André Silva, il Dio greco milanista che ha portato il Portogallo ai Mondiali

di

André SilvaAndré Silva in costume.
André Silva
André Silva 2André Silva, spogliatoio.
André Silva 2
André Silva 3
André Silva 3
André Silva 4
André Silva 4
André Silva 5André Silva in barca.
André Silva 5
André Silva 6André Silva in spiaggia.
André Silva 6
André Silva 7André Silva in nazionale.
André Silva 7
André Silva 8André Silva.
André Silva 8
    9284 2

    Sbarcato in Italia la scorsa estate, sponda Milan, per circa 40 milioni di euro, André Silva ha regalato la qualificazione ai mondiali russi del 2018 al  Portogallo.

    Suo il decisivo 2-0 che ha permesso ai lusitani, campioni d’Europa in carica, di battere e superare la Svizzera, volando direttamente a quei mondiali che l’Italia di Giampiero Ventura, tanto per citare una Nazione in bilico, deve ancora conquistare attraverso i temibili spareggi. Qualificazioni che hanno visto il 21enne assoluto mattatore, con 9 reti messe a segno, ovvero una ogni 78 minuti (11 realizzazioni in 17 presenze totali con la nazionale).

    185 cm per 75 kg, Silva è letteralmente cresciuto nel Porto, prima di approdare alla corte di Vincenzo Montella con il suo forziere di attese e complimenti. Uno su tutti Cristiano Ronaldo, pluri-pallone d’Oro che senza troppi giri di parole l’ha descritto come  l’attaccante del futuro, il monolite portoghese a cui aggrapparsi una volta sancito il suo addio, un autentico fenomeno. E non solo di bellezza, ipnotica nella sua assoluta perfezione fisica. Un volto da modello, quello di André, impeccabile in quei  lineamenti che hanno già conquistato migliaia  di tifose e di tifosi, rossoneri e non.

    Peccato che lo score di Silva nella nostra Seria A segni ancora quota ‘zero’, in 3 partite giocate, mentre in Europa League André ha trascinato i diavoli a suon di reti. Ben sei in 6 match. Un goal ogni novanta minuti, praticamente, per un centravanti forte fisicamente, rapido e dalla buona tecnica individuale. Ma soprattutto, ruor alla mano, ufficialmente single.

    Tutti gli articoli su:

    Commenta l'articolo...