Addio Pranshu, a 16 anni si è tolto la vita, ucciso dal cyberbullismo omobitransfobico

Dall'India la storia di un teenager che aveva trovato sui social uno spazio di libertà e autodeterminazione.

ascolta:
0:00
-
0:00
india-pranshu-influencer-morto-suicida
2 min. di lettura

Se hai pensieri suicidi ricorda che puoi telefonare in modo anonimo al numero 06 77208977 oppure chiamare la Gay Help Line telefonando al 800713713

La tragica storia di Pranshu, giovane make-up artist ed influencer indiano di soli sedici anni, tragicamente scomparso per suicidio, ha riacceso il dibattito sul problema dell’omobitransfobia e del cyberbullismo che affligge la comunità LGBTQIA+ in India.

La sua scomparsa non è un caso isolato, ma rappresenta una realtà dolorosa che coinvolge numerosǝ giovani queer, costantemente in lotta contro l’odio e il pregiudizio – un fenomeno accentuatosi con l’accessibilità di piattaforme social come Instagram e TikTok.

Pranshu, originario di Divine City, Ujjain, in India, è stato trovato senza vita dalla madre il 21 novembre. Il ragazzo, che frequentava ancora le scuole superiori, aveva già guadagnato una certa notorietà online grazie alla sua passione per il make-up, diventando una microcelebrità nel settore del beauty – con oltre 14.000 mila followers e 300 post.

Nonostante il successo, la sua presenza sui social media si era presto trasformata in un bersaglio per attacchi omofobi e transfobici, in particolare dopo la diffusione virale di un suo video su Instagram, in cui indossava un sari – abito cerimoniale femminile– durante la celebrazione del Diwali, la “festa delle luci”, una delle più importanti nella tradizione indiana.

Da qui, la pioggia di commenti discriminatori e offensivi, che continua ancora oggi dopo la sua morte.

 

View this post on Instagram

 

A post shared by . (@glamitupwithpranshu)

Il collettivo LGBTQIA+ Yes, We Exist – uno dei più attivi sul territorio – ha sottolineato come il Reel di Pranshu, che aveva accumulato oltre 4.000 commenti, la maggior parte dei quali discriminatori, nei giorni precedenti alla morte del ragazzo, fosse un esempio lampante del cyberbullismo che colpisce la comunità LGBTQIA+ in India.

Il gruppo ha anche messo in luce la necessità che Meta, società madre di Instagram e Facebook, intensifichi i suoi sforzi nel contrastare il cyberbullismo, in particolare potenziando i team di moderazione non di lingua inglese.

Paradossalmente infatti, uno degli hashtag più utilizzati per sensibilizzare sulla tragedia – #JusticeForPranshu – sarebbe stato bloccato da Meta per “presunte violazioni delle linee guida della comunità”. Ma se ad essere segnalato è il linguaggio d’odio, chi monitora chiude sempre un occhio. 

In un’intervista a PinkNews, Jeet, fondatore di Yes, We Exist, ha espresso la sua frustrazione per la risposta inadeguata di Meta alle loro richieste di intervento.

La scomparsa di Pranshu rappresenta un doloroso monito sulle gravi ripercussioni che il bullismo online può avere nella vita reale – spiega – Questo tragico evento sottolinea amaramente quanto l’omofobia e la transfobia sui social network possano avere conseguenze devastanti.

La nostra esperienza personale conferma però un’altra triste realtà: segnaliamo ripetutamente contenuti queerfobici sui social media, ma, nella maggior parte dei casi, non vengono prese azioni concrete per contrastarli. Sembra che, anziché prendere provvedimenti contro i responsabili di questi atti di bullismo, sia la piattaforma di Meta a penalizzare coloro che li denunciano.

La comunità LGBTQIA+ in India è in lutto non solo per la perdita di Pranshu come individuo, ma anche per le profonde sfide sistemiche che affrontiamo ogni giorno. Il nostro dolore va oltre la scomparsa di una singola persona; piangiamo per una realtà in cui l’odio, il pregiudizio e l’indifferenza continuano a minacciare la nostra esistenza e la nostra sicurezza”.

Se hai pensieri suicidi ricorda che puoi telefonare in modo anonimo al numero 06 77208977 oppure chiamare la Gay Help Line telefonando al 800713713

 

 

View this post on Instagram

 

A post shared by . (@glamitupwithpranshu)

Gay.it è anche su Whatsapp. Clicca qui per unirti alla community ed essere sempre aggiornato.

© Riproduzione riservata.

Partecipa alla
discussione

Per inviare un commento devi essere registrato.

Trending

fedez luis sal chiara ferragni fabrizio corona

“Fedez ha una relazione con Luis Sal”, a processo per diffamazione Alessandro Rosica: “Ha offeso la reputazione del rapper”

News - Redazione 19.2.24
Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: "L'avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024" (VIDEO) - Lorenzo Licitra - Gay.it

Lorenzo Licitra torna in radio con Il Mio Giusto Momento: “L’avevo presentata ad Amadeus per Sanremo 2024” (VIDEO)

Culture - Redazione 19.2.24
I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming - film 2024 - Gay.it

I film LGBTQIA+ della settimana 19/25 febbraio tra tv generalista e streaming

Cinema - Federico Boni 19.2.24
Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali - Angelina Mango 1 - Gay.it

Eurovision 2024, Angelina Mango tra le favorite dei bookmakers. Le quote ufficiali

Culture - Redazione 14.2.24
Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche - Sanremo 2025 - Gay.it

Sanremo 2025, a chi affidare il dopo Amadeus? Tutti i nomi in ballo, tra ipotesi concrete e utopistiche

Culture - Federico Boni 15.2.24
taiwan-intervista-post-elezioni (5)

Taiwan: “La Cina una minaccia costante, soprattutto per la comunità queer” parla un’attivista LGBTIQ+

News - Francesca Di Feo 14.2.24

I nostri contenuti
sono diversi

Lodi, "mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile". La replica della titolare alla recensione disumana - pizzeria recensione choc - Gay.it

Lodi, “mi hanno messo vicino a un tavolo di gay e a un disabile”. La replica della titolare alla recensione disumana

News - Redazione 12.1.24
reintegrato-coordinatore-cittadino-fdi-omofobo

Dentro Fratelli d’Italia se sei omofobo fai carriera: la storia di Alessio Butti

News - Francesca Di Feo 1.12.23
alfortville arrestato 14enne bullo che insultava 15enne transgender

I suicidi delle persone transgender sono omicidi di Stato

News - Redazione Milano 7.11.23
aggressione-omofoba-andria

Perse un occhio dopo aggressione omofoba, condannato a sei anni l’aggressore

News - Redazione 31.10.23
I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia - I giovani gay e bisessuali fumano piu dei loro coetanei etero. Tutta colpa dellomobitransfobia - Gay.it

I giovani gay e bisessuali fumano e bevono più dei coetanei etero. Tutta colpa dell’omobitransfobia

News - Federico Boni 6.11.23
senegal corpo bruciato presunto gay

Senegal, riesumato e bruciato perché presunto gay e considerato “mezzo uomo e mezzo donna” – VIDEO

News - Giuliano Federico 31.10.23
Odio LGBTIAQ social network

L’odio social verso la comunità LGBTQIA+ ha conseguenze nella vita reale, ma Meta, X e TikTok non fanno abbastanza per arginarlo

News - Francesca Di Feo 25.1.24
vittorio menozzi gay iti mirko brunetti grande fratello

Grande Fratello, omofobia su Vittorio Menozzi, le battute di Mirko e Marco

Culture - Francesca Di Feo 1.12.23