maschile Plurale
4 min. di lettura

Tre anni dopo l’uscita del piacevolissimo Maschile singolare, Alessandro Guida torna questa volta in solitaria alla regia con Maschile Plurale, sequel che arriverà nelle sale d’Italia il 15 febbraio, per poi sbarcare in streaming a giugno, Pride Month, su Prime Video.

Scritto dallo stesso Guida, Giuseppe Paternò Raddusa e Gaia Maria Musacchio, il film ritrova Giancarlo Commare e Gianmarco Saurino, ancora una volta protagonisti insieme a Michela Giraud, con le novità di Andrea Fuorto (recentemente visto in Patagonia), Francesco Geghi, Nicole Rossi di Skam Italia, Giulio Corso, Claudio Colica e Lidia Vitale.

Tre anni dopo la morte di Denis, l’amico che li ha uniti, Antonio e Luca incrociano di nuovo le loro esistenze. Antonio è diventato un pasticciere di successo e workaholic. Luca invece ha conosciuto Tancredi, operatore di una casa-famiglia per giovani LGBTQ+, che lo ha aiutato a superare una fase complessa della sua vita. Quando i due si ritrovano, Antonio – la cui vita sentimentale stenta a decollare – capisce di provare qualcosa di importante per Luca, e gli propone di rilevare insieme il forno di famiglia che l’amico è stato costretto a vendere. Un’avventura che ha come scopo finale la (ri)conquista di Luca. Nonostante Cristina, l’amica storica, sia scettica, Antonio tenta di sabotare la relazione di Luca, convinto che il passato sia tornato per aiutarli. Sarà davvero così? O è solo un’illusione?

Questa la sinossi ufficiale di Maschile Plurale, sequel che si concentrerà sulle vicende emotive dei personaggi e sul loro modo di affrontare problematiche e relazioni comuni a tutti. “Questo rende Maschile Plurale un film aperto a un pubblico molto più ampio di quello della comunità LGBTQ+”, fanno sapere dalla produzione. “Con Maschile Plurale vogliamo offrire al pubblico un sequitur della storia iniziale che ha avuto, ricordiamo, fortuna di audience anche nel circuito internazionale, dove è stato presentato con il titolo di Mascarpone, in omaggio all’attività pasticcera dei protagonisti. Il tema universale della ricerca di sé si svolge così in una quotidianità a chiare tinte LGBTQ+, dalla quale non sono però assenti turbamenti o dubbi, segreti da nascondere e in cui i personaggi si muovono con orgoglio e piena accettazione”.

Guida, regista e co-sceneggiatore, ha aggiunto.

Maschile Plurale nasce come una sfida: poter realizzare un sequel migliore del primo, Maschile Singolare. E viene anche dichiarato nel film: facendo un paragone tra cinema e amore, una delle protagoniste, Cristina, afferma che i sequel sono sempre peggiori del film originale. Come una grande storia d’amore che è stata vissuta in modo intenso ma che è finita: non può tornare, non può essere vissuta una seconda volta. In amore non ci sono seconde occasioni, il passato non ritorna: sono tutte “minestre riscaldate”. Il nostro protagonista, Antonio, non è d’accordo e per questo motivo tenta una seconda chance con Luca, con il quale nel primo film ha avuto solo una breve relazione sfortunatamente sfociata nell’incomprensione e nella gelosia. Questa volta Antonio vuole trasformare una ritrovata amicizia in un vero e proprio rapporto d’amore. Ecco che l’intento del protagonista coincide con il mio da regista. Da parte mia, infatti, non c’è solo la volontà di proseguire il racconto dei personaggi del primo film che qui ritroviamo dopo tre anni, ma c’è l’urgenza di approfondire i loro caratteri per mostrarne cambiamenti, crescita, delusioni: emozionando il pubblico con un lungometraggio ancora più spettacolare e coinvolgente. Molti spettatori del primo film, anche lontani dal personaggio di Antonio, si sono riconosciuti nel suo percorso: un uomo che perde l’amore di una vita e che comprende che, prima di ricercare una nuova persona da amare, deve imparare ad amare se stesso. In questo secondo capitolo, empatizzeranno con Antonio rispetto alla sua scelta di lottare per riavere Luca. Molti – non solo i nostalgici – saranno d’accordo con il protagonista. In amore, le seconde occasioni esistono. Lo stile di regia adottato è simile a quello del primo film: ovvero una regia invisibile. Non far mai sentire la macchina da presa allo spettatore, niente deve distrarlo dalla narrazione della storia di Antonio. Pochi dettagli, al centro dell’inquadratura solo la figura umana del protagonista e di chi desidera o lo affianca. I movimenti di macchina sono giustificati solo dalle azioni, emozioni e sguardi dei personaggi, per questo la scelta di utilizzare lenti con fuoco molto selettivo, per sottolineare la distanza tra i nostri protagonisti e l’ambiente circostante. Anche il montaggio segue lo stesso ritmo del battito del cuore del nostro personaggio principale. Preciso e regolare nei momenti di calma e divertimento con gli amici, veloce e alternato quando Antonio progetta e immagina il proprio futuro; piani sequenza senza stacchi per soffermarci insieme a lui sulla situazione che sta vivendo; improvvisi “scavalcamenti di campo” quando il suo cuore si ribella e va in controtendenza al suo pensiero. Come le riprese anche i colori, la fotografia, la scenografia, le musiche sono complementari e mimetiche, così da accompagnare la scena, l’atmosfera, mai sottolinearla. Il film è stato girato – come il primo – nel quartiere di Testaccio, romantico ma allo stesso tempo urbano e dinamico. Raccontiamo sempre la comunità LGBTQ+ della Capitale in modo contemporaneo ed originale, mostrando anche nuove realtà sociali appena nate come il Rifugio: una casa-famiglia per giovani ragazze e ragazzi. Maschile Plurale è una commedia romantica che bilancia battute e situazioni molto divertenti a momenti più intimi e passionali, senza paura di mettere i protagonisti a nudo“.

Maschile Singolare ha fatto incetta di premi e nomination in numerose manifestazioni dedicate. Si è aggiudicato infatti il Premio per il Miglior Film Italiano ai 2022 -Diversity Media Awards, nonché il Premio del pubblico come Miglior Lungometraggio al 2022 –Fire!! Mostra de Cinema LGTBI de Barcelona e al 2021 –Ortigia Film Festival. Ha inoltre ricevuto il Premio Miglior attore a Giancarlo Commare e la Candidatura al miglior regista esordiente a Matteo Pilati e Alessandro Guida e la Candidatura al miglior attore a Eduardo Valdarnini ai 2021 –Fabrique Awards. Ai 2021 –OUTShine LGBTQ+ Film Festival è stato riconosciuto Best Feature: Jury Award Runner-Up Fort Lauderdale Edition, al 2021 –Palm Springs LGBTQ Film Festival è stato sia Festival Favorite AwardsiaDirector’s Choice Award. E ancora: 2021 –Chicago LGBTQ+ International Film Festival premiato come Best Narrative Feature Audience Award e 2021 –Way OUT West Film Fest come Favorite Narrative Feature.

 

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

Front Runners Milano Prima Running Community LGBTQIA+ in Italia

Cagliari calcio e i suoi tifosi premiati da Arcigay Sport: “Italia in Campo contro l’Omobitransfobia 2024”

Corpi - Francesca Di Feo 22.6.24
intervista a la spezia pride

La Spezia Pride ostacolato dalle istituzioni, il difficile rapporto con la destra che amministra la città – intervista

News - Gio Arcuri 20.6.24
aggressione-foggia-intervista

Foggia, parla Alessandro, vittima dell’aggressione: “Trasformiamo la violenza in sogno” – intervista

News - Francesca Di Feo 21.6.24
Studente delle Filippine sgrida il Papa: "Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male" (VIDEO) - Papa Francesco e Jack Lorenz Acebedo Rivera - Gay.it

Studente delle Filippine sgrida il Papa: “Smetta di usare un linguaggio omofobo. Fa male” (VIDEO)

News - Redazione 21.6.24
Mahmood coming out_ Foto dalla sfilata di Prada

Quella specie di coming out di Mahmood in inglese: media italiani impazziti

Musica - Mandalina Di Biase 20.6.24
Brian May: "Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito "queer", l'omofobia colpì i Queen" - Freddie Mercury 2 - Gay.it

Brian May: “Freddie Mercury non avrebbe voluto essere definito “queer”, l’omofobia colpì i Queen”

Musica - Redazione 21.6.24

I nostri contenuti
sono diversi

The Room Next Door di Pedro Almodovar, 1a immagine e sinossi del film con Tilda Swinton e Julianne Moore - The Room Next Door di Pedro Almodovar - Gay.it

The Room Next Door di Pedro Almodovar, 1a immagine e sinossi del film con Tilda Swinton e Julianne Moore

Cinema - Redazione 13.6.24
I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming - Film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 4 marzo/10 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 4.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 12/18 febbraio tra tv generalista e streaming - Film febbraio 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 12/18 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 12.2.24
L'Amante dell'Astronauta, l'amore queer "spudoratamente felice" che abbatte limiti ed etichette - Lamante dellastronauta 05 - Gay.it

L’Amante dell’Astronauta, l’amore queer “spudoratamente felice” che abbatte limiti ed etichette

Cinema - Federico Boni 14.6.24
Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film - Antonio Vivaldi - Gay.it

Antonio Vivaldi e la sua rivoluzionaria orchestra tutta al femminile diventano film

Cinema - Redazione 15.3.24
I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming - film queer - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 11 marzo/17 marzo tra tv generalista e streaming

Culture - Federico Boni 11.3.24
American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson - American Fiction - Gay.it

American Fiction, la critica applaude lo Sterling K. Brown gay nella commedia di Cord Jefferson

Cinema - Redazione 17.1.24
Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Back to Black Marisa Abela e Amy Winehouse nel primo trailer del biopic - Gay.it

Back to Black, Marisa Abela è Amy Winehouse nel primo trailer del biopic

Cinema - Redazione 11.1.24